Aprile 16, 2024

UAP della Nimitz: Intervista al pilota NAVY “Dietrich”

0

L’UAP della Nimitz sembra ormai un racconto dimenticato, l’UFO Tic Tac, che ha tanto fatto discutere, sembra un miraggio lontano. Non tanto per la data dell’evento in se (2004), ma per il tempo trascorso dalla sua prima pubblicazione e dalle prime interviste pubblicate nel 2017.

Oggi in questa sede non riporterò la versione integrale dell’intervista del Pilota Alex Dietrich. Ne riporterò invece le parti salienti, discusse ed inserite internamente ad un ottimo articolo di Insider. A seguire riporto anche la traduzione in italiano.

UAV della Nimitz
HANDOUT – Lt. Commander Alex Dietrich, 41, was one of the Naval fighter pilots who reported seeing a UFO in 2004, and continues to be interviewed by Pentagon officials and Congress about the incident. Undated family photo showing in her aircraft, she flew between 2001-2007. (Family photo)

UAP della Nimitz: una svolta epocale?

Commander Alex Dietrich
UAV della Nimitz
Commander Alex Dietrich

Si continua a discutere se siamo o no davanti alla svolta epocale sul fenomeno UFO. Lo stesso vale sulla disclosure che dovrebbe avvenire entro il 25 giugno al Congresso degli Stati Uniti. Ma cosa c’è di concreto in tutta questa baraonda? Allo stato attuale possiamo dire che: stiamo assistendo ad una via di mezzo tra una buffonata da baraccone in cui non si dice nulla di nuovo, ed un tiro alla fune in cui ogni giorno si tira e molla in netta contrapposizione. Un giorno Obama parla di Alieni e all’indomani si specifica, che UAP non significa alieno. Poi arriva la smentita della smentita, che dice che non lo si può escludere, è così via.

L’intervista di Dietrich sul caso UAP della Nimitz soprannominato Tic Tac

Il caso Tic Tac della Nimitz, rimane il più importante finora esposto. Purtroppo però, il materiale che in questi anni è emerso, non può essere considerato definitivo o risolutivo. Per questo, lo stesso Dipartimento della Difesa USA si esprime a tentoni ed ammette di non sapere, anche se non credo sia del tutto vero. Perchè è importante? Principalmente per il dossier di dominio pubblico e le testimonianze di piloti e personale navale della marina.

In questo contesto, le dichiarazioni di Dietrich e di David Fravor sono essenziali. Per questo ho deciso di dedicare questo intero articolo all’intervista del Tenente Pilota Dietrich. Qui di seguito l’articolo originale di Insider e poi la sua traduzione.

YouTube player

‘A flying Tic Tac wasn’t part of our plan’: Former US Navy fighter pilot describes encounter with UFO

A former US Navy fighter pilot recently shared details and some of her thoughts on an unusual experience almost two decades ago, an encounter with an unidentified flying object nicknamed the “Tic Tac.”

In mid-November 2004, as the Navy’s Nimitz Carrier Strike Group trained off the West Coast in preparation for an upcoming deployment, the destroyer USS Princeton detected several UFOs, also called anomalous aerial vehicles or unidentified aerial phenomena, moving in inexplicable ways around the carrier group.

On Nov. 14, 2004, after again detecting one of the anomalies, the destroyer tasked two F/A-18 Super Hornets to take a look around the area where it had been detected. The fighters were flown by Dave Fravor, then a squadron commander, and Alex Dietrich, then a lieutenant junior grade.

Once they arrived in the area, the pilots got a visual on a mysterious object, which was reported to be “an elongated egg or a ‘Tic Tac’ shape” that was “solid white, smooth, with no edges,” and “uniformly colored with no nacelles, pylons, or wings,” according to a military report on the event obtained a few years ago by a CBS News affiliate.

During a recent “60 Minutes” interview, Fravor recalled seeing “this little white Tic Tac-looking object” moving above the water with, as Dietrich noted, “no predictable movement” and “no predictable trajectory.”

INSIDER – Ryan Pickrell – May 27, 2021, 12:30 AM

Not ‘part of our plan’

“This didn’t fit our script,” Dietrich, who retired as a lieutenant commander, told Insider, explaining that the carrier group and the accompanying air wing were training for a deployment to the Middle East, where they might be called upon to provide precision strikes, convoy oversight, and air support, among various other missions and tasks.

“A flying Tic Tac wasn’t part of our plan,” she said, recalling their encounter with the object.

In the recent “60 Minutes” interview, Dietrich described the experience as “unsettling.” Neither aircraft was armed at the time, and she said she “felt the vulnerability of not having anything to defend ourselves.”

Talking with Insider, the former naval aviator said that it was not entirely clear how she or her commander were expected to react and respond to the mystery object, which they were not expecting to encounter.

“We do air-to-air scenarios where we expect to encounter adversary aircraft, and we have set plans for how we approach them,” Dietrich explained. “But these assume that it is a generation of fighter we would be at least familiar enough with.”

She said that at that time, she “had not been briefed on any protocol for intercepting or merging with a UAP.”

During the encounter, Dietrich remained overhead as Fravor moved in to investigate. As the commander got closer to the unidentified object, which Fravor said was about the size of his plane, it suddenly accelerated and disappeared. A different Navy flight later caught the object on infrared video.

INSIDER – Ryan Pickrell – May 27, 2021, 12:30 AM

‘We don’t know what it was’

Dietrich recalled that she experienced a “roller coaster of emotions” during the 2004 incident, with feelings running from excited to nervous. She said that her primary concern was figuring out whether it was an adversary, some sort of threat, or a even just a flight safety issue. They didn’t figure that out, and it is still not clear what it was.

Over the years, there has been a lot of speculation about this incident and others, but Dietrich told Insider that she did not let her mind “run away with wild conclusions or fantasies about what it might be.”

“I gave my report, and I went on with my life and my career,” she said, acknowledging that she has not followed this matter closely in the years since.

Dietrich revealed that at the time of the incident she was a little “disappointed” by the lack of response.

“If I had been in charge of the carrier strike group and had heard this report, I probably would have redirected assets. We had all of these aircraft and sensors and radar to collect information in that moment,” she said, adding that she is not sure “why the decision was made not to pivot in that moment and redirect focus.”

Fravor and Dietrich told “60 Minutes” that while they were debriefed, they were not aware of any further investigation into what happened that day in 2004.

“We don’t know what it was, but it was there. We saw it, and it is worth investigating further,” Dietrich told Insider.

Dietrich’s personal interest in this issue has faded over time.

“It mattered to me on November 14, 2004,” she said. “It mattered very much because I was there face-to-face with it, and it could have been a threat … In the years and now decades since, it doesn’t matter as much to me.”

INSIDER – Ryan Pickrell – May 27, 2021, 12:30 AM

‘Not jumping to conclusions’

Dietrich told Insider that by answering questions about her experiences, she hopes that if and when these incidents occur, and there have been a few, the military will “take a training time out” and “spend some resources investigating” to determine whether or not what is being observed is a danger. She also said she hopes to reduce the stigma around reporting these incidents.

This is potentially more likely given the military’s newfound interest in these incidents.

The Pentagon created the Advanced Aviation Threat Identification Program in 2007, but the program ended in 2012 as the military directed its attention to “higher priority issues,” a Pentagon spokesperson told CNN in 2017 after The New York Times dragged the program out of the shadows.

But last year, just a few months after the Pentagon declassified several videos of unexplained incidents, the Department of Defense publicly established the Unidentified Aerial Phenomena Task Force “to detect, analyze and catalog UAPs that could potentially pose a threat to US national security.”

Dietrich’s story is unusual but not necessarily unique. There have been a number of unexplained UFO sightings by US service members. One former naval aviator, retired Lt. Ryan Graves, told “60 Minutes” recently that there was a time when they saw them “every day for at least a couple of years.”

The US Navy, explaining new policies for reporting encounters with unidentified aircraft, told Politico in 2019 that “there have been a number of reports of unauthorized and/or unidentified aircraft entering various military-controlled ranges and designated air space in recent years.”

These sightings have raised a lot of questions and provided few real answers, but next month, the US intelligence community is expected to present an unclassified report on these “unidentified aerial phenomena.” It is not clear whether this report will shed light on what pilots and others have been seeing.

As for what the unexplained incidents involving the military might mean, Dietrich, a veteran pilot who flew over 200 combat missions during her career in the Navy, did not speculate. She said she would “urge patience and not jumping to conclusions.”

INSIDER – Ryan Pickrell – May 27, 2021, 12:30 AM
YouTube player

Prima di andare avanti, vorrei fare un leggero excursus sul caso dell’UAP della Nimitz

A seguire troviamo il video sul caso Tic Tac. Prima di abbandonarci alla visione del video documentario, è importante che vi dica un paio di cose. 1) purtroppo Youtube ha censurato una parte del video 2) il video per quanto sia decisamente esaustivo, non racchiude che un granello di sabbia delle info tecniche del dossier di cui si parla, sul quale era impossibile dilungarsi in queste sedi.

YouTube player

Un caso simile nella vecchia URSS

Il mondo degli UFO è molto ricco di eventi di questo tipo, qui a seguire però ve ne ho inserito uno importante, grandemente documentato e di dominio pubblico da anni. Vedremo quindi il caso di un inseguimento di un UFO da parte di caccia sovietici, mischiato a tratti di documentario di ricostruzione, andato in onda pressoché ovunque, negli anni, al mondo.

YouTube player

Adesso la traduzione dell’intervista al Pilota Dietrich

“Un Tic Tac volante non faceva parte del nostro piano”: l’ex pilota di caccia della Marina degli Stati Uniti descrive l’incontro con gli UFO

Un ex pilota di caccia della Marina degli Stati Uniti ha recentemente condiviso dettagli e alcuni dei suoi pensieri su un’esperienza insolita quasi due decenni fa, un incontro con un oggetto volante non identificato soprannominato “Tic Tac“. A metà novembre 2004, mentre il Nimitz Carrier Strike Group della Marina si addestrava al largo della costa occidentale in preparazione per un imminente dispiegamento, il cacciatorpediniere USS Princeton rilevò diversi UFO, chiamati anche veicoli aerei anomali o fenomeni aerei non identificati, che si muovevano in modi inspiegabili attorno al gruppo di unità.

Il 14 novembre 2004, dopo aver nuovamente rilevato una delle anomalie, il cacciatorpediniere ha incaricato due Super Hornet F/A-18 di dare un’occhiata all’area in cui era stata rilevata. I caccia erano pilotati da Dave Fravor, allora comandante di squadriglia, e Alex Dietrich, allora tenente junior.

Una volta arrivati ​​nell’area, i piloti hanno avuto una visuale su un oggetto misterioso, che è stato segnalato essere “un uovo allungato o una forma di ‘Tic Tac'” che era “bianco solido, liscio, senza bordi” e “uniformemente colorato senza gondole, piloni o ali”, secondo un rapporto militare sull’evento ottenuto alcuni anni fa da un affiliato di CBS News. Durante una recente intervista “60 Minutes”, Fravor ha ricordato di aver visto “questo piccolo oggetto bianco dall’aspetto di Tic Tac” muoversi sopra l’acqua con, come ha notato Dietrich, “nessun movimento prevedibile” e “nessuna traiettoria prevedibile”.

Non fa parte del nostro piano

“Questo non si adattava alla nostra sceneggiatura”, ha detto Dietrich, che si è ritirato come tenente comandante, a Insider, spiegando che il gruppo di portaerei e l’ala aerea di accompagnamento si stavano addestrando per un dispiegamento in Medio Oriente, dove potrebbero essere chiamati a fornire attacchi di precisione, supervisione del convoglio e supporto aereo, tra le varie altre missioni e compiti. “Un Tic Tac volante non faceva parte del nostro piano”, ha detto, ricordando il loro incontro con l’oggetto.

Nella recente intervista “60 Minutes”, Dietrich ha descritto l’esperienza come “inquietante”. Nessuno dei due aerei era armato in quel momento, e ha detto di “sentire la vulnerabilità di non avere nulla per difenderci”. Parlando con Insider, l’ex aviatore della marina ha affermato che non era del tutto chiaro come lei o il suo comandante avrebbero dovuto reagire e rispondere all’oggetto misterioso, che non si aspettavano di incontrare. “Facciamo scenari aria-aria in cui ci aspettiamo di incontrare aerei avversari e abbiamo stabilito piani su come affrontarli”, ha spiegato Dietrich. “Ma questi presumono che si tratti di una generazione di combattenti con cui saremmo almeno abbastanza familiari”. Ha detto che a quel tempo “non era stata informata su alcun protocollo per l’intercettazione o la fusione con un UAP”.

Durante l’incontro, Dietrich è rimasto in testa mentre Fravor si è trasferito per indagare. Quando il comandante si avvicinò all’oggetto non identificato, che Fravor disse essere delle dimensioni del suo aereo, improvvisamente accelerò e scomparve. Un altro volo della Marina ha successivamente catturato l’oggetto su un video a infrarossi.

“Non sappiamo cosa fosse”

Dietrich ha ricordato di aver sperimentato un “ottovolante di emozioni” durante l’incidente del 2004, con sentimenti che andavano da eccitati a nervosi. Ha detto che la sua preoccupazione principale era capire se fosse un avversario, una sorta di minaccia o anche solo un problema di sicurezza del volo. Non l’hanno capito e non è ancora chiaro cosa fosse. Nel corso degli anni, ci sono state molte speculazioni su questo incidente e su altri, ma Dietrich ha detto a Insider che non ha lasciato che la sua mente “scappasse con conclusioni selvagge o fantasie su cosa potesse essere”.

“Ho dato la mia relazione e sono andata avanti con la mia vita e la mia carriera”, ha detto, riconoscendo di non aver seguito da vicino la questione negli anni successivi. Dietrich ha rivelato che al momento dell’incidente era un po’ “delusa” dalla mancanza di risposta. “Se fossi stata responsabile del gruppo di attacco della portaerei e avessi ascoltato questo rapporto, probabilmente avrei reindirizzato le risorse. Avevamo tutti questi aerei, sensori e radar per raccogliere informazioni in quel momento”, ha detto, aggiungendo che è non sono sicuro “del motivo per cui è stata presa la decisione di non ruotare in quel momento e reindirizzare l’attenzione”.

Fravor e Dietrich hanno detto a “60 Minutes” che mentre sono stati interrogati, non erano a conoscenza di ulteriori indagini su ciò che è accaduto quel giorno nel 2004. “Non sappiamo cosa fosse, ma era lì. L’abbiamo visto e vale la pena indagare ulteriormente”, ha detto Dietrich a Insider. L’interesse personale di Dietrich per questo problema è svanito nel tempo. “Mi importava il 14 novembre 2004”, ha detto. “Era molto importante perché ero lì faccia a faccia con esso, e avrebbe potuto essere una minaccia … Negli anni e ora nei decenni successivi, non importa tanto per me.”

“Non trarre conclusioni affrettate”

Dietrich ha detto a Insider che rispondendo alle domande sulle sue esperienze, spera che se e quando si verificheranno questi incidenti, e ce ne sono stati alcuni, i militari “prenderanno un periodo di addestramento” e “spenderanno alcune risorse per indagare” per determinare se o meno ciò che si osserva è un pericolo. Ha anche detto che spera di ridurre lo stigma sulla segnalazione di questi incidenti. Questo è potenzialmente più probabile dato il ritrovato interesse dei militari in questi incidenti.

Il Pentagono ha creato l’Advanced Aviation Threat Identification Program nel 2007, ma il programma è terminato nel 2012 quando l’esercito ha rivolto la sua attenzione a “questioni di priorità più elevata”, ha detto un portavoce del Pentagono alla CNN nel 2017 dopo che il New York Times ha trascinato il programma fuori dall’ombra. Ma l’anno scorso, solo pochi mesi dopo che il Pentagono ha declassificato diversi video di incidenti inspiegabili, il Dipartimento della Difesa ha istituito pubblicamente la Task Force per i fenomeni aerei non identificati “per rilevare, analizzare e catalogare gli UAP che potrebbero potenzialmente rappresentare una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”.

La storia di Dietrich è insolita ma non necessariamente unica. Ci sono stati numerosi avvistamenti UFO inspiegabili da parte dei membri del servizio degli Stati Uniti. Un ex aviatore della marina, il tenente Ryan Graves in pensione, ha recentemente dichiarato a “60 Minutes” che c’è stato un tempo in cui li hanno visti “ogni giorno per almeno un paio d’anni”.

La Marina degli Stati Uniti, spiegando le nuove politiche per la segnalazione di incontri con aerei non identificati, ha dichiarato a Politico nel 2019 che “negli ultimi anni ci sono state numerose segnalazioni di aerei non autorizzati e/o non identificati che sono entrati in varie aree controllate dai militari e nello spazio aereo designato”.

Questi avvistamenti hanno sollevato molte domande e fornito poche risposte reali, ma il mese prossimo la comunità dell’Intelligence statunitense dovrebbe presentare un rapporto non classificato su questi “fenomeni aerei non identificati”.

Non è chiaro se questo rapporto farà luce su ciò che i piloti e altri hanno visto. Per quanto riguarda ciò che potrebbero significare gli incidenti inspiegabili che coinvolgono i militari, Dietrich, un pilota veterano che ha volato oltre 200 missioni di combattimento durante la sua carriera in Marina, non ha fatto ipotesi. Ha detto che avrebbe “sollecitato la pazienza e non saltare alle conclusioni”.

Ho reputato inutile interrompere le parti della traduzione per commentarle, quindi lo farò qui a seguire…

La questione dell’UAP della Nimitz rimane ancora tutta aperta. Le testimonianze vanno aumentando nel tempo. Nel mentre si attende la data di giugno in cui dovrebbe essere consegnato il report al Congresso USA. Questo dovrebbe far luce sul fenomeno UAP e dare le risposte scientifiche che dovrebbe fornire la NASA. L’Ente Spaziale USA si è preso l’incarico di studiarne l’aspetto tecnico scientifico del fenomeno, con il fine di dare un contributo finale. quest’ultima componente andrà aggiunta al report che andrà consegnato al Congresso.

YouTube player

Già da anni comunque la disclosure era in atto. Il precedente capo dell’Ente Spaziale americano aveva più volte parlato di alieni, area-51, esplorazione spaziale, civiltà interplanetarie, ecc.. Oggi un report è stato pubblicato e sarà la mia prossima lettura, per cercare di darvi anche questa notizia il prima possibile. Ma veniamo al dunque.

YouTube player

Risposte sul caso UAP della Nimitz da parte del Pilota Alex Dietrich

Alex Dietrich ha paura dell’UAP, lo stesso vale per altri piloti che incrociano gli UFO. Questo ci porta a comprendere la realtà ufologica che viene vissuta dai piloti da combattimento. Quest’ultimi possono aver paura solo per pochi motivi: 1) sanno di essere in pericolo.

2) qualcuno gli ha detto che sono pericolosi.

3) qualche atteggiamento porta a sospettare che siano aggressivi o imprevedibili. In tutti e tre i casi il comportamento dei piloti è giustificabile. Nel secondo caso però, ci potrebbe anche essere la volontà di altri a rendere il fenomeno, pericoloso ed imprevedibile, senza che lo sia veramente. ovviamente è una possibilità.

I piloti erano consapevoli del fatto che l’UAP è qualcosa di sconosciuto e mai visto, il suo comportamento è a tratti interpretabile come aggressivo, evasivo, fuggevole e strano. L’UAP della Nimitz doveva essere studiato meglio e c’erano le risorse per farlo, ma i capi non avevano interesse a farlo. Quest’ultima affermazione potrebbe essere racchiusa un’informazione passata sotto il naso dei più, interpretabile in due modi diversi, vediamoli:

1) i comandanti erano già al corrente di ciò che gli si parava davanti.

2) essi avevano ordine di non fare nulla.

In entrambe i casi l’Ammiraglio e i Comandanti di flotta si sono comportati in un modo errato. Hanno dato adito a teorie che li vedono complici di un segreto o un complotto. Questi sembrano atti a mantenere off limit’s persino ai piloti, una parte delle info.

Ultimo, ma non ultimo, il dato che emerge dall’intervista dell’ex pilota Dietrich, il fatto che lei e gli altri aviatori sono rimasti profondamente delusi dal comportamento degli alti Ufficiali e della stessa US NAVY nei confronti della questione UAP e del caso in specifico.

Conclusione

Lasciando di fatto in asso i piloti la Marina è rimasta inerme ed in disparte. Gli aviatori sono ancora in attesa di una risposta e che sperano arrivi con la consegna del Report, dobbiamo ricordare che la US NAVY rimane sottoposta a degli ordini. Le caratteristiche del Tic Tac, rimangono al momento inspiegabili e non associabili a null’altro di conosciuto.

L’evento rimane uno dei meglio documentati della storia ufologica di dominio pubblico. Si tratta di uno dei casi transmediani più discussi della storia. Questo è associabile al fenomeno degli USO, che tra quelli UFO è uno dei meno conosciuti e discussi. I report dei piloti consegnati dopo l’incontro con l’UAP sono importantissimi, ma le emozioni e le sensazioni dei piloti stessi, sono altrettanto importanti e significativi. Gli USA avrebbero gli strumenti per studiare gli oggetti volanti non identificati, ma sembra che non vogliano farlo. Chi c’è dietro il segreto sugli UFO a fronte della fine del secondo decennio del 2000? Quali sono i nuovi o vecchi interessi a tenere il segreto ed a far trapelare solo informazioni mirate? A tal fine vi invito a leggere alcuni miei articoli qui su Stato di Emergenza che parlano della Disclosure e della militarizzazione dello spazio. A seguire i tre articoli.

Una teoria sul perchè ora la NASA si occuperà di fornire prove alla disclosure

YouTube player

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *