Privacy Policy Il New York Times anticipa il report sugli UFO-UAP - Stato di Emergenza

In questi giorni il mondo dei media sembra essersi destato sulla questione UFO. Il New York Times insieme alla CNN sono quelli che si danno più da fare. In questi giorni in particolar modo il primo, sembra essere particolarmente interessato ad effettuare interviste ed a parlare dell’Argomento. Ovviamente anche la Stampa internazionale e quella italiana si sono lanciati nella corsa.

New York Times report

Peccato che a parlare sono quasi sempre giornalisti incompetenti. Non sono da meno gli esperti improvvisati e le persone di parte. Mai che vengano intervistati i ricercatori e gli studiosi, gli esperti reali del fenomeno. Le poche persone che rispecchiano alcune di queste caratteristiche le abbiamo viste negli USA. Tra queste, anche se non si può definire un esperto, Barack Obama. A questi si è aggiunto ora questo presunto report, che fa acqua da tutte le parti e che pone solo nuove domande e nuovi dubbi. Il New York times, ha inoltre intervistato il Pilota della US NAVY, su cui spero di riuscire a fare un articolo altrettanto esaudiente a breve.

In attesa di novità e del vero report che entro il 25 giugno sarà presentato al Congresso USA, cercherò di tenervi aggiornati sulla questione. Vi lascio alla versione completa ed originale dell’articolo-Report della testata giornalistica americana.

Original article

A new report concedes that much about the observed phenomena remains difficult to explain, including their acceleration, as well as ability to change direction and submerge.

WASHINGTON — American intelligence officials have found no evidence that aerial phenomena witnessed by Navy pilots in recent years are alien spacecraft, but they still cannot explain the unusual movements that have mystified scientists and the military, according to senior administration officials briefed on the findings of a highly anticipated government report.

The report determines that a vast majority of more than 120 incidents over the past two decades did not originate from any American military or other advanced U.S. government technology, the officials said. That determination would appear to eliminate the possibility that Navy pilots who reported seeing unexplained aircraft might have encountered programs the government meant to keep secret.

But that is about the only conclusive finding in the classified intelligence report, the officials said. And while a forthcoming unclassified version, expected to be released to Congress by June 25, will present few other firm conclusions, senior officials briefed on the intelligence conceded that the very ambiguity of the findings meant the government could not definitively rule out theories that the phenomena observed by military pilots might be alien spacecraft.

Americans’ long-running fascination with U.F.O.s has intensified in recent weeks in anticipation of the release of the government report. Former President Barack Obama further stoked the interest when he was asked last month about the incidents on “The Late Late Show with James Corden” on CBS.

“What is true, and I’m actually being serious here,” Mr. Obama said, “is that there is footage and records of objects in the skies that we don’t know exactly what they are.’’

The report concedes that much about the observed phenomena remains difficult to explain, including their acceleration, as well as ability to change direction and submerge. One possible explanation — that the phenomena could be weather balloons or other research balloons — does not hold up in all cases, the officials said, because of changes in wind speed at the times of some of the interactions.

The final report will also include a classified annex, the officials said. While the annex will not contain any evidence concluding that the phenomena are alien spacecraft, the officials acknowledged that the fact that it would remain off limits to the public was likely to continue to fuel speculation that the government had secret data about alien visitations to Earth.

Many of the more than 120 incidents examined in the report are from Navy personnel, officials said. The report also examined incidents involving foreign militaries over the last two decades. Intelligence officials believe at least some of the aerial phenomena could have been experimental technology from a rival power, most likely Russia or China.

One senior official briefed on the intelligence said without hesitation that U.S. officials knew it was not American technology. He said there was worry among intelligence and military officials that China or Russia could be experimenting with hypersonic technology.

He and other officials spoke on the condition of anonymity because they were not authorized to speak publicly about the classified findings in the report.

Russia has been investing heavily in hypersonics, believing the technology offers it the ability to evade American missile-defense technology. China has also developed hypersonic weaponry, and included it in military parades. If the phenomena were Chinese or Russian aircraft, officials said, that would suggest the two powers’ hypersonic research had far outpaced American military development.

Navy pilots were often unsettled by the sightings. In one encounter, strange objects — one of them like a spinning top moving against the wind — appeared almost daily from the summer of 2014 to March 2015, high in the skies over the East Coast. Navy pilots reported to their superiors that the objects had no visible engine or infrared exhaust plumes, but that they could reach 30,000 feet and hypersonic speeds.

Lt. Ryan Graves, an F/A-18 Super Hornet pilot who was with the Navy for 10 years, told The New York Times in an interview, “These things would be out there all day.” With the speeds he and other pilots observed, he said, “12 hours in the air is 11 hours longer than we’d expect.”

In late 2014, a Super Hornet pilot had a near collision with one of the objects, and an official mishap report was filed. Some of the incidents were recorded on video, including one taken by a plane’s camera in early 2015 that shows an object zooming over the ocean waves as pilots question what they are watching.

The Defense Department has been collecting such reports for more than 13 years as part of a shadowy, little-known Advanced Aerospace Threat Identification Program within the Pentagon. _The program analyzed radar data, video footage and accounts provided by the Navy pilots and senior officers.

The program began in 2007 and was largely funded at the request of Harry Reid, the Nevada Democrat who was the Senate majority leader at the time. It was officially shut down in 2012, when the money dried up, according to the Pentagon. But Luis Elizondo, who ran the program at the time, said that he continued it until 2017. After the publication of a New York Times article later that year about the program and criticism from program officials that the government was not forthcoming about reports on aerial phenomena, the Pentagon restarted the program last summer as the Unidentified Aerial Phenomena Task Force.

The task force’s mission was to “detect, analyze and catalog” sightings of strange objects in the sky that could pose a threat to national security. But government officials said they also wanted to remove the stigma for service members who report U.F.O. sightings in the hope that more would be encouraged to speak up if they saw something. The goal, officials said, was to give authorities a better idea of what might be out there.

Last year, lawmakers inserted a provision in the Intelligence Authorization Act that said the government must submit an unclassified report on what it knows about U.F.O.s. That report is the one to be released this month.

Officials briefed on the report said it also examined video that shows a whitish oval object described as a giant Tic Tac, about the size of a commercial plane, encountered by two Navy fighter jets off the coast of San Diego in 2004.

In that incident, the pilots reported an interaction with the craft, which lasted for several minutes. At one point, the object peeled away, one of the pilots, Cmdr. David Fravor, later said in an interview with The Times. “It accelerated like nothing I’ve ever seen,” he said.

The report studies that incident, including the video that accompanied the interaction. The provenance of the object, the officials said, is still unknown.

By Julian E. Barnes and Helene Cooper (New York Times)

Due video a tema UFO che coinvolgono la NATO

Questi due video non li trovate da nessun’altra parte, in quanto sono frutto di personale indagine ed investigazione, quest’ultima ancora aperta. C’è forse un velivolo segreto USA nei nostri cieli, capace di compiere incredibili manovre raggiungendo velocità impossibili o balzando da una parte all’altra del pianeta? La NATO, monitora un UFO o più UAP, costantemente presenti?

YouTube player
YouTube player

Adesso vedremo la traduzione in italiano

Gli Stati Uniti non trovano prove di tecnologia aliena negli oggetti volanti, ma non possono nemmeno escluderla

Un nuovo rapporto ammette che molto dei fenomeni osservati rimane difficile da spiegare, compresa la loro accelerazione, così come la capacità di cambiare direzione e immergersi.

WASHINGTON – I funzionari dell’intelligence americana non hanno trovato prove che i fenomeni aerei testimoniati dai piloti della Marina negli ultimi anni siano veicoli spaziali alieni, ma non sono ancora in grado di spiegare i movimenti insoliti che hanno sconcertato scienziati e militari, secondo alti funzionari dell’amministrazione informati sui risultati di un l’attesissimo rapporto del governo.

Il rapporto determina che la stragrande maggioranza di oltre 120 incidenti negli ultimi due decenni non ha avuto origine da alcun esercito americano o da altre tecnologie avanzate del governo degli Stati Uniti, hanno affermato i funzionari. Tale determinazione sembrerebbe eliminare la possibilità che i piloti della Marina che hanno riferito di aver visto aerei inspiegabili possano aver incontrato programmi che il governo intendeva mantenere segreti. Ma questo è l’unico risultato conclusivo nel rapporto dell’intelligence classificata, hanno detto i funzionari.

A tal proposito vorrei dire che il modus Operandi dei Servizi di Intelligence, di certo non è di ammettere e pubblicare i programmi segreti del proprio Governo e delle proprie forze armate. Fatta questa premessa, che ritengo obbligata. 120 casi in 20 anni, se fosse vero, è chiaramente un contentino dato al Congresso prima ed al grande pubblico dopo. Sappiamo perfettamente che i casi affrontati e schedati negli anni, sono milioni. Di questi ultimi decine di migliaia sono ben documentati, anche se non possiamo allo stato attuale documentarlo. In conclusione gli UAP rimangono sconosciuti e non identificati, quindi non si può escludere nemmeno la possibilità che siano extraterrestri.

Il video del caso UFO TIC TAC, l’UAP della portaerei Nimitz del 2004/2005

YouTube player
La US Navy ha ufficialmente pubblicato video precedentemente rilasciati che mostrano oggetti inspiegabili. Un video mostra un incontro tra un Super Hornet F/A-18 della Marina e un oggetto sconosciuto. È stato rilasciato dall'Advanced Aerospace Threat Identification Program del Dipartimento della Difesa.

Il New York Times pubblica un report prima del report ufficiale?

E mentre una prossima versione non classificata, che dovrebbe essere rilasciata al Congresso entro il 25 giugno, presenterà poche altre conclusioni definitive, alti funzionari informati sull’intelligence hanno ammesso che la stessa ambiguità dei risultati significava che il governo non poteva escludere definitivamente le teorie secondo cui i fenomeni osservato dai piloti militari potrebbe essere un veicolo spaziale alieno.

Il fascino di lunga data degli americani per gli UFO si è intensificato nelle ultime settimane in attesa della pubblicazione del rapporto del governo. L’ex presidente Barack Obama ha ulteriormente alimentato l’interesse quando gli è stato chiesto il mese scorso degli incidenti in “The Late Late Show with James Corden” sulla CBS.

A parte la clamorosa ed ovvia sviolinata nei confronti di Barack Obama, palesemente nelle grazie del New York Times, con la chiara intenzione di pubblicizzare anche la sua intervista nello stesso canale, qui c’è un importante passaggio. L’Intelligence non può escludere che i velivoli avvistati da i piloti della US NAVY siano alieni. Pongono anche l’accento sul fatto che anche Obama dice la stessa cosa.

YouTube player

Ma io mi pongo anche un’altra domanda.

Ma se il report ancora non è andato al Congresso, com’è possibile che il New York Times abbia avuto le notizie sul suo contenuto? Siamo forse davanti ad un azione di Insider? Forse ad un’azione spionistica? O più verosimilmente, fa tutto parte di uno schema preconfezionato di disclosure, che prevede notizie mirate, precise solo dove serve, spesso poco chiare o ambigue, che un domani possono essere tranquillamente smentite o interpretate in molteplici modi per propria convenienza? Personalmente propengo per quest’ultima ipotesi, che tra l’altro ho anche trattato nei tre precedenti articoli sull’argomento. A seguire i link degli articoli:

UFO-UAP: qual è il vero motivo della Disclosure?

La finta disclosure voluta dall’establishment

UFO-UAP: Barack Obama ritorna a parlare di alieni

Le parole di Obama riportate nell’articolo

“Ciò che è vero, e in realtà sono serio qui”, ha detto Obama, “è che ci sono filmati e registrazioni di oggetti nei cieli che non sappiamo esattamente cosa siano”. Il rapporto ammette che molto dei fenomeni osservati rimane difficile da spiegare, compresa la loro accelerazione, così come la capacità di cambiare direzione e immergersi. Una possibile spiegazione – che i fenomeni potrebbero essere palloni meteorologici o altri palloni di ricerca – non regge in tutti i casi, hanno detto i funzionari, a causa dei cambiamenti nella velocità del vento nei momenti di alcune interazioni.

Per maggiori dettagli vedete il video di sopra su Barack Obama. Ed anche il link all’articolo della sua intervista sempre al New York Times, poco più sopra.

Il rapporto finale secondo il New York Times

Il rapporto finale includerà anche un allegato classificato, hanno detto i funzionari. Mentre l’allegato non conterrà alcuna prova che concluda che i fenomeni sono veicoli spaziali alieni, i funzionari hanno riconosciuto che il fatto che sarebbe rimasto off limits per il pubblico avrebbe probabilmente continuato ad alimentare la speculazione che il governo avesse dati segreti sulle visite aliene sulla Terra. Molti degli oltre 120 incidenti esaminati nel rapporto provengono dal personale della Marina, hanno detto i funzionari.

Il rapporto ha anche esaminato gli incidenti che hanno coinvolto militari stranieri negli ultimi due decenni. I funzionari dell’intelligence ritengono che almeno alcuni dei fenomeni aerei potrebbero essere stati tecnologia sperimentale di una potenza rivale, molto probabilmente la Russia o la Cina. Un alto funzionario informato sull’intelligence ha affermato senza esitazione che i funzionari statunitensi sapevano che non era tecnologia americana. Ha detto che c’era preoccupazione tra i servizi segreti e i funzionari militari che la Cina o la Russia potessero sperimentare la tecnologia ipersonica.

Più ci inoltriamo nel report e meno è da prendere in considerazione. Siamo davanti ad un’accozzaglia di dati inutili, saputi e risaputi, con supposizioni che non confermano nulla e che parlano di possibilità. In pratica non possono escludere che il fenomeno sia alieno e non possono confermarlo. Non possono escludere che gli UAP siano cinesi o russi. Non possono nemmeno confermare che non sono segreti americani. Alla fine lasciano intendere che potrebbero in parte essere collegati a sperimentazioni delle due nazioni, di tecnologie ipersoniche. Ancora una volta, non solo non dicono nulla, ma quello che dicono lo sappiamo già in via ufficiale, da anni. inoltre ne hanno già parlato riviste militari e persino testate giornalistiche internazionali. Quindi in realtà, cosa ci stanno dicendo? Nulla.

Alcune teorie

Lui e altri funzionari hanno parlato a condizione di anonimato perché non erano autorizzati a parlare pubblicamente dei risultati classificati nel rapporto. La Russia ha investito molto nell’ipersonica, credendo che la tecnologia le offra la capacità di eludere la tecnologia americana di difesa missilistica. La Cina ha anche sviluppato armi ipersoniche e le ha incluse nelle parate militari.

Se i fenomeni fossero aerei cinesi o russi, hanno detto i funzionari, ciò suggerirebbe che la ricerca ipersonica delle due potenze ha superato di gran lunga lo sviluppo militare americano. I piloti della Marina erano spesso turbati dagli avvistamenti. In un incontro, strani oggetti, uno dei quali come una trottola che si muove contro vento, sono apparsi quasi ogni giorno dall’estate 2014 a marzo 2015, in alto nei cieli della costa orientale.

Qui sono costretto a controbattere tutti i punti, che sono sciocchezze, come direbbe il personaggio televisivo e filmografico “Fantozzi” megagalattiche. La tecnologia ipersonica è entrata in servizio in Cina ed in Russia da meno di due anni. Ponendo che siano state ovviamente sperimentate per alcuni anni prima di entrare in servizio, esse al massimo risalgono a meno di un decennio. Quest’ultima cosa è confermata tra l’altro dagli stessi Servizi Americani, ed anche da notizie ufficiali di Russia e Cina.

Inoltre, cosa gravissima, che a mio avviso è l’equivalente di prenderci per una manata di idioti, se la tecnologia ipersonica ha la peculiarità di raggiungere velocità incredibili per gli aerei, ma è comunque missilistica, come lo si può confondere con oggetti a trottola che roteano, stazionari o che volano lentamente controcorrente? Credo che siamo davanti ad un’operazione di Debunking male organizzata che fa acqua da tutte le parti.

La testimonianza del pilota

I piloti della Marina riferirono ai loro superiori che gli oggetti non avevano motori visibili o pennacchi di scarico a infrarossi, ma che potevano raggiungere i 30.000 piedi e velocità ipersoniche. Il tenente Ryan Graves, un pilota di F/A-18 Super Hornet che è stato con la Marina per 10 anni, ha dichiarato al New York Times in un’intervista: “Queste cose sarebbero state là fuori tutto il giorno”.

Con le velocità che lui e altri piloti hanno osservato, ha detto, “12 ore in aria sono 11 ore in più di quanto ci aspetteremmo”. Alla fine del 2014, un pilota del Super Hornet ha avuto una quasi collisione con uno degli oggetti ed è stato presentato un rapporto ufficiale sull’incidente. Alcuni degli incidenti sono stati registrati in video, tra cui uno ripreso dalla telecamera di un aereo all’inizio del 2015 che mostra un oggetto che zooma sulle onde dell’oceano mentre i piloti si interrogano su ciò che stanno guardando.

Vorrei capire una cosa; i piloti vedono oggetti stazionari, lo stesso fanno gli equipaggi delle navi e riprendono il tutto. Li osservano per più di 11 ore e non sanno distinguerlo da un missile ipersonico? Che oltre ad avere una forma di proiettile, non può stazionare, viaggia velocissimo, ma non supera i 12000 km orari, almeno ufficialmente. inoltre, questo funziona con una propulsione simile ad uno scramjet o a cavitazione? Propulsione tra l’altro ben conosciuta dagli USA, che tra vari flop, sono stati comunque i primi a testarla?

New York Times report tica tac

Se così fosse, credo, che gli USA si trovino davanti ad un grosso problema e dovrebbero mandare l’intero personale della US Navy a fare corsi di identificazione di aerei e missili. Spero che la mia ironia in certi passaggi, non vi urti. Personalmente però ritengo, che certe cose siano offensive nei confronti dell’intelligenza umana e soprattutto dei ricercatori seri. Persone che come me, da decenni, ci battiamo per una disclosure seria e vera. Di certo non per questo genere di buffonate, che tra l’altro a mio avviso denigrano ufficiali delle Marina americana.

Il Dipartimento della Difesa

Il Dipartimento della Difesa raccoglie tali rapporti da più di 13 anni nell’ambito di un oscuro e poco conosciuto Programma avanzato di identificazione delle minacce aerospaziali all’interno del Pentagono. Il programma ha analizzato i dati radar, le riprese video e i resoconti forniti dai piloti e dagli alti ufficiali della Marina. Il programma è iniziato nel 2007 ed è stato in gran parte finanziato su richiesta di Harry Reid, il democratico del Nevada che all’epoca era il leader della maggioranza al Senato.

È stato ufficialmente chiuso nel 2012, quando i soldi si sono prosciugati, secondo il Pentagono. Ma Luis Elizondo, che all’epoca gestiva il programma, ha affermato di averlo continuato fino al 2017. Dopo la pubblicazione di un articolo del New York Times nello stesso anno sul programma e le critiche da parte dei funzionari del programma secondo cui il governo non era disponibile sui rapporti sulle trasmissioni aeree fenomeni, il Pentagono ha riavviato il programma la scorsa estate come Task Force per i fenomeni aerei non identificati.

Non voglio entrare in merito a questa questione, ma mi trovo costretto ad aprire una forte polemica, ancora una volta, su questa faccenda. Per prima cosa, credo che un progetto di questa portata, in un Paese come gli USA e dentro al Pentagono, non venga finanziato con meno di 30 milioni di dollari, che si esauriscono in pochissimo tempo. Ma al contrario, credo che venga fatto con centinaia di milioni di dollari e forse anche di più. Certamente con contratti rinnovati in una situazione di stallo come questa, dove per loro stessa ammissione plurima, non hanno nessuna certezza. Lasciamo perdere il fatto, che di studi ne hanno fatti a bizzeffe e per decenni, ma non citano nemmeno, nemmeno quelli ufficiali e di dominio pubblico come il famosissimo Blue Book.

Temo che siamo davanti anche in questo caso ad una operazione di debunking, i cui fautori probabilmente sono pure vittime inconsapevoli.

La Task force

La missione della task force era quella di “rilevare, analizzare e catalogare” gli avvistamenti di strani oggetti nel cielo che potrebbero rappresentare una minaccia per la sicurezza nazionale. Ma i funzionari del governo hanno affermato di voler anche rimuovere lo stigma per i membri del servizio che segnalano gli U.F.O. avvistamenti nella speranza che altri sarebbero stati incoraggiati a parlare se avessero visto qualcosa. L’obiettivo, hanno detto i funzionari, era quello di dare alle autorità un’idea migliore di ciò che potrebbe essere là fuori.

ATTENZIONE!!! questo paragrafo è importantissimo e va analizzato passo per passo.

“La missione della task force era quella di “rilevare, analizzare e catalogare” gli avvistamenti di strani oggetti nel cielo che potrebbero rappresentare una minaccia per la sicurezza nazionale.” In pratica lo scopo del progetto è puramente bellico.

“i funzionari del governo hanno affermato di voler anche rimuovere lo stigma per i membri del servizio che segnalano gli U.F.O. avvistamenti nella speranza che altri sarebbero stati incoraggiati a parlare se avessero visto qualcosa.” In pratica lo scopo aggiuntivo è puramente di intelligence. Ovvero vogliono migliorare la raccolta di informazione. In pratica vogliono istigare gli Agenti a parlare degli UFO durante il servizio, per fornire maggiore supporto all’Agenzia e maggiori informazioni sugli OVNI.

E veniamo al dunque: “L’obiettivo, hanno detto i funzionari, era quello di dare alle autorità un’idea migliore di ciò che potrebbe essere là fuori.” Per loro stessa ammissione l’obiettivo principale è che l’Agenzia informi le autorità naturalmente politiche. Aggiungerei anche, che gli dicono il minimo indispensabile. Volendo tirare le somme, il mondo della politica va informato lo stretto necessario, per avere l’appoggio ed i finanziamenti utili. Ma ancora dagli scritti, sembra che nemmeno i Servizi hanno certezze (cosa a cui non credo). Ed ecco che arriviamo di nuovo al punto, la militarizzazione dello spazio con l’appoggio del Congresso e dell’opinione pubblica, come dico ormai da settimane.

Intelligence Authorization Act

L’anno scorso, i legislatori hanno inserito una disposizione nell’Intelligence Authorization Act secondo cui il governo deve presentare un rapporto non classificato su ciò che sa sugli U.F.O. Quel rapporto è quello da rilasciare questo mese. I funzionari informati sul rapporto hanno affermato che ha anche esaminato un video che mostra un oggetto ovale biancastro descritto come un gigantesco Tic Tac, delle dimensioni di un aereo commerciale, incontrato da due caccia della Marina al largo di San Diego nel 2004.

In quell’incidente, i piloti hanno riferito di un’interazione con il velivolo, che è durata diversi minuti. Ad un certo punto l’oggetto si staccò, uno dei piloti, il comandante. David Fravor, ha poi dichiarato in un’intervista al Times. “Ha accelerato come non avevo mai visto”, ha detto. Il rapporto studia quell’incidente, compreso il video che ha accompagnato l’interazione. La provenienza dell’oggetto, hanno detto i funzionari, è ancora sconosciuta.

Qui c’è poco da discutere, il dossier sull’UFO Tic Tac è di dominio pubblico dal 2017 e lo trovate in alto in questo articolo. continuano a girare in tondo senza dire niente di nuovo e concreto.

Alcuni video e link utili

A seguire trovi i fatti e i video che hanno portato a questa disclosure. I filmati dove si chiarisce chi ha voluto cosa, chi ha proposto cosa, e gli UAP fino ad ora pubblicati. Un granello di sabbia infinitesimale in un oceano di spiagge, tra documenti, video ecc.

Al Senato USA si chiede l’apertura degli archivi sugli UFO

Trump obbliga il Pentagono e i Servizi Segreti alla Disclosure sugli UFO

YouTube player
YouTube player
YouTube player
YouTube player

Conclusioni sul report di cui parla il New York Times

La sensazione che mi assale sempre più, è quella di essere uno spettatore di un teatrino di bassa lega. Questo sembra fatto per motivi poco chiari, con materiali scadenti e invitando a partecipare soltanto persone selezionate, manipolabili, di parte e parte integrante del sistema di dubunking.

Se il report reale, che andrà al congresso, sarà impostato come questo del New York Times, siamo davanti a qualcosa di ridicolo e senza precedenti. Mezze affermazioni scontate, fanno da cornice a verità non dette. Le autorità sembrano incapacità di definire le cose piene di inesattezze. Il materiale scadente presentato, affermazioni inconcludenti, nessuna conferma e addirittura affermazione di ulteriori dubbi peggiorano il tutto. Mentre false o insensate notizie su armenti stranieri e la denigrazione delle capacità di piloti e personale navale è ridicola ed offensiva.

Vi aspetto con il prossimo articolo su Stato di Emergenza e con il prossimo video su UFO NEWS a cui potete iscrivervi per rimanere aggiornati.

Di Gabriele Lombardo

Gabriele Lombardo è nato il 17 gennaio 1975 a Palermo. Diplomato al Liceo Artistico e grafico per reti internet/intranet, egli ha acquisito nel tempo maggiori e più precise conoscenze artistico/culturali anche nel campo della clipeologia e degli studi associati e paralleli come il simbolismo, l’archeologia misteriosa e la paleoastronautica (teoria degli antichi astronauti). Esperienze E’ stato investigatore privato ed addetto alla sicurezza, cose che gli sono servite per sviluppare attitudini all’investigazione e le tecniche di analisi. Soprattutto ha sviluppato doti idonee ad un approfondito profilo di investigatore ufologico e del paranormale, nonché più generalmente di tipo misterico. E’ stato aspirante pubblicista-giornalista di controinformazione per quasi quattro anni, scrivendo di guerre, crisi internazionali, scienza, ufologia, archeologia del mistero, complotti internazionali, ecc.. a scritto per X-Time, Seven Network, Seven Radio, Il vespro ed altre riviste o network. Attualmente è anche autore. Convegni e conferenze Fin dall’età di tredici anni è stato appassionato di antiche culture, storia, scienza e misteri di tutti i tipi. Negli anni è stato testimone diretto ed indiretto di molti eventi ufologici ed alcuni paranormali. Nel 2006 intraprende il suo interesse verso l’ufologia, dopo circa sei anni dedicati al paranormale più in generale e comincia a scrivere in rete su vari blog e forum a tema misterico-ufologico. Nel 2010 ad Alcamo (Trapani) effettua il suo primo convegno pubblico con i rappresentanti di CUN, CISU ed un astronomo, su invito dell’Associazione Culturale Impronta di Palermo. Dopo aver fatto alcuni importanti convegni sulla controinformazione, il controspionaggio, la propaganda storica, l’ufologia storica, le scie chimiche e tecnologie come HAARP e MUOS, ha elaborato una propria tesi che unisce insieme la sperimentazione delle tecnologie sopracitate, il fenomeno ufo e le armi ad energia solida o ad energia più ingenerale (laser, microonde, ecc.). Ha anche effettuato un reportage fotografico sul MUOS durante la sua costruzione. Ruoli e gruppi fondati Gabriele Lombardo diventa Coordinatore e Responsabile per Il CUS (Centro Ufologico Siciliano) tra il 2011/2012, dove ha svolto indagini ufologiche territoriali, ha formato un gruppo di sostegno e ricerca per la Sicilia Occidentale, ed ha svolto attività convegnistiche organizzando con esso ben 3 convegni a Carini (Palermo); ha inoltre contribuito alla stesura di un Libro dal titolo “Gli Ufo in Sicilia – Parlano i Testimoni” di Salvatore Giusa, con alcuni casi indagati personalmente e documentati fotograficamente. Nel 2014 fonda l’Associazione Culturale “Nuovo Millennio – UFO Hunter Italia” poi chiusa i primi del 2018, di cui è stata Presidente, organizzando e partecipando come relatore o guida a 13 convegni (Trapani, Palermo, Carini, Caccamo), 10 skywatching ufo/astronomici e 3 gite archeologiche organizzate. Con la stessa Associazione e con il supporto di Giornalisti d’inchiesta, un tecnico del CIR di Roma e ricercatori indipendenti, ha condotto e documentato le indagini degli ultimi 5-6 anni presso Canneto di Caronia (Messina), dove autocombustioni, fenomeni magnetici, contatti alieni, fenomeni paranormali, eventi medianici, anomalie di vario genere ed avvistamenti UFO, hanno generato molte ipotesi. Ha anche condotto indagini sulle rotte UFO sopra le città di Palermo, Marausa-Birgi (Trapani) e Carini-Aeroporto Falcone Borsellino. Ha anche condotto indagini sulla casistica delle Province di Palermo, Trapani ed Agrigento per due anni. E’ anche stato autore di molti avvistamenti fotografati e ripresi. Ha organizzatore numerosi convegni e skywatching, spedizioni investigative, archeologiche ed antropologiche. Interviste ed esperienze radiofoniche e TV Gabriele Lombardo è stato in radio diverse volte come ospite per parlare di temi ufologici, di contattismo, scie chimiche, storia, occultismo, esoterismo, ecc.. E’ anche stato più volte ospite di una TV Monte Lepre (Palermo), dove ha coo-condotto come ospite speciale due trasmissioni a tema ufologico-scientifico-misterico affrontando temi come: il Meteorite di Celiabynsk, area 51, Casistica regionale siciliana e Roswell. Egli è stato intervistato dalla trasmissione TV Voyager dove ha potuto esporre una personale tesi che collegherebbe i fenomeni di Canneto di Caronia con le frane del Messinese di qualche anno fa. E’ stato anche intervistato per la galleria di Tremmonzelli in Sicilia (dove avvengono strani fenomeni, avvistamenti UFO e combustioni spontanee correlate ad anomalie magnetiche ed impulsi elettromagnetici o microonde). Gabriele è anche stato ideatore e Conduttore radiofonico della trasmissione “Nuovo Millennio” che andava in onda ogni venerdì dalle 22:00 alle 00:00 su Radio Carini, e condotta insieme ad altre persone. Gabriele Lombardo è anche cittadino di “Asgardia“, la prima Nazione spaziale che attualmente è in trattativa per un seggio all’ONU ed effettua missioni spaziali automatizzate. Egli ha anche un diploma ad Honorem causa “in antichi culti e religioni” Rilasciato dalla chiesa Universale degli USA ed è autorizzato Press presso la stessa istituzione negli Stati Uniti. Ora è ricercatore indipendente e ha dato e continua a dare il suo contributo alla formazione ed il mantenimento delle attività della F.U.I. (Federazione Ufologica italiana), di cui è uno dei promotori e fondatori. Ruoli nella FUI e pubblicazioni Allo stato attuale è a Capo di alcuni dipartimenti ed è vice Capodipartimento di altri. Nel 2019, ha contribuito alla stesura del libro: Il Paradosso di Fermi. “Where is everybody?” Ricerca Aerospaziale Quaderno n. 4 – Anno 2019 insieme a Dario Del Buono, Francesca Maria Manoni, Giuliana Conforto, Giuseppe GM Quartieri, Laura Quartieri, Paolo Saraceno, Piercamillo Quercia. Gabriele Lombardo si occupa anche di analisi foto video, di investigazione dei casi UFO, di fenomeni ad essi connessi e di tutto ciò che è mistero o scienza, scrive articoli e libri. Mail personale: gabrielelomb75@gmail.com

2 pensiero su “Il New York Times anticipa il report sugli UFO-UAP”
  1. Noi già ci aspettavamo questa manfrina. Devo dire che cominciano ad avere serie difficoltà a nascondere la cosa. Il ” moltorumore per nulla” la duce lunga sulle difficoltà a trovare argomentazioni credibili. Ciao Gabriele 👽

    1. Si, ma anche se arrancano, potrebbero uscirne vittoriosi, raggiungendo l’obiettivo prefissato, cosa che potrebbe innescare una ulteriore escalation con la Russia e soprattutto con la Cina, in ogni caso credo e temo, che l’ufologia ne uscirà peggio di prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *