Basi missilistiche nucleari segrete statunitensi “prese di mira dagli UFO”

Secondo quanto riferito, gli UFO hanno manomesso le basi missilistiche nucleari e le strutture per i test missilistici negli Stati Uniti e nell’ex Unione Sovietica – Qui la testimonianza di informatori, agenti e personale dell’USAF che conferma gli eventi che videro protagonista un ufo molto dispettoso.

Un ritaglio di giornale dell’epoca.

Il noto network The Sun (Online) ha mappato la presunta ingerenza extraterrestre con le armi del giorno del giudizio della Terra, che apparentemente si è verificata durante il culmine della Guerra Fredda negli anni ’60 e ’70. Ad oggi però le cose sono molto diverse, infatti le armi nucleari sono molto più distribuite e più sofisticate. Paesi come Israele, l’India, Il Regno Unito, la Cina, la Francia ed il Pakistan hanno armi nucleari, la Turchia, l’Iran ed altri Paesi hanno tutte le intenzioni di svilupparne di proprie.

Basi missilistiche – Il caso di Malmstrom

Basi missilistiche nucleari segrete statunitensi "prese di mira dagli UFO"
La mappa in oggetto.

Gli ex capi dell’aeronautica statunitense hanno dichiarato qualche giorno fa, che gli alieni hanno manomesso i sistemi d’arma statunitensi sottoposti a test e disabilitato i silos di missili balistici segreti.
I veterani, che negli USA hanno un certo peso, chiedono al Congresso degli Stati Uniti di indagare e tenere udienze pubbliche sui rapporti, sugli UFO che si sono intromessi nei sistemi d’arma o hanno messo fuori combattimento le armi nucleari nei loro siti di lancio sotterranei, segreti e nascosti.
Tutti i presunti testimoni dei vari casi di questa categoria molto speciale, affermano di essere stati imbavagliati dopo le loro sorprendenti esperienze sugli UFO, quindi sono tutti vittima di censura. Uno di loro era l’ex capitano dell’aeronautica statunitense Robert Salas.

Robert Salas era il comandante in servizio di una struttura di controllo del lancio sotterranea assegnata alla base aeronautica di Malmstrom, nel Montana, negli Stati Uniti, correva il ​​24 marzo 1967. Afferma che tutti e dieci i suoi missili balistici intercontinentali sono improvvisamente diventati inutilizzabili.

Parlando ieri in una conferenza stampa al National Press Club di Washington DC a nella Capitale ameriana, il capitano Salas ha dichiarato: “Nei prossimi giorni e mesi, penso che dovremo tutti fare i conti con questa realtà, perché ci sono prove abbondanti e sobrie, passate e presente per la realtà dei fenomeni aerei non identificati (UAP).

Il capitano Salas ha aggiunto: “È innegabile. Non è gas di palude, o qualsiasi altra stranezza della natura. 

“In effetti, le prove che ci sono intelligenza e intenti dietro l’UAP sono state stabilite dalle testimonianze che abbiamo presentato e molte altre che devono ancora essere presentate. 

“La domanda è se possiamo finalmente convincere la corte e l’opinione pubblica a darle l’attenzione che merita”.

Basi missilistiche – Il caso Big Sur, California

Il 15/09/1964, a Big Sur (California), un UFO viene filmato da alcuni militari mentre mette fuori uso un missile Atlas. Questo singolare episodio lo ha confermato anche il Tenente USAF, Robert Jacobs del Photo-Optical Instrument del 1369° Squadrone Fotografico alla base di Vanderberg AFB. Egli ha affermato che la sua squadra ha filmato il lancio del missile ICBM Atlas e l’arrivo di un UFO, che ha messo fuori uso lo stesso missile. 

Jacobs racconta:
…le immagini mostravano chiaramente il lancio del missile ATLAS durante tutti i suoi stadi, appena entra nell’inquadratura, si nota l’intero terzo stadio, propulso dai suoi missili laterali e quello centrale di sostentazione perfettamente visibili, un’ottima ripresa considerando la distanza che ci divideva dall’obiettivo e, al telescopio, l’ogiva con la finta testata si vedeva benissimo.

Secondo Jacobs, il missile ATLAS  viaggiava tra i 17.700 e 22.500 km/h, quando, ad un certo punto, in un attimo, un’astronave discoidale entra nell’inquadratura (UFO), sparando  una sorta di raggio di luce sulla testata che ovviamente era disarmata. Il missile, che viaggiava a diverse migliaia di km/h, venne affiancato nuovamente dall’oggetto volante discoidale, che lo colpì per una seconda volta, sempre sulla testata, facendolo così precipitare per poi dileguarsi dalla stessa direzione dalla quale era apparso.

Quando in sala si riaccese la luce, il maggiore Mansmann disse:

qualcuno ha voluto divertirsi alle mie spalle !!!???

Jacobs rispose: no signore

Mansmann ribatté dicendo: e quello cos’era? 

Jacobs: ehm, per me abbiamo ripreso un UFO signore!

Il giorno dopo l’ufficiale fu chiamato a rapporto nell’ufficio del suo Comandante, il Maggiore Florenz Mansmann, che gli ha ordinato di dimenticarsi ciò che ha visto.

Esiste anche una lettera scritta dall’USAF allo scienziato Clark McClelland, che ha lavorato al Kennedy Space Center in Florida e che conferma l’accaduto. L’ex tenente dell’aeronautica statunitense Robert Jacobs ha affermato che un velivolo simile a un disco volante ha circondato la testata finta durante un volo di prova in California, riferendo di un velivolo dello stesso tipo di quelli che bloccarono le testate vere nei silos.

Dando la sua testimonianza, ha detto: “Ho fatto parte di un insabbiamento dell’aeronautica americana. Aveva la forma di un disco volante e sparava un raggio di luce sulla nostra testata. 

“Poi è volato fuori dall’inquadratura nello stesso modo in cui era entrato. A quel punto, la testata è rotolata fuori dallo spazio.”

YouTube player

Basi missilistiche – Base Malmstrom, Montana 

L’ex ufficiale dell’aeronautica, Robert Salas, era il Comandante in servizio di una struttura sotterranea di controllo del lancio assegnata alla base aeronautica di Malmstrom, Montana, negli USA il 24 marzo 1967. Egli afferma che tutti e dieci i suoi missili balistici intercontinentali sono diventati inutilizzabili. Ma il capitano Salas ha affermato che lo spegnimento simultaneo è stato un evento “impossibile” perché i dieci missili nucleari Minuteman funzionavano tutti su sistemi indipendenti. In pratica non c’era alcun collegamento plausibile fisico tra di essi. L’“attacco” implicava un livello di sofisticatezza che nessun essere umano all’epoca possedeva. Questa affermazione di Salas è importante è fa riflettere.

Il capitano Salas ha dichiarato: “Posso solo ipotizzare il motivo per cui è successo. Penso che sia stato semplicemente un messaggio per tutti noi sul Pianeta Terra che dobbiamo liberarci delle armi nucleari”.

Basi missilistiche - Robert Salas afferma di aver assistito alla messa fuori linea di dieci missili nucleari da un UFO
Robert Salas afferma di aver assistito alla messa fuori linea di dieci missili nucleari da un UFO.

Basi missilistiche – Walker base, Nuovo Messico

Secondo il vice comandante del gruppo di combattimento missilistico Jerome C. Nelson durante l’inverno del 1963/1964 gli UFO emettevano raggi verso i suoi silos missilistici presso la Walker Airforce Base di Roswell. 

Egli ha dichiarato: “Mentre ero in servizio di allerta nella capsula di lancio al sito Atlas 9, a ovest di Roswell, la mia guardia di sicurezza mi ha chiamato al telefono e ha riferito di una luce estremamente brillante, ovvero un oggetto di forma rotonda completamente illuminato. – si librava silenziosamente sul sito del missile e puntava un riflettore su di esso. 

“Potrei dire che era serio e la sua voce ha rivelato che era spaventato. Dopo cinque minuti l’oggetto ha lasciato le vicinanze.”

Il giovane tecnico era spaventato e si tranquillizzò quando l’UFO andò via, ma l’evento si ripetette nuovamente a distanza di qualche tempo.

Basi missilistiche – Base Warren, Wyoming

Qui, in realtà, sarebbero avvenuti due incidenti. Il primo è stato nel 1966. È stato riportato dall’aviatore dell’USAF Patrick McDonough, che stava esaminando i silos missilistici Minuteman I. Qui, intorno all’1.30, riferì della presenza di un UFO largo 30-50 piedi proveniente da nord, fermandosi sopra la base a circa 300 piedi.

Egli ha detto: “Sembrava avere luci soffuse che delineavano il disco e una luce bianca che emanava dal centro.

“È rimasto lì per circa 20-30 secondi e, da un punto morto, si è diretto verso est a una velocità tremenda. Non c’era rumore o vento”.

Il secondo è stato segnalato dall’ufficiale di lancio di Minuteman III ICBM Bruce Fenstermacher nel 1976. L’UFO rimase lì per circa 20-30 secondi e, da un punto morto, si diresse verso est a una velocità tremenda… non c’era rumore o vento. Così ha dichiarato l’ex aviatore dell’USAF Patrick McDonough. Una delle guardie di sicurezza, ha detto, di aver riferito con voce eccitata di aver visto una “cosa” bianca pulsante nel cielo. 

Entrambi i testimoni militari, hanno affermato di aver visto luci rosse e blu lampeggianti tra le pulsazioni. Il velivolo era vicino alla struttura di controllo del lancio, a circa 100 piedi.  Si diceva che l’UFO avesse la forma di un “sigaro grasso” e sembrava lungo da 50 a 60 piedi. In questo caso l’oggetto era quindi chiaramente differente e ricorda molto le descrizioni di alcune astronavi madri, ma anche i nuovi UAP chiamati Tic Tac.

Il signor Fenstermacher ha detto che è apparso sopra strutture di lancio o silos missilistici.

Egli ha dichiarato: “Nelle due ore successive la luce pulsante si è fermata molto vicino a molti altri siti missilistici.

“Ogni volta che si spostava su un nuovo missile. Ho provato a inviare un Security Alert Team (SAT) al sito in questione. 

“Ogni volta che hanno risposto che stavano avendo problemi con l’auto e altri problemi con le apparecchiature”.

Intorno alle 4.30 del mattino l’UFO “si è allontanato con un sibilo” e si è trasformato in un punto bianco in pochi secondi. Poi è completamente scomparso verso l’orizzonte visibile.

Basi missilistiche – Base Minot, Nord Dakota

Un ex capo di una base missilistica nucleare, che in seguito, cambiando lavoro, ha sviluppato zaini per gli astronauti dell’Apollo per la NASA, ha affermato che un UFO ha paralizzato dieci delle sue armi nucleari nei loro silos. 

Il Capitano dell’Aeronautica in pensione David D Schindele ha affermato, che il bizzarro incidente si è verificato nel 1966, mentre era un comandante dell’equipaggio di lancio di missili nel campo missilistico della base aeronautica di Minot nel Nord Dakota.

Egli ha detto: “Ho stimato che l’oggetto fosse largo da 80 a 100 piedi. Dopo molti minuti, l’oggetto è scivolato verso l’estremità nord dell’edificio e fuori dalla vista. 

“Ma poi è diventato visibile alle guardie di sicurezza nella sezione di controllo dell’edificio”.

Basi missilistiche - Una ricreazione dell'UFO che il capitano dell'aeronautica in pensione David D Schindele dice che ha paralizzato le sue armi nucleari
Una ricreazione dell’UFO che il capitano dell’aeronautica in pensione David D. Schindele dice che ha paralizzato le sue armi nucleari Credito: Robert Hastings: UFO e armi nucleari.
Basi missilistiche - La mappa presentata alle conferenze stampa dal capitano David D Schindele, con il cerchio che indica la posizione del disco volante alla base
La mappa presentata alle conferenze stampa dal capitano David D Schindele, con il cerchio che indica la posizione del disco volante alla base.

Nel frattempo, le guardie della base spaventate e stupide hanno visto l’oggetto attraverso la finestra del centro di sicurezza. Il Capitano Schindele ha dichiarato: “Ci è voluto un breve periodo di tempo prima che l’oggetto prendesse il volo e scomparisse in un secondo.

“Tutti ci hanno confermato un’esperienza terrificante da vedere, che ho potuto dire dal tono della loro voce e dalle espressioni sui loro volti. 

“Sapevano che l’oggetto non era un elicottero. Gli elicotteri della base non volavano di notte, soprattutto senza preavviso alla struttura”.

Dopo la conferenza stampa, i capi della base nucleare in pensione, che sono intervenuti, ora sperano che i militari si stiano avvicinando alla divulgazione o come la chiamiamo noi la disclosure. Ovviamente loro, come molti ufologi ed appassionati, credono che i tempi siano maturi per l’apertura degli archivi, la divulgazione delle informazioni e la verità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *