Il Project Blue Book è stato uno dei più importanti studi UFO della storia. Ed è uno di una serie di studi sistematici sugli oggetti volanti non identificati (UFO) condotti dall’Aeronautica degli Stati Uniti (U.S.A.F.). Lo staff di Project Blue Book è stato incaricato di svolgere tre funzioni principali:

  1. Cercare di trovare una spiegazione per tutti gli avvistamenti di UFO segnalati;
  2. Determinare se gli UFO rappresentassero una minaccia per la sicurezza degli Stati Uniti; e
  3. Per determinare se gli UFO hanno esibito una tecnologia avanzata che gli Stati Uniti potrebbero utilizzare.
Project Blue Book

Rapporti sugli avvistamenti

Migliaia di rapporti sugli UFO sono stati raccolti, analizzati e archiviati. I ricercatori, in tali rapporti hanno concluso che non c’era nulla di anomalo in nessun UFO. Il Progetto Blue Book è stato chiuso su ordine nel dicembre 1969. Ma chiude con una contraddizione di fatto, se infatti si tratta di UFO, ovvero oggetti volanti non identificati, come è possibile concludere che non abbiano nulla di anomalo?

Project Blue Book è stato l’ultimo progetto di ricerca sugli UFO pubblicamente noto guidato dall’USAF. Sono convinto che almeno fino ai primi anni 80 abbiano continuato i loro studi, prima di passarli alla US NAVY. Ma cosa sanno veramente i governanti degli Stati Uniti sugli UFO? Certamente alcuni teorici della cospirazione hanno suggerito, che il Governo degli Stati Uniti ha effettivamente uno stretto rapporto con i visitatori alieni e fornisce loro basi di terra. Recentemente alcuni personaggi discutibili nell’insieme dei fatti, ma ben riconosciuti a livello internazionale per il lavoro svolo, hanno rilasciato strane informazioni, che hanno innescato anche reazioni avverse e controverse, per esempio l’israeliano Eshed, di cui riporto a seguire il video con le dichiarazioni assurde.

Si dice che una delle aree sia sotto l’acqua dell’Atlantico occidentale. Altre teorie suggeriscono che esseri extraterrestri stiano presumibilmente rapendo cittadini statunitensi rispettosi della legge in cambio di segreti tecnologici. Ovviamente dal punto di vista degli altri Paesi, ci sarebbero basi ovunque nel mondo e rapidi in tutte le Nazioni, compreso la nostrana Italia, che vede protagonisti il Mar Tirreno e l’Adriatico per numerosi presunte basi ed innumerevoli avvistamenti UFO.

Il primo avvistamento e l’uso degli scettici contro i testimoni

Il 24 giugno 1947, quando il pilota civile Kenneth Arnold avvistò nove dischi vicino al Monte Rainier nello stato di Washington e descrisse il movimento degli oggetti volanti non identificati come “un disco volante che salta sull’acqua”, l’uomo d’affari di Boise, Idaho, inavvertitamente coniò un termine che sarebbe diventato noto nella maggior parte delle lingue del mondo, “dischi volanti”. L’aeronautica americana ha immediatamente negato di possedere un simile velivolo e allo stesso tempo ha ufficialmente smentito l’affermazione di Arnold di aver individuato oggetti volanti non identificati. Donald H. Menzel, professore di astrofisica ad Harvard, che divenne un inflessibile scettico e debunker sui piattini volanti, disse che Arnold era stato ingannato dalle nuvole di neve inclinate o dalla foschia di polvere riflessa dal sole. Arnold, tuttavia, è rimasto fedele alla sua storia e l’articolo ha fatto la prima pagina dei giornali di tutta la nazione.

Project Blue Book

Per gli ufologi fu la nascita di un’era. Durante il periodo da giugno a dicembre 1947 non c’era un’organizzazione specifica responsabile per investigare e valutare i rapporti UFO. In questo momento tutti avevano un parere esperto. Anche all’interno della struttura militare, c’era chi esprimeva i propri sentimenti e le proprie convinzioni su ciò che gli UFO rappresentavano effettivamente. L’ampia copertura di notizie di resoconti pubblici di “dischi volanti” ha creato sufficiente preoccupazione nelle alte sfere militari per autorizzare l’Air Material Command (AMC) a condurre un’indagine preliminare su questi rapporti. La prima convinzione era che gli oggetti segnalati fossero di aerei più avanzati di quelli posseduti dalle forze armate statunitensi. Una lettera (23 settembre 1947) del tenente generale Twining dell’AMC al comandante generale delle forze aeree dell’esercito esprimeva l’opinione che le relazioni contenevano una sostanza sufficiente per giustificare uno studio dettagliato.

Alcuni video con testimonianze importanti

A seguire vi inserisco alcuni video dal Canale YouTube UFO NEWS, dove troverete una serie incredibile di testimonianze militari, politiche e scientifiche di alte sfere USA sin dalla fine della II Guerra Mondiale.

Il Project Sign

Il 30 dicembre 1947, una lettera del capo dello staff ordinava all’AMC di stabilire un progetto il cui scopo era raccogliere, raccogliere, valutare e diffondere tutte le informazioni riguardanti avvistamenti e fenomeni UFO nell’atmosfera alle agenzie interessate. Al progetto è stato assegnato il nome in codice “Sign”.

La responsabilità del “Project Sign” è stata delegata all’Air Technical Intelligence Center. Esso allora faceva parte dell’AMC. Nel febbraio del 1949 “Project Sign” completò le sue valutazioni dei 243 rapporti UFO, che erano stati presentati al progetto. Il rapporto ha concluso che: “Non sono ancora disponibili prove definitive e conclusive che dimostrerebbero o confuterebbero l’esistenza di questi UFO come veri velivoli di configurazione sconosciuta e non convenzionale”.

“Project Sign” è stato cambiato in “Project Grudge” il 16 dicembre 1948, su richiesta del direttore della Ricerca e Sviluppo. Il Project Grudge completò le sue valutazioni di 244 rapporti nell’agosto 1949. Le conclusioni dei rapporti Grudge furono che le valutazioni dei rapporti sugli UFO fino ad oggi avevano dimostrato che “questi oggetti volanti non costituiscono una minaccia per la sicurezza degli Stati Uniti”. Grudge ha anche concluso che le segnalazioni di UFO erano il risultato di interpretazioni errate di oggetti convenzionali, una lieve forma di isteria di massa o nervi di guerra e individui che cercavano di perpetrare una bufala o di cercare pubblicità.

Il Project Grudge

Project Blue Book

Project Grudge ha anche raccomandato di ridurre la portata delle indagini e dello studio dei rapporti sugli UFO. L’indagine aeronautica sugli UFO continuò su scala ridotta e nel dicembre 1951 l’Aeronautica stipulò un contratto con un’organizzazione industriale privata per un altro studio dettagliato dei casi UFO in archivio. Il rapporto, che fu completato il 17 marzo 1954, è comunemente indicato come Rapporto speciale numero 14. I rapporti da uno a 13 erano rapporti sui progressi che si occupavano dell’amministrazione. Il rapporto speciale numero 14 ha ridotto e valutato tutti i dati sugli UFO conservati negli archivi dell’aeronautica. Fondamentalmente, sono state raggiunte le stesse conclusioni che erano state osservate in entrambi i precedenti rapporti Sign e Grudge.

Fu durante i primi anni ’50 che l’interesse nazionale per gli avvistamenti segnalati aumentò enormemente. Con il crescente volume di rapporti, alla fine del 1952 fu istituito un comitato consultivo scientifico sugli UFO. In una riunione tenutasi dal 14 al 18 gennaio 1953, furono esaminati tutti i dati disponibili.

Le conclusioni e le raccomandazioni di questo documento sono state pubblicate in un rapporto e rese pubbliche. Il gruppo ha concluso che gli UFO non minacciavano la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e ha raccomandato di rimuovere l’aura di mistero legata al progetto. Alcuni casi rimasero misteriosi ed irrisolti.

La nascita del Project Blue Book

Project Blue Book

Nel marzo del 1952 Project Grudge divenne noto come Project Blue Book. Da quel momento fino alla sua conclusione nel 1969, il progetto si è occupato dell’indagine sugli avvistamenti, della valutazione dei dati e del rilascio di informazioni ai mezzi di informazione appropriati attraverso il Segretario dell’Aeronautica Militare, Ufficio di informazione (SAFOI). Era uno schema progettato per mostrare al pubblico che non c’erano segreti nelle indagini ufficiali degli Stati Uniti sui veicoli alieni. Ma se erano alieni, allora ne conoscevano la provenienza, un’altra contraddizione di fatto. Questa “apertura” era solo una facciata. In realtà è stato considerato un crimine pari allo spionaggio per gli ufficiali militari per rivelare i dettagli degli UFO a persone non autorizzate. In realtà, Blue Book ha riportato solo casi che erano garantiti per essere trovati come bufale o identità errata.

Gli ufficiali del Blue Book erano di stanza in ogni base aerea della nazione. Erano responsabili delle indagini su tutti gli avvistamenti segnalati e dell’invio dei rapporti al quartier generale del Blue Book presso la base aeronautica di Wright-Patterson. La maggior parte delle indagini, secondo l’interpretazione degli ufficiali sul campo, ha portato i funzionari del Blue Book a decidere, che la maggior parte delle persone non ha visto veicoli spaziali extraterrestri, ma stelle luminose, palloni, satelliti, comete, palle di fuoco, aerei convenzionali, nuvole in movimento, scie di vapore, missili, riflessi, miraggi, riflettori, uccelli, aquiloni, indicazioni radar spurie, fuochi d’artificio o razzi. Ed in effetti in una parte dei casi, anche nell’ufologia indipendente si tratta degli stessi comuni errori dettati ai più svariati motivi. Ma ci sono sempre i casi reali ed inspiegabili.

La scienza al servizio dell’aeronautica

Project Blue Book

Uno degli esperti che ha lavorato come consulente scientifico al progetto è stato Josef Allan Hynek. Ha rivelato in seguito, che qualsiasi avvistamento venisse segnalato da persone di età inferiore ai 18 anni, è stato ciclicamente ignorato. Che altri incidenti sarebbero stati pubblicati solo se potevano essere razionalizzati. In pratica sono stati esclusi a priori i casi con testimoni minorenni o che fossero troppo fantasiosi.

Questo modo di agire, non ha solo fatto un danno a livello testimoniale e di statistiche, ma è un chiaro pregiudizio, che inficia i risultati di una indagine scientifica meticolosa. In totale, Blue Book ha indagato su 15.000 segnalazioni di UFO. Molte delle segnalazioni non sono ancora spiegate, e lo stesso Hynek ha sperimentato una sorta di conversione. Divenne un credente informato e coniò il termine “incontro ravvicinato”.

Per più di due decenni, il Dr. J. Allen Hynek, consulente astronomico per Project Sign e Project Blue Book, insegnava astronomia all’Ohio State University di Columbus, che non è lontano da Dayton. Egli viveva vicino a dove si trova Wright-Patterson Air Force Base, la sede del Progetto Blue Book, è stata individuata. Quando è entrato nel progetto, il Governo stava cercando disperatamente di determinare se i responsabili degli elusivi dischi tracciati nell’atmosfera del Nord America fossero nemici o alieni. L’aviazione fece appello a Hynek che avevano bisogno di un astronomo competente per dire loro quali casi erano sorti dall’errata identificazione di pianeti, stelle, meteore e così via. Anche in questo caso rimasero casi incontrovertibili.

Credenti e non credenti del fenomeno UFO

Hynek ammise in seguito di essere certo che il fenomeno UFO fosse il risultato dei nervi del dopoguerra, ed era certo che in pochi anni l’intera strana faccenda sarebbe stata dimenticata. Ma quasi certamente lo disse perchè costretto a farlo. Ha anche concluso prematuramente che i dischi volanti erano rigorosamente una moda americana. Errando di brutto. Egli infatti non ha mai sospettato che si sarebbe rivelato un fenomeno globale. Ma i famosi avvistamenti nel Michigan nel marzo e nell’aprile 1967, quelli che hanno fatto soprannominare il Dr. Hynek “Dr. Swamp Gas”, ha dimostrato al “professore addomesticato di Blue Book” che c’è stato un “contraccolpo del sentimento pubblico”. Per la prima volta, ha detto Hynek, si rese conto che “la marea stava lentamente cambiando”. Hynek ha affermato che nel Progetto Blue Book esistevano sicuramente due fazioni.

Project Blue Book

C’erano quegli individui che erano estremamente preoccupati per i tracciamenti radar e gli approcci ravvicinati degli UFO agli aerei civili e militari. Questi investigatori presumevano che i piloti fossero sinceri e non stessero inventando storie strane. Questo personale Blue Book dalla mentalità aperta voleva verificare tutte le possibilità. Ma la maggior parte dei vertici, ha commentato Hynek, non riusciva a capire per una frazione di secondo perché qualcuno dei loro colleghi si sarebbe preso la briga di prendere sul serio il tema degli UFO. Aggiungo personalmente che non è cambiato nulla, che come detto da diversi politici USA con i recenti eventi di disclosure, i politici USA sono ancora ottusi sull’argomento come allora. In quella che sarebbe diventata un’osservazione spesso citata, Hynek ha detto: “Gli scienziati nell’anno 2066 potrebbero considerarci molto ingenui nelle nostre smentite”.

Cocnlusioni sugli incidenti UFO inspiegabili

Degli incidenti UFO inspiegabili, la dichiarazione ufficiale è: “La descrizione dell’oggetto o del suo movimento non può essere correlata con alcun oggetto o fenomeno noto”. Sulla base dei rapporti del Blue Book, quindi, l’aeronautica ha concluso:

  1. Nessun UFO ha mai dato alcuna indicazione di minaccia alla sicurezza nazionale.
  2. Non ci sono prove che gli UFO rappresentino sviluppi tecnologici o principi al di là delle attuali conoscenze scientifiche.
  3. Non ci sono prove che gli UFO siano “veicoli extraterrestri”.

In pratica se confrontiamo le conclusioni del Blue Book e quelle del dossier sugli UAP, non è cambiato nulla, non sapevano nulla allora e non lo sanno nemmeno oggi. O meglio, questo è ciò che dicono e vogliono far credere.

Il trasferimento della responsabilità della ricerca sugli UFO all’Università del Colorado nel 1969 servì a porre fine al coinvolgimento ufficiale dell’aviazione nel mistero degli UFO. Ma il residuo di sospetti e accuse aperte di copertura governativa e censura non è mai stato dissipato. Alla fine del Progetto Blue Book, esso aveva raccolto 12.618 segnalazioni di UFO (altre fonti hanno detto oltre 13.000 avvistamenti) e ha concluso che la maggior parte di essi erano identificazioni errate di fenomeni naturali (nuvole, stelle, eccetera) o di aerei convenzionali. Alcuni casi sono stati considerati bufale. 701 dei rapporti – circa il 6% – sono stati classificati come sconosciuti, sfidando un’analisi dettagliata. Allo stato attuale sono a tutti gli effetti casi UFO inspiegabili e del tutto plausibili.

L’Archiviazione del Project Blue Book

I rapporti sugli UFO del Bblue book e non solo, sono stati archiviati. Sono disponibili ai sensi del Freedom of Information Act. Ma i nomi e altre informazioni personali di tutti i testimoni sono stati oscurati. L’American Constitution and Freedom of Information Act è progettato per far sapere al pubblico cosa sta realmente accadendo. Nel 1980, tuttavia, un gruppo chiamato “Cittadini contro la segretezza degli oggetti volanti non identificati” fece causa all’Agenzia per la sicurezza nazionale. Voleva che la NSA aprisse i suoi file su 239 incidenti UFO, ma le autorità sostenevano che farlo avrebbe danneggiato la sicurezza nazionale USA.

Negli ultimi anni una sentenza che ha cambiato lo stato di classificazione dei documenti ha significato che molti di questi rapporti saranno finalmente resi di pubblico dominio. E’ quindi cominciata una lenta disclosure che è però partita dalla CIA. Non si può fare a meno di pensare, che qualsiasi documento ufficiale davvero sorprendente, che possa causare l’isteria pubblica verrà soppresso.

Project Blue Book

Sebbene molti abbiano accettato le conclusioni finali di Blue Book secondo cui non c’era nulla di straordinario negli UFO, i critici – allora e ora – hanno accusato il Blue Book, specialmente nei suoi ultimi anni, di impegnarsi in ricerche dubbie o addirittura di perpetuare una copertura delle prove sugli UFO.

Alcuni rapporti sugli UFO hanno ignorato completamente il Blue Book. Nel mentre l’aeronautica statunitense ha continuato a raccogliere e studiare i rapporti sugli UFO. E’ lo fece anche ben dopo che esso fu chiuso. Oggi forse qualcosa si muove verso la verità. Ma i segreti del passato potrebbero essere ormai sepolti in profondità tali da rimanervi per sempre.

Project Blue Book

Conclusioni sul Project Blue Book

Si può mai dire concluso un progetto che nel tempo ha cambiato tanto volte, nome, faccia e connotati? O che nel tempo ha visto modificare e cambiare i propri vertici e propri esecutori? Direi di No! Ma sulla carta in effetti il Project Blue Book non è più attivo e con essi i suoi autori, che hanno avuto le loro occasioni di divulgare, ma soprattutto di vedere sul campo e tastare con mano, eventi, oggetti, tecnologie e quant’altro.

Oggi questi sarebbero eroi dell’ufologia o forse verrebbero etichettati come complottisti.

Oggi personaggi come Hinek verrebbero derisi dall’ignoranza arrogante del popolo. All’epoca la popolazione era invece ingenua ed ancora riportava le cose come le vedeva. Il popolo non giudicava, non interpretava e non vedeva da punti soggettivi, ma con l’oggettività necessaria per lasciare ai veri esperti le conclusioni. Forse oggi, l’approccio dell’aeronautica USA sarebbe diverso. E’ forse quell’incarico gli fu tolto proprio perchè più volte accusata di insabbiamenti. Forse tentò di far trapelare e/o addirittura divulgare verità scomode.

Oggi questo apparente onere è toccato alla US NAVY, ma costretta da fatti e dichiarazioni che gli hanno portato via gli studi UFO. Questi sono ora esclusiva del Dipartimento della Difesa e di gruppi scelti e selezionati tra i Servizi Segreti ed il mondo dei Media. La Disclosure sembra esser divenuta realtà, anche se ancora sa di pagliacciata. E’ mentre al Congresso discutono di dubbi e i finanziamenti, l’ufologia indipendente continua il suo meticoloso ed imperterrito lavoro di studio, ricerca e quando possibile divulgazione sul fenomeno UFO ed annessi e connessi.

Di Gabriele Lombardo

Gabriele Lombardo è nato il 17 gennaio 1975 a Palermo. Diplomato al Liceo Artistico e grafico per reti internet/intranet, egli ha acquisito nel tempo maggiori e più precise conoscenze artistico/culturali anche nel campo della clipeologia e degli studi associati e paralleli come il simbolismo, l’archeologia misteriosa e la paleoastronautica (teoria degli antichi astronauti). Esperienze E’ stato investigatore privato ed addetto alla sicurezza, cose che gli sono servite per sviluppare attitudini all’investigazione e le tecniche di analisi. Soprattutto ha sviluppato doti idonee ad un approfondito profilo di investigatore ufologico e del paranormale, nonché più generalmente di tipo misterico. E’ stato aspirante pubblicista-giornalista di controinformazione per quasi quattro anni, scrivendo di guerre, crisi internazionali, scienza, ufologia, archeologia del mistero, complotti internazionali, ecc.. a scritto per X-Time, Seven Network, Seven Radio, Il vespro ed altre riviste o network. Attualmente è anche autore. Convegni e conferenze Fin dall’età di tredici anni è stato appassionato di antiche culture, storia, scienza e misteri di tutti i tipi. Negli anni è stato testimone diretto ed indiretto di molti eventi ufologici ed alcuni paranormali. Nel 2006 intraprende il suo interesse verso l’ufologia, dopo circa sei anni dedicati al paranormale più in generale e comincia a scrivere in rete su vari blog e forum a tema misterico-ufologico. Nel 2010 ad Alcamo (Trapani) effettua il suo primo convegno pubblico con i rappresentanti di CUN, CISU ed un astronomo, su invito dell’Associazione Culturale Impronta di Palermo. Dopo aver fatto alcuni importanti convegni sulla controinformazione, il controspionaggio, la propaganda storica, l’ufologia storica, le scie chimiche e tecnologie come HAARP e MUOS, ha elaborato una propria tesi che unisce insieme la sperimentazione delle tecnologie sopracitate, il fenomeno ufo e le armi ad energia solida o ad energia più ingenerale (laser, microonde, ecc.). Ha anche effettuato un reportage fotografico sul MUOS durante la sua costruzione. Ruoli e gruppi fondati Gabriele Lombardo diventa Coordinatore e Responsabile per Il CUS (Centro Ufologico Siciliano) tra il 2011/2012, dove ha svolto indagini ufologiche territoriali, ha formato un gruppo di sostegno e ricerca per la Sicilia Occidentale, ed ha svolto attività convegnistiche organizzando con esso ben 3 convegni a Carini (Palermo); ha inoltre contribuito alla stesura di un Libro dal titolo “Gli Ufo in Sicilia – Parlano i Testimoni” di Salvatore Giusa, con alcuni casi indagati personalmente e documentati fotograficamente. Nel 2014 fonda l’Associazione Culturale “Nuovo Millennio – UFO Hunter Italia” poi chiusa i primi del 2018, di cui è stata Presidente, organizzando e partecipando come relatore o guida a 13 convegni (Trapani, Palermo, Carini, Caccamo), 10 skywatching ufo/astronomici e 3 gite archeologiche organizzate. Con la stessa Associazione e con il supporto di Giornalisti d’inchiesta, un tecnico del CIR di Roma e ricercatori indipendenti, ha condotto e documentato le indagini degli ultimi 5-6 anni presso Canneto di Caronia (Messina), dove autocombustioni, fenomeni magnetici, contatti alieni, fenomeni paranormali, eventi medianici, anomalie di vario genere ed avvistamenti UFO, hanno generato molte ipotesi. Ha anche condotto indagini sulle rotte UFO sopra le città di Palermo, Marausa-Birgi (Trapani) e Carini-Aeroporto Falcone Borsellino. Ha anche condotto indagini sulla casistica delle Province di Palermo, Trapani ed Agrigento per due anni. E’ anche stato autore di molti avvistamenti fotografati e ripresi. Ha organizzatore numerosi convegni e skywatching, spedizioni investigative, archeologiche ed antropologiche. Interviste ed esperienze radiofoniche e TV Gabriele Lombardo è stato in radio diverse volte come ospite per parlare di temi ufologici, di contattismo, scie chimiche, storia, occultismo, esoterismo, ecc.. E’ anche stato più volte ospite di una TV Monte Lepre (Palermo), dove ha coo-condotto come ospite speciale due trasmissioni a tema ufologico-scientifico-misterico affrontando temi come: il Meteorite di Celiabynsk, area 51, Casistica regionale siciliana e Roswell. Egli è stato intervistato dalla trasmissione TV Voyager dove ha potuto esporre una personale tesi che collegherebbe i fenomeni di Canneto di Caronia con le frane del Messinese di qualche anno fa. E’ stato anche intervistato per la galleria di Tremmonzelli in Sicilia (dove avvengono strani fenomeni, avvistamenti UFO e combustioni spontanee correlate ad anomalie magnetiche ed impulsi elettromagnetici o microonde). Gabriele è anche stato ideatore e Conduttore radiofonico della trasmissione “Nuovo Millennio” che andava in onda ogni venerdì dalle 22:00 alle 00:00 su Radio Carini, e condotta insieme ad altre persone. Gabriele Lombardo è anche cittadino di “Asgardia“, la prima Nazione spaziale che attualmente è in trattativa per un seggio all’ONU ed effettua missioni spaziali automatizzate. Egli ha anche un diploma ad Honorem causa “in antichi culti e religioni” Rilasciato dalla chiesa Universale degli USA ed è autorizzato Press presso la stessa istituzione negli Stati Uniti. Ora è ricercatore indipendente e ha dato e continua a dare il suo contributo alla formazione ed il mantenimento delle attività della F.U.I. (Federazione Ufologica italiana), di cui è uno dei promotori e fondatori. Ruoli nella FUI e pubblicazioni Allo stato attuale è a Capo di alcuni dipartimenti ed è vice Capodipartimento di altri. Nel 2019, ha contribuito alla stesura del libro: Il Paradosso di Fermi. “Where is everybody?” Ricerca Aerospaziale Quaderno n. 4 – Anno 2019 insieme a Dario Del Buono, Francesca Maria Manoni, Giuliana Conforto, Giuseppe GM Quartieri, Laura Quartieri, Paolo Saraceno, Piercamillo Quercia. Gabriele Lombardo si occupa anche di analisi foto video, di investigazione dei casi UFO, di fenomeni ad essi connessi e di tutto ciò che è mistero o scienza, scrive articoli e libri. Mail personale: gabrielelomb75@gmail.com

2 pensiero su “Project Blue Book – Secret UFO Files”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *