Maggio 25, 2024

Oggi vi parlo del fenomeno chiamato Luci di Lubbock o avvistamento di Lubbock, avvenuto nei cieli del Texas negli anni 50.

La notte del 25 agosto 1951, molte persone furono testimoni di un misterioso evento nei cieli del Texas, chiamato le Luci di Lubbock.

Quella notte sembrava una come tutte le altre, nella città di Lubbock, in Texas. In quell’occasione, un gruppo di scienziati della Texas University of Technology si è riunito a casa del professore di geologia dell’istituto, il dottor Robinson, dove avevano un ottima visuale dell’ambiente circostante e del cielo praticamente a 360°.

Intorno alle 21:20, i docenti dell’Università hanno visto qualcosa di misterioso nel cielo vicino a loro nel Texas: una formazione a forma di V di 15-30 luci verdi ed intense, perfettamente ordinate e geometricamente perfette.

Gli scienziati non furono gli unici testimoni delle misteriose luci avvistate in quella notte; all tramonto ad Albuquerque, nel New Mexico (a circa 600 chilometri da Lubbock), li videro anche un impiegato della Sandia Corporation, un’organizzazione della commissione per l’energia atomica. Si trattava delle stesse luci, cosa che implicherebe che erano fortisisme e ad una quota incresibilmente alta, della stessa formazione che si era ovviamente spostata, o di un’altra anloga alla precedente, ma diversa?

Nuovi avvistamenti e le indagini

La notte del 30 agosto, lo strano fenomeno è riapparso, questa volta un uomo di nome Carl Hart Jr, è riuscito a scattare delle foto e le ha poi vendute a un giornale locale. Il 5 settembre, altri due professori dell’università, hanno segnalato un nuovo l’avvistamento sempre a Lubbock.

Il caso è stato seguito da vicino dal Tenente Edward J. Ruppelt, supervisore del Blue Book Project della US Air Force insieme al Professor Haynek. Quando Ruppelt è volato a Lubbock per indagare sugli avvistamenti alla fine di settembre, erano già passate due settimane dall’inizio dello strano evento.

Una prima teoria era stata avanzata da un residente locale, il quale suggeriva che le luci, fossero in realtà uccelli. Questi avrebbero riflesso la luce dei lampioni fluorescenti, installati nelle strade. Questa ipotesi per quanto versimile in altre situaizoni, qui non ha senso, non giustificherebbe la distanza di 600 km tra i primi due avvistamenti, il colore verde intenso delle luci della formazione ed altri particolari.

Dopo aver ascoltato vari testimoni, il tenente Ruppelt scrisse il seguente rapporto:

Pensavo che le luci viste dai professori, potessero essere una specie di stormo di uccelli che si rifletteva sui lampioni stradali, ma mi sbagliavo. Non erano uccelli, non erano brillanti di luce rifratta, ma non erano neanche astronavi. Le luci che hanno visto i professori, sono state identificate come un fenomeno naturale molto comune. Di quale fenomeno si tratti rimane un mistero.

Il tenente affermò che questa teoria gli fu data da uno degli scienziati dell’università (fatto risultato poi vero). Siccome questi volle restare anonimo, Ruppelt non svelò mai il suo nome e neanche la spiegazione sulle Luci di Lubbock (quindi che valore hanno queste affermazion?). Uno dei più grandi misteri ufologici della storia, rimane ad oggi ancora un enigma irrisolto.

YouTube player

Vedi anche l’articolo a seguire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *