Giugno 14, 2024

Fukushima UFO: nasce un Lab. per gli studi UAP

0

Nasce il laboratorio di studi UFO a Fukushima. Il 28 giugno 2021 su Insider è uscita una strana ed interessante notizia, il Giappone ha aperto un laboratorio per lo studio degli UFO. Dopo il Report USA è l’annuncio giapponese della formazione di una Task Force per gli studi degli UAP, nasce anche questa nuova iniziativa. Incontri ravvicinati del terzo tipo, chi sono?

Fukushima UFO

Se sei stanco di attendere la ricerca sugli UFO che non va da nessuna parte negli Stati Uniti e dei rapporti inconcludenti del Pentagono, che hanno portato più domande di quante risposte abbiano dato, sei fortunato. Un laboratorio in Giappone sta cercando di immergersi in profondità negli enigmi dell’universo dal punto di vista degli UFO e degli alieni..

YouTube player

Il nuovo laboratorio

Il nuovo laboratorio UFO ha aperto le sue porte la scorsa settimana nella cittadina rurale di Lino, nella prefettura di Fukushima, e il suo team ha intenzione di approfondire i misteri degli avvistamenti strani e inspiegabili del paese e magari andare oltre.

Secondo un rapporto dell’agenzia di stampa giapponese locale “The Mainichi“, l’International UFO Lab, ha aperto nei locali della UFO Interactive Hall, una struttura piena di circa 3.000 pezzi di materiali e indizi relativi agli UFO, forse una sorta di museo. La struttura ha celebrato la sua apertura il 24 giugno, il giorno prima della consegna del Report USA al Congresso. Il giorno dell’apertura è stato soprannominato UFO Day. A seguire vi mostro l’analisi di un interessantissimo video di una flottiglias UFO e strani eventi sul vulcano Sakurajima.

YouTube player

Il centro di ricerca

Il centro di ricerca sarà diretto dall’appassionato di UFO Takeharu Mikami, secondo il Japan Times. Mikami gestisce una rivista mensile chiamata Mu, che esplora “un’ampia gamma di temi come gli UFO, la super scienza, i poteri psichici, la criptozologia e le antiche civiltà”.

Sebbene Mikami non sembri avere un background professionale nel campo della scienza, intende lavorare con il curatore del museo UFO, Tsugio Kinoshita, per studiare questi oggetti volanti, secondo il quotidiano locale Fukushima Minpo News. E secondo il sito web del laboratorio, stanno cercando scienziati – e ossessionati dagli UFO – che contribuiscano allo stesso modo ai loro record di avvistamenti UFO. Sembra che già abbiano aderito una decina di studiosi e ricercatori.

Fukushima UFO

Non escludo che anche la Space Force giapponesi abbiano un ruolo di monitoraggio e studio degli UAP

YouTube player

Collaborazione della popolazione

“Mikami ha fatto appello ai residenti della città per condividere materiali come le immagini degli smartphone con il centro”

Kyodo News.

“Soprattutto durante la quarantena, guarda in alto al cielo e vedi se riesci a vedere qualcosa. Spero che l’istituto di ricerca sarà una base per ricevere maggiori informazioni sugli UFO in modo da poter arrivare al fondo di cosa sono”

Kyodo Notizia

“L’Istituto si trova lì perché l’area circostante è nota per inspiegabili avvistamenti aerei dagli anni ’70. Uno di questi eventi includeva un oggetto luminoso a forma di cono che si librava sopra la città. L’avvistamento è avvenuto negli anni ’70.”

Asahi News

C’erano così tanti strani eventi, che si svolgevano nella città di Lino che la città divenne nota come la “Casa degli UFO”. Gli appassionati di alieni si sono anche recati al Monte Senganmori, una remota collina a forma di piramide nota per gli avvistamenti di UFO, nella speranza di avere un raro ed interessante avvistamento di un disco volante.

Oltre alla zona in se, non dimentichiamo che tutto il Giappone è teatro di avvistamenti e come detto di recente anche dal Governo, spesso si alzano in volo gli aerei in scramble, proprio per intercettare gli UFO. Questa iniziativa verte a sensibilizzare la popolazione locale e potrebbe servire da test per popolazioni sempre più grandi.

Anche io con la mia vecchia associazione tentai di fare una cosa analoga nel 2014-2015, ma mi fu impedito in tutti i modi. Il mio progetto era la creazione di una video sorveglianza stabile in collaborazione con le forze dell’ordine locali, che erano d’accordo, in cambio di aiuti in caso si verificassero determinate situazioni. la zona monitorata era una valle ad alta percentuale avvistamenti e segnalazioni, con aeroporto civile annesso nel golfo. Un monitoraggio con sensibilizzazione dei locali e persino delle forze dell’ordine, dove si potevano tracciare rotte e studiare i fenomeni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *