Aprile 16, 2024

Il 29 giugno su Forbes è uscito un interessante articolo in cui alcuni scienziati si pongono la domanda cosa è un UFO? A questo articolo, mi ispiro per scrivere a seguito. Il Pentagono ha una lunga storia di rapporti fuorvianti sugli UFO. Il nuovo documento sui fenomeni aerei non identificati (UAP) potrebbe essere un altro esempio di questo tipo. secondo lo scienziato britannico Roger Shawyer, gli USa nascondono esperimenti di nuove tecnologie. Guardando i loro resoconti, Shawyer ha una spiegazione che sembra essere accennata, ma anche nascosta nel rapporto.

“Penso che gli UAP siano americani”

Il rapporto discute 144 recenti avvistamenti di personale del Governo degli Stati Uniti, molti dei quali piloti dell’aeronautica e della marina e operatori di radar e sonar. Nella maggior parte dei casi l’UFO è stato avvistato con diversi mezzi, con il contatto visivo, il radar e/o gli infrarosso insieme.

EmDrive UFO?
Roger Shawyer presenta un EmDrive

“La maggior parte degli UAP segnalati probabilmente rappresentano oggetti fisici dato che la maggior parte degli UAP è stata registrata su più sensori”, secondo il rapporto.

Il rapporto suggerisce che potrebbero esserci diversi tipi di oggetti, tra cui il traffico non ordinato di aerei come: palloncini, fenomeni atmosferici naturali, “programmi di sviluppo dell’industria statunitense o USG”, sistemi avversari, stranieri e/o altro in sviluppo e sperimentazione, o semplicemente sconosciuto.

YouTube player

Dettagli sugli UFO?

Alcuni dettagli sembravano emergere ripetutamente durante gli avvistamenti, mantenendosi costanti. In particolare, molti sembravano condividere un tipo insolito di “propulsione avanzata” e potevano rimanere immobili contro il vento ad alta quota, eseguire manovre ad alta velocità e muoversi rapidamente “senza mezzi di propulsione riconoscibili”. Attenzione! non riconoscibili dai video, è importante sottolineare questo aspetto, che è supportato dai racconti dei piloti.

Inoltre, il rapporto afferma che in alcuni casi “i sistemi di aerei militari hanno elaborato l’energia a radiofrequenza (RF) associata agli avvistamenti UAP”.

Shawyer afferma che queste caratteristiche sono tutte coerenti con l’azionamento elettromagnetico, o EmDrive. come fa a sapero? Perchè lo ha sviluppato e che, nonostante le notevoli controversie e i rapporti fuorvianti sulla sua scomparsa, è ancora molto in fase di sviluppo da parte della DARPA. Probabilmente anche altri Paesi ne stanno copiando le caratteristiche e ne stanno sviluppando uno. A scanso di equivoci ho avuto modo di chiedere ad un ingegnere aerospaziale dell’ESA di cui però non citerò il nome, conferma della sperimentazione dei motori a curvatura, mi è stato confermato che sono già in fase di test, ma che ci vorranno decenni per arrivare ai test pratici spaziali.

Teorie sugli EmDrive ed associazione agli UFO?

A seconda della teoria che segui, l’EmDrive utilizza un motore nucleare, fotonico o antimateria, ecc. per generare apparentemente spinta da un sistema chiuso. I risultati si sono apparentemente ripetuti nei laboratori indipendenti di tutto il mondo, inclusi Eagleworks della NASA e ricercatori a Xi’an in Cina. Mentre le versioni esistenti producono solo piccole quantità di spinta, paragonabili alle unità ioniche utilizzate su satelliti e sonde spaziali. Shawyer calcola che una versione basata sui superconduttori potrebbe guidare un veicolo dimostrativo ad alta velocità.

EmDrive UFO?
EmDrive, il motore impossibile

Gli scettici, ovviamente, affermano che questa è tutta una sciocchezza: che l’EmDrive viola le leggi della fisica, non può mai generare spinta, e qualsiasi risultato sperimentale contrario sono errori di laboratorio o semplicemente frode. I risultati apparentemente positivi vengono accolti con furiose confutazioni, le battute d’arresto vengono salutate come la fine dell’EmDrive. Basti dire che il dibattito continua, così come le sperimentazioni.

La Boeing, l’EmDrive e gli UAP

Shawyer afferma che la tecnologia EmDrive è stata fornita a Boeing nel 2009 (“in base al contratto di acquisto Boeing n. 9CS114H”) e testata con successo. Boeing ha rifiutato di commentare il suo coinvolgimento nel progetto. Questo non mi meraviglia affatto, stiamo parlando di tecnologie avanzatissime e sperimentali, nonché segrete.

Shawyer osserva che la formulazione del rapporto UAP è piuttosto precisa, riferendosi alla “propulsione avanzata”.

“Si noti l’uso della parola ‘avanzato’, piuttosto che ‘esotico’ o ‘inspiegabile'”, afferma Shawyer. “La propulsione dimostrata non è stata inaspettata”.

L’EmDrive è in grado di produrre il tipo di manovre descritte, senza l’emissione di calore o il rumore di un motore a reazione. Anche l’uscita radio osservata è altamente caratteristica dell’EmDrive.

EmDrive UFO?
EmDrive, il motore impossibile

“In tutto il mio lavoro sperimentale, l’energia RF [radiofrequenza] vagante era rilevabile e disporre di un misuratore di campo per monitorare la dispersione di radiazioni faceva parte delle procedure di sicurezza obbligatorie per i test di Boeing”.

Shawyer non sta dicendo che gli UAP descritti fossero imbarcazioni prodotte negli Stati Uniti, semplicemente che le loro caratteristiche sono coerenti con un qualche tipo di EmDrive attualmente in sperimentazione. Il rapporto ammette anche tacitamente che questa è una possibilità e lui si appella a ciò:

“Alcune osservazioni UAP potrebbero essere attribuibili a sviluppi e programmi classificati da entità statunitensi. Non siamo stati in grado di confermare, tuttavia, che questi sistemi rappresentassero nessuno dei rapporti UAP che abbiamo raccolto”.

“Le parole “non siamo stati in grado di confermare” sono il linguaggio del governo standard per un argomento classificato”.

Il DARPA, l’EmDrive e gli UFO

Anche il ricercatore Mike McCulloch dell’Università di Plymouth, a capo del progetto DARPA, ha notato le somiglianze tra i rapporti e l’unità su cui sta lavorando.

Egli dice: “Il comportamento di questi UAP è quello che ci si aspetterebbe da un azionamento a orizzonte inerziale quantizzato”.

EmDrive UFO?
Lo scienziato Mike McCulloch

In particolare, afferma che questo tipo di guida può ottenere il tipo di forte accelerazione che sembrano avere gli UAP, che normalmente sarebbe intollerabile per il pilota e l’elettronica all’interno.

“L’inerzia è solo una spinta dal vuoto quantistico e può essere smorzata dall’uso di orizzonti sintetici”, afferma McCulloch. “Ciò significa che una navicella spaziale può accelerare quanto vuoi e non sentirai alcuna forza all’interno”.

Ancora una volta, McCulloch afferma che ci sono molte altre possibili spiegazioni per gli avvistamenti, inclusi psy-ops o giochi mentali da parte di qualcuno nel Governo degli Stati Uniti. Quest’ultima affermazione è poco chiara e troppo vaga.

Quindi dice ancora:“Non sto dicendo che gli UAP siano reali, solo che le osservazioni sono coerenti con la tecnologia QI”.

A seguire alcuni video che trattano l’argomento UAP, alcuni approfondimenti e poi le conclusioni.

YouTube player
YouTube player
YouTube player
YouTube player
YouTube player
YouTube player
YouTube player
YouTube player
YouTube player

Conclusioni

Il motivo esatto per cui tale imbarcazione avrebbe fatto apparizioni fugaci durante le esercitazioni militari statunitensi è ovviamente una grande domanda. In più occasioni in questo sito ho scritto sull’argomento, ho posto domande e cercato di dare risposte. Il rapporto rileva che un numero sproporzionato di essi ha interrotto le attività militari pianificate. qui potrebbe nascere una domanda ed un sospetto, ma andiamo avanti. Potrebbe essere conveniente per gli Stati Uniti rivendicare tali mezzi che appaiono a guardare esercitazioni militari altrove, se così fosse rivendicherebbero un gap tecnologico che spaventerebbe le altre nazioni. Qui invece al contrario, sembrano spaventati per un divario tecnologico che loro avrebbero nei confronti degli UAP..

Come osserva il rapporto preliminare del Congresso USA, è probabile che ci siano diverse spiegazioni per i rapporti sugli UAP. Ma il primo sembra lasciare la porta molto aperta sulla possibilità che siano di origine statunitense e che siano alimentati da qualcosa come un EmDrive almeno secondo i due scienziati. Io non sono altrettanto convinto di questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *