Luglio 21, 2024

Oggi molti credono che le armi psicotroniche siano un parto delle menti malate di Hollywood per aumentare la russofobia, ovvero contro coloro che sarebbero pronti ad usarle contro l’occidente senza alcuno scrupolo. Si tratta di una grande stupidaggine. Ma al contrario è vero che queste armi esistono, all’opposto di quello che molti scettici scrivono.

Il Generale Boris Ratnikove le Armi psicotroniche
Generale Boris Ratnikov

Il concetto di armi psicotroniche è attualmente ancora oggetto di discussione in ambienti accademici e ritenuta una mera ciarlataneria in questi stessi ambienti, forse di proposito per ridicolizzare qualcosa ormai divenuto di uso abbastanza comune negli anni ed oggetto di studi scientifici approfonditi e lunghi praticamente un secolo, infatti i sovietici iniziarono a studiare i principi che portarono alla loro sperimentazione , già nel lontanissimo 1920.

La letteratura moderna che riferisce a tali armamenti è per lo più dovuta a documenti declassificati di USA ed occidente, in cui gli sviluppi ebbero un forte successo ed una grande espansione dopo il reclutamento degli scienziati nazisti con l’operazione Paper Clip. Mentre i progetti statunitensi MK-Ultra e Monarch, divenivano famosi in tutto il mondo ed oggetto di filmografia hollywoddiana, il più importante sviluppo avveniva invece nell’URSS e poi nella Russia, che ad oggi sembrerebbe lo stato con un vero e proprio arsenale di queste armi, armi che però rimangono ben nascoste o forse sono una esagerata interpretazione di qualcosa di usato negli anni 70-80-90.

Il primo documento

Il primo documento pubblico (1974) a parlare di queste armi psicotroniche viene però paradossalmente proprio dall’Urss, si tratta di un documento ufficiale stilato dal Generale Ratnikov, che ne parla durante una intervista, dove cita la sperimentazione di queste armi in Unione Sovietica. Il documento intitolato in italiano “Molestie da microonde e sperimentazione del controllo mentale” venne scritto da Julienne Mckinney. In questo ed altri documenti e libri si parla delle tecniche adoperate dal KGB e dagli scienziati per il condizionamento mentale ed altri tipi di manipolazione. A seguire un elenco di tqattiche ed elementi usati a tal scopo:

  • Pedinamento
  • Iniettare droghe
  • Uso degli psichiatri
  • Spionaggio e persecuzione
  • Intercettazioni e ricatti
  • Calunnie e diffamazioni
  • Deridere ed isolare

Non dimentichiamo però che l’occidente portava avanti molti programmi di questo genere in contemporanea ai sovietici, per esempio: Mk-Ultra, Mhchaos e Cointelpro o il più famoso progetto Monarch.

Il primo esperimento

Il primo esperimento di massa ufficialmente discusso in pubblico fu l’esperimento “Radison”, un esperimento poi brevettato che prevedeva l’induzione forzata ed immediata al sonno. Radison si traduce infatti in “sonno radio”. Questo esperimento fu condotto su ignari soldati sovietici di Nocosibirsk nel 1974 con un grande successo, dopo la costruzione dell’impianto che portava lo stesso nome. Cosa faceva esattamente Radison? Induceva le persone colpite dalle onde radio ad un sonno completo e profondo, il tutto sincronizzando le onde emanate dall’apparato con quelle celebrali.

Ma l’arma può essere usata anche in modo inverso, cioè privare il sonno. Immaginiamo cosa accadrebbe in una guerra se venissero usate queste armi, ma immaginiamo anche un uso civile e le conseguenze sulla popolazione.

Nel 1995 vengono pubblicati due libri-documenti, scritti da due rappresentanti della Duma russa, dove si parla esplicitamente di questi apparati e di queste armi. Qui per la prima volta viene messo nero su bianco l’uso reale di queste terrificanti armi che vengono addirittura descritte come peggiori delle armi nucleari. Le armi psicotroniche portano: blocco della volontà a livello subliminale, perdita di capacità politiche, culturali, perdita di identificazione sociale e scorporamento del proprio io; comporta inoltre la manipolazione della coscienza sociale e persino la disabilitazione dell’informazioni unitaria e la parte spirituale umana.

NOTE! ATTENZIONE!!! A NON CONFONDERE QUESTO EVENTO CON IL CREEPYPASTA CHE CIRCOLA IN RETE SULL’ESPERIMENTO RUSSO DEL 1971 DI PRIVAZIONE DEL SONNO PER 4 DISSIDENTI CHE SI MANGIARONO VIVI. OVVIAMENTE UN FAKE.

Sicurezza nazionale russa

Successivamente esce il libro russo “armi psicotroniche e sicurezza della Russia” scritto dal Generale ex agente del KGB sovietico e poi dei Servizi Federali russi, Lopatin. Questo tipo di armamenti (dice nel libro) da anche una errate visione della realtà, il blocco della propria libertà e della volontà di dare informazioni. Tutte queste caratteristiche possono essere effetti indotti da: radiazioni elettromagnetiche, luminose, riscaldanti, infrasoniche ed ultrasoniche.

Nel 1999 viene a galla un documento voluto e redatto delle Fondazioni: Omega di British Manchester e Società europea Scientific and Technologiest Options Assessment che chiedono chiarezza sul contenuto. In questo documento si parla di interviste fatte dall’ex Generale sovietico-russo Ratnikov, che descrive come negli anni 80 si combatté una vera e propria guerra di informazione usando proprio le tecniche e gli strumenti chiamati armi psicotroniche, raccontando fatti, misfatti e situazioni internazionali con nomi dei protagonisti russi, statunitensi, cinesi, giapponesi, europei, ecc..

Lui chiamava questo periodo la “Guerra Astrale” e racconta le tecniche di manipolazione mentale usate e quelle per aiutare i propri agenti e politici residenti in altri Paesi, magari ostili a proteggersi da altre manipolazioni.

La legge russa

Il 25.9.2000 il Comitato di Sicurezza del Parlamento Russo discuteva il comma dell’art. 6 della legge federale sulle armi, cercando di approvare una legge che vietasse l’uso di queste armi nel territorio della Federazione, legge poi approvata, ma che dimostra chiaramente che le armi esistono e sono funzionanti ed usate. Nella stessa legge, si proponeva alla Russia di farsi carico di formare una organo internazionale di controllo sotto l’ONU, che impedisse l’uso di queste armi a livello globale e che giuridicamente avesse potere sul loro sviluppo a livello internazionale, in pratica un organo di controllo etico, se così potremmo dire.

KGB Armi psicotroniche

Nel 2006 altri ex Agenti del KGB rivelano in TV, in interviste, segreti sulle armi psicotroniche, incluso gli effetti e i metodi sopra citati. Tra le varie parti che parlano di guerra Astrale si citano anche pseudo poteri mentali e psicologici come il Remote Viewing, che merita però un approfondimento a parte.

“Il generale di divisione della Riserva del Servizio Federale Russo della Difesa, Boris Ratnikov, rivela, che la Russia ed altri paesi stanno progettando degli speciali dispositivi atti a trasformare gli esseri umani in zombie. Già venti anni fa per la prima volta i mass media menzionavano la strana combinazione della parola composta “arma psicotronica”.

Tutte le informazioni di tali armi giungevano dai militari trasferiti alla riserva sopramenzionata e dai ricercatori, che non erano ufficialmente riconosciuti dall’Accademia Russa di Scienze, e riguardavano generatori in grado di arrecare disorientamento alle persone, anche se distanti a centinaia di chilometri. Da quanto riferito tali dispositivi potrebbero controllare il comportamento umano, deteriorare la psiche seriamente e persino uccidere. A notizia pubblicata immediatamente alcune persone rivendicarono essere vittime dell’impatto di tali armi, si precipitarono nelle redazioni di quotidiani e periodici, che avevano trattato l’argomento, lamentando di strane voci che impartivano loro degli ordini.”

Patrizia Cordone

Le armi psicotroniche negli altri paesi

Negli Usa i ricercatori lavorano ai risultati della psicotronica con il ricorso allo studio di metodi psicofisici orientali, ipnosi, programmazione neurolinguistica, psicotecnologie come caschi, elettrodi, ecc., uso di  computer e stimolazione da biorisonanza ed infine collegamenti ad intelligenze artificiali. Lo stesso vale per la Cina, dove gli studi anche sul Paranormale sono tra i maggiormente perseguiti al mondo, come era prima anche per l’URSS, mentre nella Russia attuale continua la sperimentazione di vecchi e nuovi scienziati in vecchie e nuove sedi.

In Giappone l’Accademia delle Forze nazionali di autodifesa studia l’applicazione della parapsicologia nel campo dell’intelligence. Gli israeliani conducono studi simili a quelli americani, soprattutto per aiutare la gente a rivelare le proprie potenzialità attraverso l’autoregolazione, che sembra essere un uso positivo della tecnica psicotronica, cambiando il loro livello conscio; mentre gli atleti dello stesso paese usano le stesse tecniche per il perfezionamento delle prestazioni sportive, sistema adottato anche in altre nazioni.

Ma c’è dell’altro, perché gli israeliani realizzano dispositivi segreti di programmazione del comportamento, le cui basi sono desunte dalla simulazione matematica del simbolismo della Kabala e qui entriamo nel campo dell’occulto. In Nord Corea il Servizio per la Sicurezza ed il Controllo della politica estera conduce sperimentazioni di oscillatori modificanti le funzioni degli organi interni, anche la Cina probabilmente fa lo stesso ed è accusata di aver sperimentato queste tecniche a Cuba contro l’Ambasciata USA.

In Pakistan i servizi speciali conoscono un particolare dispositivo nocivo all’organismo ed alle funzioni fisiologiche, cagionante la morte. L’intelligence spagnola finanzia studi simili dell’uso di dispositivi lesivi alla salute fisica e arrecanti trasformazioni mentali. Inutile dire che anche altri Paesi hanno questo tipo di ricerche, giusto per citarne alcuni: Germani, Italia, Francia e Regno Unito. Inoltre siamo davanti a dispositivi del tutto simili alle convenzionali armi a microonde, ormai dotazione di diversi eserciti ed in particolar modo a quello USA. Vedi anche questo articolo.

Conclusioni

Boris Ratnikov riferisce in ultimo di avere visto un documento classificato del KGB relativo alle minacce potenziali di un generatore psicotronico, il cui funzionamento è basato sulla risonanza delle funzioni di risposta degli organi, quali il cuore, il fegato, i reni ed il cervello. Considerato che ogni organo emette proprie frequenze, queste possono essere usate (intercettate e distratte…) irraggiando campi magnetici ostili per affliggere acuti scompensi cardiaci, renali oppure comportamenti impropri dei vari organi, portando una persona ad essere piegata dai lancinanti dolori, stremata dalle terrificanti problematiche di salute o fino alla morte. A seguire il mio video.

YouTube player

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *