In questo articolo vi propongo la sintesi dettagliata del Report preliminare. Vi propongo anche la traduzione automatica in italiano di Google Translate document. Il documento è quello che il Dipartimento della Difesa ha consegnato ieri 25 giugno 2021 al congresso degli Stati Uniti. A seguire il video che spiega il report nei minimi dettagli.

Valutazione preliminare: Fenomeni aerei non identificati del Report preliminare al Congresso

L’Ufficio nazionale dell’ODNI “Direttore dell’Intelligence Nazionale” ha finalmente consegnato al Congresso degli Stati Uniti d’America il report preliminare. Questo è stato tanto atteso dagli americani e dal resto della popolazione mondiale. Il Report però, non è minimamente quello che i Media, gli ufologi e gli scienziati si aspettavano. Ma andiamo per ordine. Esso è in realtà un Report provvisorio, che anticipa quello definitivo. La data di consegna di quest’ultimo è allo stato attuale sconosciuta. Il Report è la risposta al Senato USA del Provvedimento 116-233. Con l’Atto di autorizzazione (IAA). Con la consultazione e l’autorizzazione del Capo staff DNI e del Segretario alla Difesa (SECDEF), viene presentato infine il Report provvisorio. Questo ha lo scopo di fare chiarezza sulla minaccia alla Sicurezza Nazionale degli UAP e del progresso sugli studi della minaccia ad opera della Task Force (UAPTF).

Report preliminare

Lo scopo del Report, come da me ampliamente discusso in questa sede ed altre, ha lo scopo di fornire maggiori strumenti di studio, comprensione e velocizzazione delle informazioni sugli UAP da parte dell’Intelligence e delle Forze Armate. Gli studi a cui fa riferimento il rapporto, spaziano dal 2004 al 2021 e promettono la continuità per il futuro, nella speranza di comprendere meglio o definitivamente il fenomeno.

Un dato importante

Il primo dato importante che emerge dal Report è che la maggior parte delle prove sugli UAP non è ben valutabile. Questo avviene per la scarsa qualità del materiale in esame. Anche dove sono state usate sofisticate apparecchiature di registrazione e/o visualizzazione la qualità del materiale presente è scarsa. In secondo luogo, leggiamo, che esistono molteplici prove che il fenomeno sia realmente fisico, alcuni esempi sono: tracciati radar, tracciati ad infrarosso, registrazioni normali e ad infrarosso e molte strumentazioni per la visualizzazione e la registrazione ottica digitale e non. A questi dobbiamo aggiungere anche le apparecchiature satellitari.

Esistono diversi tipi di UAP, verificabili nella loro diversità attraverso: movimenti, forme ed altre proprietà e caratteristiche singolari. Il fenomeno UFO rappresenta una sfida alla sicurezza dei piloti e della Difesa, nonché della superiorità aerea nazionale e per tanto sono considerati a tutti gli effetti una minaccia ed una sfida per il futuro. La maggior parte dei dati raccolti dice il Report, non ha alcuna spiegazione, le varie Forze armate, non avevano un codice di codifica e una modulistica coerente ed ufficiale per tutti i Corpi militari, ma nel 2020, la US Navy, ne ha adottato uno, a cui poi nel 2021 ha fatto seguito la USAF ed a cui faranno seguito gli altri. Mi sembra molto strano che non avessero degli standard. Nel Report si fa riferimento a 144 casi raccolti dei quali 80 riguardano l’osservazione diretta del fenomeno.

Convinzioni sociali e testimoni degli UFO-UAP

Le convinzioni sociali (Stigma/i) e la scarsa qualità dei sensori non permettono allo stato attuale una efficiente valutazione degli UAP. Inoltre sostengono che, non riescono nemmeno a tenere in ordine il caos radar di aerei ed UFO. E’ questo avviene indipendentemente, che vengano seguiti da parte di impianti a terra, in aria e su navi. Quindi i piloti si trovano spesso a fronteggiare minacce sconosciute in mezzo al caos di velivoli.

Un breve appunto nel report, che è a mio avviso importantissimo, sembra quasi che voglia aprire a mondo politico la questione UFO, dicendo che bisogna che i testimoni degli eventi OVNI acquisiscano quella dignità spesso negata, come testimoni, davanti agli altri, per parlare e rilasciare informazioni, quindi per aiutare infine la raccolta di dati e lo studio del fenomeno UAP. Poi dice anche che le attuali tecnologie avanzate dei sensori, nascono come specifiche per determinati ruoli tattico/strategici, ma sono inefficaci per gli UFO.

Tra i dati raccolti: dimensioni, capacità di manovra e capacità transmediane, sono state riscontrate anche incredibili capacità aerospaziali. Il Report ci dice anche, che sono state valutate le propulsioni di questi mezzi. Ma esso non da dettagli a riguardo. Il Report preliminare, spiega anche, che durante alcune osservazioni i velivoli sconosciuti si comportavano in modi incredibili ed inusuali. In alcuni di questi casi, rimanevano per esempio fermi in aria senza risentire minimamente del vento e/o di altre problematiche atmosferiche e fisiche.

Diverse spiegazioni e nessuna certezza

Non esiste una spiegazione unica ai vari avvistamenti di UAP. Non esistono nemmeno i presupposti per escludere alcuna possibilità, incluso quella che alcuni di essi siano imputabili a forme di vita estranee al nostro mondo. Gli stilatori del Report, includono diverse possibilità. Tra quest’ultime,anche, che alcuni oggetti e/o fenomeni potrebbero essere riconducibili a cose conosciute, ma non identificate nel momento in cui vengono viste. Non escludono nemmeno che alcuni di questi oggetti fisici possano essere tecnologie ancora segrete USA o ampliamenti tecnologici militari di Cina e Russia. Quindi indica ai piloti, le linee guida sul come si devono comportare, effettuando puntualmente le segnalazioni degli avvistamenti UAP.

Viene anche spiegato, che lo scopo dell’Intelligence, è quello di raccogliere sempre più dati e testimonianze. Queste quindi, potrebbero consentire uno studio metodico e dettagliato del fenomeno. Un fenomeno, che diviene giorno per giorno una minaccia costante per gli spazi aerei e la sicurezza Nazionale.

Report
La foto dell’UAP ed a seguire il filmato della Omaha
Report
L’immagine dell’UFO piramidale ed a seguire il video del Pentagono

Conclusioni sul Report preliminare

In pratica lo scopo finale del Report è di raccogliere fondi. Per farlo devono sensibilizzare il Congresso degli Stati Uniti sugli UAP. Un altro scopo è di aumentare anche le capacità investigative, attraverso una maggiorata tecnologia e migliori comunicazioni. L’interscambio di quest’ultime, che tra le Forze armate e le Agenzie spionistiche finora sembra non aver funzionato bene, ne dovrebbe invece giovare. Quindi, si vogliono sfruttare maggiormente le testimonianze future sugli UFO per conoscere meglio la minaccia, il fenomeno ed eventuali possibili sviluppi.

Nel Report non vengono mai citate le Space Force. Invece me lo sarei aspettato. Ma questi, probabilmente sono direttamente implicati nella questione monitoraggio. Rimango convinto, che la sensibilizzazione del pubblico americano e dei membri del Congresso ha come obiettivi, quelli di aumentare alcune risorse della Difesa. Inoltre è materia di studio e ricerca solo esclusivamente per questioni legate alla Difesa e la Sicurezza aerea nazionale e non per dare risposte al pubblico sugli UFO, fenomeno che sono certo conoscano fin troppo bene.

Sembra che gli UAP si possano dividere in 5 categorie differenti. Che solo in un caso sia stato possibile identificare l’oggetto. Che questi in alcuni casi hanno generato caos aereo, mandando in tilt i radar o creando pericoli per il volo dei piloti. A seguire il report tradotto integralmente. ATTENZIONE!!! ho inserito ogni tanto […] per esigenze di impostazione e visualizzazione. i puntini non fanno parte del testo originale.

Per chi vuole tutta la traduzione del Report, eccola a seguire

Pagina 1

NON CLASSIFICATO NON CLASSIFICATO UFFICIO DEL DIRETTORE DELL’INTELLIGENZA NAZIONALE Valutazione preliminare: Fenomeni aerei non identificati 25 giugno 2021


Pagina 2

NON CLASSIFICATO Due NON CLASSIFICATO AMBITO DI APPLICAZIONE E ASSUNZIONI Scopo Questo rapporto preliminare è fornito dall’Ufficio del Direttore dell’Intelligence Nazionale (ODNI) in risposta al provvedimento del Senato Rapporto 116-233, che accompagna l’Intelligence Atto di autorizzazione (IAA) per l’anno fiscale 2021, che il DNI, in consultazione con il Segretario di Difesa (SECDEF), è quello di presentare una valutazione di intelligence della minaccia rappresentata da persone non identificate fenomeni aerei (UAP) e il progresso del Dipartimento della Difesa Aeree Non Identificate Phenomena Task Force (UAPTF) ha fatto nel comprendere questa minaccia.

Questo rapporto fornisce una panoramica per i responsabili politici delle sfide associate a caratterizzando la potenziale minaccia rappresentata dall’UAP. Fornendo anche un mezzo per sviluppare processi, politiche, tecnologie e formazione pertinenti per le forze armate statunitensi e altri. Lo stesso vale per il Personale governativo (USG) se e quando incontrerà UAP, in modo da migliorare l’intelligence. La capacità della comunità (IC) di comprendere la minaccia. Il direttore, UAPTF, è il responsabile funzionario per garantire la raccolta tempestiva e il consolidamento dei dati su UAP.

Il set di dati descritto in questo rapporto è attualmente limitato. Sono inclusi alla segnalazione di incidenti da parte del governo degli Stati Uniti, che si verificano da novembre 2004 a marzo 2021. I dati continuano a essere raccolti e analizzati.

L’ODNI ha preparato questo rapporto per i Comitati di intelligence e servizi armati del Congresso. UAPTF e l’ODNI National Intelligence Manager for Aviation hanno redatto questo rapporto, con input da USD (I&S), DIA, FBI, NRO, NGA, NSA, aeronautica, esercito, marina, marina / ONI, DARPA, FAA, NOAA, NGA, ODNI / NIM-Tecnologia emergente e dirompente, ODNI / Nazionale Centro di controspionaggio e sicurezza e ODNI / Consiglio nazionale dell’intelligence. Ipotesi Varie forme di sensori che registrano UAP generalmente funzionano correttamente e catturano abbastanza reale dati per consentire valutazioni iniziali, ma alcuni UAP potrebbero essere attribuibili ad anomalie del sensore.


Pagina 3

NON CLASSIFICATO 3 NON CLASSIFICATO SINTESILa quantità limitata di reportage di alta qualità sui fenomeni aerei non identificati (UAP)ostacola la nostra capacità di trarre conclusioni definitive sulla natura o l’intento di UAP. Il Unidentified Aerial Phenomena Task Force (UAPTF) ha preso in considerazione una serie di informazioni su UAP descritto nei reportage dell’esercito statunitense e dell’IC (Intelligence Community), ma perché i report mancava di una specificità sufficiente, alla fine ha riconosciuto che un processo di segnalazione unico e su misura era necessario per fornire dati sufficienti per l’analisi degli eventi UAP.

• Di conseguenza, l’UAPTF ha concentrato la sua revisione sui rapporti che si sono verificati tra 2004 e 2021, la maggior parte dei quali sono il risultato di questo nuovo processo su misura per acquisire meglio gli eventi UAP attraverso report formalizzati.

• La maggior parte degli UAP riportati probabilmente rappresentano oggetti fisici. La maggior parte degli UAP sono stati registrati su più sensori. Tra questi: radar, infrarossi, elettro-ottici, cercatori di armi e osservazione visiva.

In un numero limitato di incidenti, secondo quanto riferito, l’UAP ha mostrato un volo insolito caratteristiche. Queste osservazioni potrebbero essere il risultato di errori del sensore, spoofing o percezione errata dell’osservatore e richiedono un’analisi rigorosa aggiuntiva. Esistono probabilmente più tipi di UAP che richiedono spiegazioni diverse in base al gamma di aspetti e comportamenti descritti nella segnalazione disponibile. Le nostre analisi dei dati, supportano un concetto. Vediamolo insieme: che se e quando i singoli incidenti UAP verranno risolti, lo faranno rientrano in una delle cinque potenziali categorie esplicative. Che sono: disordine aereo, atmosfera naturale fenomeni, USG o programmi di sviluppo dell’industria statunitense, sistemi avversari stranieri e a catchall “altro” bin.

L’UAP pone chiaramente un problema di sicurezza del volo e può rappresentare una sfida per la sicurezza nazionale degli USA. Le preoccupazioni per la sicurezza si concentrano principalmente sugli aviatori alle prese con un’aria sempre più disordinata dominio. L’UAP rappresenterebbe anche una sfida alla sicurezza nazionale se fosse un avversario straniero piattaforme di raccolta o fornire prove che un potenziale avversario ha sviluppato a tecnologia rivoluzionaria o dirompente.

Consolidamento coerente dei rapporti di tutto il governo federale, standardizzatoreportistica, maggiore raccolta e analisi e un processo semplificato per lo screening di tuttitali rapporti contro un’ampia gamma di dati USG pertinenti consentiranno una maggioreanalisi sofisticata della UAP che probabilmente approfondirà la nostra comprensione. Alcuni di questi i passaggi richiedono molte risorse e richiederebbero investimenti aggiuntivi.


Pagina 4

NON CLASSIFICATO 4 NON CLASSIFICATO RAPPORTI DISPONIBILI IN GRANDE SENZA CONCLUSIONI I dati limitati lasciano la maggior parte della UAP inspiegabile… I dati limitati e l’incoerenza nei rapporti sono sfide chiave per la valutazione dell’UAP. Non meccanismo di segnalazione standardizzato esisteva fino a quando la Marina non ne ha istituito uno nel marzo 2019.

L’Air Force ha successivamente adottato tale meccanismo nel novembre 2020, ma rimane limitato a Segnalazione USG. L’UAPTF ha regolarmente sentito aneddoti durante le sue ricerche su altri osservazioni. Questi si sono verificati, ma non sono mai state raccolte in rapporti formali o informali da quegli osservatori. Dopo aver considerato attentamente queste informazioni, l’UAPTF si è concentrato sui rapporti, che hanno coinvolto l’UAP. In gran parte testimoniati in prima persona da piloti e da sistemi che noi considerato affidabile.

Questi rapporti descrivono incidenti avvenuti tra il 2004 e il 2021, con la maggioranza venuta negli ultimi due anni quando il nuovo meccanismo di segnalazione è diventato migliore noto alla comunità dell’aviazione militare. Siamo stati in grado di identificare un UAP segnalato. In quel caso, abbiamo identificato l’oggetto come un grande pallone sgonfiante. Gli altri rimanere inspiegabile.

144 rapporti originati da fonti USG. Di questi, 80 rapporti riguardavano l’osservazione con più sensori. o La maggior parte dei rapporti descrive l’UAP come oggetti che hanno interrotto la formazione pianificata in precedenza o altra attività militare.

Sfide raccolta UAP

Gli stigmi socioculturali e le limitazioni dei sensori rimangono ostacoli alla raccolta di dati sull’UAP. Sebbene alcune sfide tecniche, ad esempio come filtrare in modo appropriato il disordine radar per garantire la sicurezza del volo per gli aerei militari e civili — sono di lunga data nel settore dell’aviazione comunità, mentre altri sono unici per il set di problemi UAP.

• Racconti di aviatori della comunità operativa e analisti dell’esercito e IC descrivono il disprezzo associato all’osservazione dell’UAP, alla segnalazione o cercando di discuterne con i colleghi. Sebbene gli effetti di questi stigmi abbiano diminuito come membri anziani del settore scientifico, politico, militare e dell’intelligence le comunità si impegnano seriamente sull’argomento in pubblico, il rischio reputazionale può mantenere molti osservatori tacciono, complicando l’approfondimento scientifico dell’argomento.

• I sensori montati sulle piattaforme militari statunitensi sono generalmente progettati per soddisfare missioni specifiche. Di conseguenza, questi sensori non sono generalmente adatti per l’identificazione UAP.

• Punti di osservazione dei sensori e numero di sensori che osservano contemporaneamente un oggetto svolgono un ruolo sostanziale nel distinguere l’UAP dagli oggetti conosciuti e nel determinare se un UAP dimostra capacità aerospaziali rivoluzionarie. Sensori ottici hanno il vantaggio di fornire alcune informazioni sulle dimensioni, la forma e la struttura relative. I sensori a radiofrequenza forniscono informazioni più accurate su velocità e portata.


Pagina 5

NON CLASSIFICATO 5 NON CLASSIFICATO Ma alcuni potenziali modelli emergono Sebbene ci fosse un’ampia variabilità nei rapporti e il set di dati è attualmente troppo limitato per consentire per l’analisi dettagliata della tendenza o del modello, c’è stato un raggruppamento di osservazioni UAP riguardanti forma, dimensione e, in particolare, propulsione.

Anche gli avvistamenti UAP tendevano a raggrupparsi intorno ai campi di addestramento e di prova degli USA. Ma riteniamo che ciò possa derivare da una distorsione della raccolta come risultato di attenzione focalizzata. Un maggior numero di sensori di ultima generazione operanti in quelle aree, unità aspettative e indicazioni per segnalare anomalie. E una manciata di UAP sembra dimostrare la tecnologia avanzata In 18 incidenti, descritti in 21 rapporti, gli osservatori hanno riportato modelli di movimento UAP insoliti o caratteristiche di volo. Alcuni UAP sembravano rimanere fermi con il vento in alto, muoversi controvento, manovrare bruscamente, o muoversi a velocità considerevole, senza mezzi di propulsione riconoscibili.

In un piccolo numero di casi, i sistemi aeronautici militari hanno elaborato energia a radiofrequenza (RF) associata a avvistamenti UAP. L’UAPTF contiene una piccola quantità di dati che sembrano mostrare l’accelerazione dell’UAP o un grado di gestione della firma. Sono necessarie ulteriori analisi rigorose da parte di più squadre o gruppi di esperti tecnici per determinare la natura e la validità di questi dati. Noi dobbiamo fare nuove analisi per determinare se sono state sperimentate tecnologie innovative.

UAP PROBABILMENTE MANCA DI UNA SPIEGAZIONE UNICA

L’UAP documentato in questo set di dati limitato dimostra una serie di comportamenti aerei, rafforzando la possibilità che ci siano più tipi di UAP che richiedono spiegazioni diverse. La nostra analisi dei dati, supporta il concetto, che se e quando i singoli incidenti UAP vengono risolti, rientreranno in una delle cinque potenziali categorie esplicative. Che sono: disordine aereo, naturale fenomeni atmosferici, USG o programmi di sviluppo industriale, sistemi avversari stranieri, e un cestino “altro” catchall. Ad eccezione dell’unico caso in cui abbiamo determinato con alta fiducia che l’UAP segnalato fosse disordine aereo, in particolare un pallone sgonfiante, noi attualmente mancano informazioni sufficienti nel nostro set di dati per attribuire gli incidenti a spiegazioni specifiche.

Disordine aereo: questi oggetti includono uccelli, palloncini, veicoli aerei senza equipaggio ricreativi recreational (UAV), o detriti nell’aria come sacchetti di plastica che confondono una scena e influiscono sulla capacità di un operatore di identificare i veri bersagli, come gli aerei nemici. Fenomeni atmosferici naturali : i fenomeni atmosferici naturali includono cristalli di ghiaccio, umidità e fluttuazioni termiche che possono essere registrate su alcuni sistemi a infrarossi e radar.

USG o programmi di sviluppo industriale: alcune osservazioni UAP potrebbero essere attribuibili a sviluppi e programmi classificati da enti statunitensi. Non siamo stati in grado di confermare, tuttavia, che questi sistemi rappresentavano uno qualsiasi dei rapporti UAP che abbiamo raccolto. Sistemi avversari stranieri: alcuni UAP possono essere tecnologie implementate da Cina, Russia, un’altra nazione o un ente non governativo.


Pagina 6

NON CLASSIFICATO 6 NON CLASSIFICATO Altro: sebbene la maggior parte dell’UAP descritta nel nostro set di dati probabilmente rimanga non identificata a causa di dati limitati o sfide per l’elaborazione o l’analisi della raccolta, potremmo richiedere ulteriori conoscenze scientifiche per raccogliere, analizzare e caratterizzare con successo alcuni di essi. Noi raggrupperemmo tali oggetti in questa categoria in attesa di progressi scientifici che ci hanno permesso di migliorare capiscili. L’UAPTF intende concentrare un’analisi aggiuntiva sul piccolo numero di casi dove un UAP sembrava mostrare caratteristiche di volo insolite o gestione della firma.

UAP MINACCIA LA SICUREZZA DEL VOLO E, POSSIBILE, NAZIONALESICUREZZA

L’UAP rappresenta un pericolo per la sicurezza del volo e potrebbe rappresentare un pericolo più ampio se in alcuni casi rappresentano una raccolta sofisticata contro le attività militari statunitensi da parte di un governo straniero o dimostrare una tecnologia aerospaziale rivoluzionaria da parte di un potenziale avversario. Preoccupazioni in corso per lo spazio aereo Quando gli aviatori incontrano rischi per la sicurezza, sono tenuti a segnalare tali preoccupazioni. Dipendente sulla posizione, il volume e il comportamento dei pericoli durante le incursioni sui poligoni, i piloti possono cessare i loro test e/o addestramento e far atterrare il loro aeromobile, il che ha un effetto deterrente sulla segnalazione.

• L’UAPTF ha 11 rapporti di casi documentati in cui i piloti hanno riferito vicino manca con un UAP. Potenziali sfide per la sicurezza nazionale Al momento mancano dati per indicare che qualsiasi UAP fa parte di un programma di raccolta estero o indicativo di un importante progresso tecnologico da parte di un potenziale avversario. Continuiamo a monitorare per prove di tali programmi data la sfida di controspionaggio. In particolar modo, perchè alcuni UAP sono stati rilevati vicino a strutture militari o da aerei degli USG con sistemi di sensori avanzati.

SPIEGARE UAP RICHIEDE ANALISI, RACCOLTA EINVESTIMENTO IN RISORSE

Standardizzare il Reporting, Consolidare i Dati e Approfondire l’Analisi In linea con le disposizioni della Relazione del Senato 116-233, che accompagna l’IAA per l’esercizio 2021, il L’obiettivo a lungo termine di UAPTF è ampliare la portata del suo lavoro per includere ulteriori eventi UAP documentato da una più ampia fascia di personale USG e sistemi tecnici nella sua analisi.

Come la aumenta il set di dati, aumenterà anche la capacità dell’UAPTF di utilizzare l’analisi dei dati per rilevare le tendenze Ottimizzare. L’obiettivo iniziale sarà quello di utilizzare algoritmi di intelligenza artificiale/apprendimento automatico raggruppare e riconoscere somiglianze e modelli nelle caratteristiche dei punti dati. Come il database accumula informazioni da oggetti aerei noti come palloni meteorologici, alta quota o palloncini super-pressione e fauna selvatica, l’apprendimento automatico può aggiungere efficienza pre-valutando l’UAP report per vedere se quei record corrispondono a eventi simili già presenti nel database.

• L’UAPTF ha iniziato a sviluppare flussi di lavoro analitici e di elaborazione interagenzia per garantire che sia la raccolta che l’analisi siano ben informate e coordinate.


Pagina 7

NON CLASSIFICATO 7 NON CLASSIFICATO

La maggior parte dei dati UAP proviene dai rapporti della US NAVY. Sono in corso sforzi per standardizzare segnalazione degli incidenti tra i servizi militari statunitensi e altre agenzie governative. Il fine è di garantire, che tutti i dati rilevanti vengono acquisiti e relazionati. Particolari incidenti e qualsiasi attività statunitense che potrebbe essere pertinente deve essere monitorata. L’UAPTF sta attualmente lavorando per acquisire ulteriori segnalazioni, anche dal US Air Force (USAF), e ha iniziato a ricevere dati dalla Federal Aviation Administration (FAA).

• Sebbene la raccolta dei dati dell’USAF sia stata storicamente limitata, l’USAF ha iniziato un programma pilota del mese di novembre 2020, da raccogliere nelle aree più probabili per incontrare UAP. Sta valutando come normalizzare la futura raccolta, rendicontazione e analisi su tutta l’Aeronautica.

• La FAA acquisisce i dati relativi all’UAP durante il normale corso della gestione dell’aria operazioni di traffico. La FAA ingerisce generalmente questi dati quando i piloti e altri spazi aerei gli utenti segnalano eventi insoliti o imprevisti all’Organizzazione del traffico aereo della FAA.

• Inoltre, la FAA monitora continuamente i propri sistemi per rilevare eventuali anomalie, generando informazioni aggiuntive che possono essere utili all’UAPTF. La FAA è in grado di isolare dati di interesse per l’UAPTF e renderli disponibili. La FAA ha un robusto e programma di sensibilizzazione efficace che può aiutare l’UAPTF a raggiungere i membri dell’aviazione comunità per evidenziare l’importanza di segnalare UAP. Espandi collezione L’UAPTF è alla ricerca di nuovi modi per aumentare la raccolta di aree cluster UAP. Questo quando gli Stati Uniti le forze non sono presenti in modo base per monitorare l’attività UAP “standard” e mitigare la raccolta bias nel set di dati. Una proposta è quella di utilizzare algoritmi avanzati per cercare i dati storici acquisiti e memorizzati dai radar.

L’UAPTF prevede inoltre di aggiornare la sua attuale raccolta di UAP tra agenzie strategia al fine di applicare piattaforme e metodi di raccolta pertinenti dal DoD e dal CIRCUITO INTEGRATO. Aumentare gli investimenti in ricerca e sviluppo L’UAPTF ha indicato che ulteriori finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo potrebbero favorire il futuro approfondimento degli argomenti trattati in questo rapporto. Tali investimenti dovrebbero essere guidati da un UAP Strategia di raccolta, roadmap tecnica di ricerca e sviluppo UAP e piano del programma UAP.


Pagina 8

NON CLASSIFICATO 8 NON CLASSIFICATO APPENDICE A – Definizione dei termini chiave Questo rapporto e i database UAPTF utilizzano i seguenti termini di definizione: Fenomeni aerei non identificati (UAP): oggetti in volo non immediatamente identificabili. Il l’acronimo UAP rappresenta la più ampia categoria di oggetti aerotrasportati esaminati per l’analisi.

Evento UAP: una descrizione olistica di un evento durante il quale un pilota o un equipaggio di volo hanno assistito (o rilevato) a UAP.

Incidente UAP: una parte specifica dell’evento.

Rapporto UAP: documentazione di un evento UAP, per includere catene di custodia verificate e informazioni di base informazioni quali l’ora, la data, il luogo e la descrizione dell’UAP. I rapporti UAP includono Rapporti Range Fouler 1 e altri rapporti. 1 Gli aviatori della US Navy definiscono un “range fouler” come un’attività o un oggetto che interrompe l’addestramento pre-programmato o altro attività militare in un’area operativa militare o in uno spazio aereo ristretto.


Pagina 9

NON CLASSIFICATO 9 NON CLASSIFICATO APPENDICE B – Relazione del Senato che accompagna la legge sull’autorizzazione all’intelligence per l’anno fiscale 2021 Rapporto del Senato 116-233, che accompagna l’Intelligence Authorization Act per l’anno fiscale 2021, prevede che il DNI, in consultazione con la SECDEF e altri capi pertinenti dell’USG Agenzie, è quello di presentare una valutazione di intelligence della minaccia rappresentata da UAP e dei progressi l’UAPTF ha fatto capire questa minaccia. Il Rapporto del Senato ha chiesto specificamente che il rapporto includesse:

1. Un’analisi dettagliata dei dati UAP e dei rapporti di intelligence raccolti o conservati dal Office of Naval Intelligence, compresi i dati e i rapporti di intelligence detenuti dal UAPTF;

2. Un’analisi dettagliata dei dati di fenomeni non identificati raccolti da: per. intelligenza geospaziale; b. Intelligenza dei segnali; c. Intelligenza umana; e d. Intelligenza delle misure e delle firme

3. Un’analisi dettagliata dei dati del Federal Bureau of Investigation. Essa è stata derivata dalle indagini su intrusioni UAP nello spazio aereo chiuso degli Stati Uniti;

4. Una descrizione dettagliata di un processo interagenziale per garantire la raccolta tempestiva dei dati e analisi centralizzata di tutti i rapporti UAP per il governo federale, a prescindere di quale servizio o agenzia ha acquisito le informazioni;

5. Individuazione di un responsabile del processo di cui al comma 4;

6. Identificazione di potenziali minacce aerospaziali o di altro tipo poste dall’UAP a livello nazionale sicurezza e una valutazione se questa attività UAP può essere attribuita a uno o più avversari stranieri;

7. Identificazione di eventuali incidenti o modelli, che indicano un potenziale avversario. Che questo potrebbe avere raggiunto capacità aerospaziali rivoluzionarie. E’ che queste potrebbero mettere le forze statunitensi strategiche e non a rischio; e

8. Raccomandazioni relative a una maggiore raccolta di dati, ricerca rafforzata e sviluppo, finanziamenti aggiuntivi e altre risorse.

Di Gabriele Lombardo

Gabriele Lombardo è nato il 17 gennaio 1975 a Palermo. Diplomato al Liceo Artistico e grafico per reti internet/intranet, egli ha acquisito nel tempo maggiori e più precise conoscenze artistico/culturali anche nel campo della clipeologia e degli studi associati e paralleli come il simbolismo, l’archeologia misteriosa e la paleoastronautica (teoria degli antichi astronauti). Esperienze E’ stato investigatore privato ed addetto alla sicurezza, cose che gli sono servite per sviluppare attitudini all’investigazione e le tecniche di analisi. Soprattutto ha sviluppato doti idonee ad un approfondito profilo di investigatore ufologico e del paranormale, nonché più generalmente di tipo misterico. E’ stato aspirante pubblicista-giornalista di controinformazione per quasi quattro anni, scrivendo di guerre, crisi internazionali, scienza, ufologia, archeologia del mistero, complotti internazionali, ecc.. a scritto per X-Time, Seven Network, Seven Radio, Il vespro ed altre riviste o network. Attualmente è anche autore. Convegni e conferenze Fin dall’età di tredici anni è stato appassionato di antiche culture, storia, scienza e misteri di tutti i tipi. Negli anni è stato testimone diretto ed indiretto di molti eventi ufologici ed alcuni paranormali. Nel 2006 intraprende il suo interesse verso l’ufologia, dopo circa sei anni dedicati al paranormale più in generale e comincia a scrivere in rete su vari blog e forum a tema misterico-ufologico. Nel 2010 ad Alcamo (Trapani) effettua il suo primo convegno pubblico con i rappresentanti di CUN, CISU ed un astronomo, su invito dell’Associazione Culturale Impronta di Palermo. Dopo aver fatto alcuni importanti convegni sulla controinformazione, il controspionaggio, la propaganda storica, l’ufologia storica, le scie chimiche e tecnologie come HAARP e MUOS, ha elaborato una propria tesi che unisce insieme la sperimentazione delle tecnologie sopracitate, il fenomeno ufo e le armi ad energia solida o ad energia più ingenerale (laser, microonde, ecc.). Ha anche effettuato un reportage fotografico sul MUOS durante la sua costruzione. Ruoli e gruppi fondati Gabriele Lombardo diventa Coordinatore e Responsabile per Il CUS (Centro Ufologico Siciliano) tra il 2011/2012, dove ha svolto indagini ufologiche territoriali, ha formato un gruppo di sostegno e ricerca per la Sicilia Occidentale, ed ha svolto attività convegnistiche organizzando con esso ben 3 convegni a Carini (Palermo); ha inoltre contribuito alla stesura di un Libro dal titolo “Gli Ufo in Sicilia – Parlano i Testimoni” di Salvatore Giusa, con alcuni casi indagati personalmente e documentati fotograficamente. Nel 2014 fonda l’Associazione Culturale “Nuovo Millennio – UFO Hunter Italia” poi chiusa i primi del 2018, di cui è stata Presidente, organizzando e partecipando come relatore o guida a 13 convegni (Trapani, Palermo, Carini, Caccamo), 10 skywatching ufo/astronomici e 3 gite archeologiche organizzate. Con la stessa Associazione e con il supporto di Giornalisti d’inchiesta, un tecnico del CIR di Roma e ricercatori indipendenti, ha condotto e documentato le indagini degli ultimi 5-6 anni presso Canneto di Caronia (Messina), dove autocombustioni, fenomeni magnetici, contatti alieni, fenomeni paranormali, eventi medianici, anomalie di vario genere ed avvistamenti UFO, hanno generato molte ipotesi. Ha anche condotto indagini sulle rotte UFO sopra le città di Palermo, Marausa-Birgi (Trapani) e Carini-Aeroporto Falcone Borsellino. Ha anche condotto indagini sulla casistica delle Province di Palermo, Trapani ed Agrigento per due anni. E’ anche stato autore di molti avvistamenti fotografati e ripresi. Ha organizzatore numerosi convegni e skywatching, spedizioni investigative, archeologiche ed antropologiche. Interviste ed esperienze radiofoniche e TV Gabriele Lombardo è stato in radio diverse volte come ospite per parlare di temi ufologici, di contattismo, scie chimiche, storia, occultismo, esoterismo, ecc.. E’ anche stato più volte ospite di una TV Monte Lepre (Palermo), dove ha coo-condotto come ospite speciale due trasmissioni a tema ufologico-scientifico-misterico affrontando temi come: il Meteorite di Celiabynsk, area 51, Casistica regionale siciliana e Roswell. Egli è stato intervistato dalla trasmissione TV Voyager dove ha potuto esporre una personale tesi che collegherebbe i fenomeni di Canneto di Caronia con le frane del Messinese di qualche anno fa. E’ stato anche intervistato per la galleria di Tremmonzelli in Sicilia (dove avvengono strani fenomeni, avvistamenti UFO e combustioni spontanee correlate ad anomalie magnetiche ed impulsi elettromagnetici o microonde). Gabriele è anche stato ideatore e Conduttore radiofonico della trasmissione “Nuovo Millennio” che andava in onda ogni venerdì dalle 22:00 alle 00:00 su Radio Carini, e condotta insieme ad altre persone. Gabriele Lombardo è anche cittadino di “Asgardia“, la prima Nazione spaziale che attualmente è in trattativa per un seggio all’ONU ed effettua missioni spaziali automatizzate. Egli ha anche un diploma ad Honorem causa “in antichi culti e religioni” Rilasciato dalla chiesa Universale degli USA ed è autorizzato Press presso la stessa istituzione negli Stati Uniti. Ora è ricercatore indipendente e ha dato e continua a dare il suo contributo alla formazione ed il mantenimento delle attività della F.U.I. (Federazione Ufologica italiana), di cui è uno dei promotori e fondatori. Ruoli nella FUI e pubblicazioni Allo stato attuale è a Capo di alcuni dipartimenti ed è vice Capodipartimento di altri. Nel 2019, ha contribuito alla stesura del libro: Il Paradosso di Fermi. “Where is everybody?” Ricerca Aerospaziale Quaderno n. 4 – Anno 2019 insieme a Dario Del Buono, Francesca Maria Manoni, Giuliana Conforto, Giuseppe GM Quartieri, Laura Quartieri, Paolo Saraceno, Piercamillo Quercia. Gabriele Lombardo si occupa anche di analisi foto video, di investigazione dei casi UFO, di fenomeni ad essi connessi e di tutto ciò che è mistero o scienza, scrive articoli e libri. Mail personale: gabrielelomb75@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *