Maggio 25, 2024

Vajra: potente arma a fulmine degli Anunnaki e degli dei ti tutte le culture

2

Il tema delle armi divine è ormai frequentemente usato nel mondo dei misteri, in particolar modo abbiamo un arma che padroneggia sulle altre, la Vajra, che il Dio Indra impugana come altri Dei in altre culture in giro per il mondo. Questo articolo è ispiato ad un articolo di Vicky verna ed approfondito ulteriormente.

Molti studiosi e autori di storia antica hanno menzionato la cosiddetta “Tecnologia degli dei”, che include non solo la mistica macchina volante “Vimana”, ma anche potenti armi degli dei , ad esempio “Vajra”, un artefatto della Dei Anunnaki che sparano fulmini.

Vajranelle divinità
La Vajra nelle varie culture.

Vajra è una parola sanscrita che significa sia fulmine che diamante. Il Vajra è descritto come un’arma potente, di solito a forma di mazza con una testa sferica a coste. La conoscenza di questo potente strumento/arma/gadget risale alla più profonda antichità.

I testi ancestrali indicano che il Vajra non era sempre un simbolo di pace e tranquillità, ma qualcosa di molto diverso. Appare per la prima volta nell’antica India (nei Veda e nei Purana), dove era l’arma della pioggia vedica e della divinità del tuono Indra. Alcune descrizioni che si trovano nei testi antichi hanno inquietanti somiglianze con i missili moderni.

Creazione del Vajra

Un giorno, gli asura (semidei) di nome Vritra e Namuchi stavano preoccupando i deva (dei o esseri celesti). Erano determinati a uccidere la potente divinità indù Indra (re del cielo e dei Deva), quindi hanno preso di mira gli umani sulla Terra. Pensavano che se avessero danneggiato gli umani, Indra sarebbe sicuramente venuto a difenderli. Indra e i deva andarono dal Signore Vishnu per chiedere aiuto.

Vajra indù
Il vajra di Indra come sigillo privato del re Vajiravudh della Thailandia. Credito immagine: Wikimedia Commons.

“C’è solo un modo. Devi diventare amico intimo di Vritra. Solo allora sarai in grado di conoscere le sue debolezze. Quando arriverà il momento giusto, attaccherai. Ma prima devi andare da Sage Dadichi. È idoneo a raggiungere la salvezza, ma io ho bisogno di fare l’ultima prova. Digli di uccidersi e di dare le sue ossa a Vishwakarma, che creerà un’arma potente con le sue ossa in grado di uccidere Vritra”.

Vishnu

I deva furono inorriditi nel sentire questo. Hanno dovuto usare le ossa di qualcuno per fabbricare un’arma. Ma sapevano di non avere altra scelta, così andarono all’eremo del Saggio Dadichi. Dadichi era immerso in una profonda meditazione. C’era una luce brillante che usciva da lui. Alla fine si è svegliato.

Il sacrificio e le ossa sacre

Dadichi salutò i Deva, chiese loro lo scopo della visita e offrì loro dei frutti. Indra ha spiegato tutto a Dadichi. Disse esitando: “Il Signore Vishnu ci ha consigliato di usare le tue ossa per fabbricare un’arma”.

“Quindi devo morire”, disse Dadichi e sorrise. «Tutta questa esitazione solo per questo. È il mio momento di lasciare questo mondo. Sono felice di morire per la causa più grande”.

Il saggio Dadichi tornò a sedersi in meditazione. Chiuse gli occhi e la sua anima lasciò il suo corpo. Dadichi ha sacrificato la sua vita per loro. Indra diede le ossa a Vishwakarma, che le usò per creare il Vajra, l’arma principale di Indra.

Indra fece quindi amicizia con Vritra e apprese le sue debolezze. Quando giunse il momento giusto, Indra formulò un piano e con il suo Vajra uccise Vritrasura.

“Ora descrivo le gesta gloriose di Indra, che detiene Vajra. Uccise il serpente e fece scorrere le acque. Ha spezzato il cuore delle montagne.

Rigveda

Uccise il serpente, che si stava rifugiando in montagna. Tvashta fece per lui il Vajra. Come le mucche che emettono suoni, le acque che scorrono raggiungevano il mare.

Il potente Indra scelse Soma e bevve da tre contenitori. Il generoso Indra tenne in mano Vajra e uccise il primogenito tra i serpenti.

Rigveda 1.32

Vajra nel buddismo

Vajra e campana tibetana
Un vajra tibetano (mazza) e ghanta (campana). Credito immagine: Wikimedia Commons.

Il Vajra è un oggetto rituale letterale associato al buddismo tibetano, chiamato anche con il suo nome tibetano, Dorje. È il simbolo della scuola buddista Vajrayana, che è il ramo tantrico che contiene i rituali che si dice permettano a un seguace di raggiungere l’illuminazione in una sola vita, in un lampo di indistruttibile chiarezza.

Gli oggetti vajra sono solitamente realizzati in bronzo, di dimensioni variabili e hanno tre, cinque o nove raggi che normalmente si chiudono a ciascuna estremità a forma di loto. Il numero dei raggi e il modo in cui si incontrano alle estremità hanno numerosi significati simbolici.

Nel rituale tibetano, è spesso usato insieme a una campana (ghanta). Il vajra è tenuto nella mano sinistra e rappresenta il principio maschile — upaya, riferito all’azione o ai mezzi. La campana è tenuta nella mano destra e rappresenta il principio femminile: prajna, o saggezza.

Un doppio Dorje, o vishvavajra, sono due Dorje collegati a formare una croce. Un doppio Dorje rappresenta il fondamento del mondo fisico ed è anche associato ad alcune divinità tantriche. Secondo alcune tradizioni meno conosciute era un simbolo di rinascita.

doppia Vajra
Il doppio dorje aveva probabilmente una valenza che a noi è sconosciuta, ma c’è il forte sospetto che roteasse per sviluppare energia.

Concetto simile di Lightning-Bolt come arma nelle culture occidentali

Gli studiosi sostengono che non esiste alcuna relazione tra indiana, greca, australiana, nordica e la cosmologia delle Americhe. Credono che ogni civiltà abbia concepito i propri dei indipendentemente e che non esista una tradizione più profonda, più antica e universale. Se questo fosse il caso, allora la fondazione di queste società, i loro miti, tradizioni, credenze e iconografia dovrebbero essere unici per loro, la loro posizione e la loro storia.

Vajra di Zeus
Zeus con la Vajra di fulmini. Credito immagine: Wikimedia Commons.

Il simbolo del tuono o di un fulmine come strumento di distruzione, ad esempio, affiora in molte civiltà antiche. Nel mondo occidentale, il fulmine è più facilmente associato al dio del cielo greco Zeus. Ha sconfitto i Titani usandolo e ha preso il controllo del pantheon greco.

Zeus ed il suo Vajra
Zeus contro Tifone in un antico vaso greco.

Secondo la leggenda, Zeus liberò i Ciclopi, i capomastri, che furono imprigionati nelle profondità degli inferi: il Tartaro. In segno di gratitudine per la loro liberazione, gli diedero un’arma meravigliosa, il fulmine.

In un’altra storia, Zeus usò la sua formidabile arma per combattere le creature più grandi e temibili di tutta la mitologia greca, il serpente dalle cento teste Tifone. Le prime immagini di Zeus lo ritraggono con in mano un fulmine simile a un’asta, mentre altre mostrano quest’arma mortale con le estremità divaricate in tre rebbi.

Il Martello di Thor, Thunder e Donner

thor ed il suo Vajra Hammer o Mjollnir
In una delle più antiche raffigurazioni del Dio norreno Thor, oltre al martello, sembra maneggiare anche qualcosa che ricorda la Vajra. Ma lo stesso martello potrebbe essere formato dal Vajra.

Il Martello di Thor, dio del tuono e figlio di Odino, nella mitologia norrena, è conosciuto anche con il nome di Mjöllnir.

La mitologia narra che il martello fu forgiato dai nani, in particolare dal nano Sindri, in seguito a una scommessa che suo fratello accettò con il dio Loki, su chi, tra la loro famiglia e quella degli Ivaldi, fosse riuscito a creare l’arma perfetta per gli déi. Da uno scezo di Loky atto a distrarre il fabbro che stava forgiando l’arma, essa risultò difettosa, con manico corto e tozzo, ma questa cosa finì per avvantagiare Thor, il quale lo potè maneggiare più abilmente e con maggiori risultati.

Il racconto del Dio norreno Thor e della sua arma il Mjöllnir viene narrato nel poema mitologico Thorsdrapa (Þórsdrápa), Eilífr Goðrúnarson, poeta al servizio dello jarl Haakon Sigurdsson (937-995).

Il suo martello ha incredibili poteri divini e può essere maneggiato solo da pochi eletti, è considerato l’arma più potente tra quelle divine, esattamente come il lanciatore di fulmini di giove/Zues. Il maglio da guerra, secondo la leggenda può rimpicciolirsi fino a diventare un monile da collana, molto diffuso tra i vichinghi, esso era un monito per gli avversari ed una protezione per chi lo indossava, esso infatti avrebbe potuto attirare a se niente poco di meno chè lo stesso Dio a difenderlo.

Il Dio dei Vichinghi e dei popoli del Nord è un uccisore di mostri, giganti e demoni, esattamente come Indra per gli Indù e Zeus per i greci, manche per altre divinità di altre civiltà sparse per il globo. Il martello di Thor aveva un altro potere, quello di resuscitare i morti. Non sembra quindi essere un caso che esso abbia un potere quasi identico a quello del Dorje dei Buddisti.

Il dio celtico Sucellos ed il suo martello

Il Dio del fabbro con il martello dei Celti Sucellos.

Circa duecento immagini gallo-romane sono dedicate al cosiddetto «dio col mazzuolo». Ha l’aspetto di un uomo maturo, con barba e capigliatura riccioluta. L’atteggiamento è maestoso, con una leggera ponderatio. È solitamente vestito alla maniera gallica, con una tunica manicata, trattenuta in vita e sui fianchi, e un mantello. Spesso indossa bracae e calzature.

A volte è invece abbigliato con una sinistra pelle di lupo, il cui cranio è posato sul suo capo a mo’ di elmo. Gli attributi costanti sono un mazzuolo dal lungo manico, più simile a uno scettro, che impugna nella sinistra, e nella destra un vaso tipo olla, in alcuni casi sostituito da una patera. In certe aree geografiche, invece del vaso compare un tino. Raramente il dio impugna una falx. Su una stele proveniente da Séguret (Vaucluse, Francia) ha, eccezionalmente, una siringa.“.

Museo Bifrost dei celti e dei Galli

Il Dio celtico è precedente a quelli norreni, bretoni, sassoni e vichinighi, quindi è anche più rudimentale e troviamo nelle sue figure una singolare coincidenza con i miti norreni. Vi ricordate che Loky fa commettere un errore al fabbro che creò il martello per Thor? Bene gli mozzo metà del manico, ma lo rese più agevole da usare.

Quindi il Dio del tuono divenne più guerriero e meno sociale. Se Sucellos è il Dio da cui presero spunto i miti norreni e della zona di influenza vichinga e sassone, allora potremmo dire che il martello del Dio, venne tranciato dopo il periodo celtico. Diventando da martello amanico lungo del Dio celtico, il martello corto del Dio norreno. Trasformando un fabbro in Dio del tuono. Ma ritorniamo a noi ed al Vajra.

La Vajra in Mesopotamia

Il malvagio e potente Tiamat, secondo l’Enuma Elish, stava escogitando piani insidiosi contro Ea e gli altri dei regnanti. Gli dei avevano paura di invocare la sua ira malvagia e cercare una soluzione. Ea tenta di affrontare Tiamat, ma invece di combattere fa marcia indietro. Marduk, suo figlio, si fa avanti e si offre volontario per combattere il serpente infuriato, ma a una condizione. Se avrà successo, avrà il dominio sull’intero universo.

Gli dei furono d’accordo e fornirono a Marduk potenti armi tra cui un arco, una mazza e una rete da usare nella sua battaglia contro Tiamat. Gli diedero l’arma senza rivali, il distruttore del nemico.

“Vai, taglia la vita a Tiâmat. Lascia che il vento porti il ​​suo sangue nelle profondità [sotto la terra]. Gli dei, i suoi padri, emanarono il decreto per il dio Bel. Lo misero sulla strada che conduce alla pace e all’adorazione.”.

Enuma Elish

La Vajra in Mesoamerica

Un’arma simile a un fulmine mortale usata dagli dei del cielo può essere trovata anche nelle culture mesoamericane.

Nella cultura azteca c’è il dio Huitzilopochtli. Huitzilopochtli, con la sua arma Xiuhcoatl, “il serpente di fuoco”, uccise sua sorella Coyolxauhqui subito dopo la sua nascita.

La divinità Maya della pioggia Chaac e il successivo Tlaloc azteco sono entrambi raffigurati mentre portano la loro ascia fulminea. A volte vengono mostrati con in mano serpenti, che rappresentano fulmini che scagliavano dalle cime delle montagne dove si erano ritirati.

In Perù, c’è il dio Illapa che è descritto come un uomo che brandisce una mazza nella mano sinistra e una fionda nella destra.

Vedi anche il video a seguire:

YouTube player

Vedi anche l’Articolo sulla Dama di Elche.

Vedi anche l’articolo sulle mummie antiche delle principesse siberiane.

2 thoughts on “Vajra: potente arma a fulmine degli Anunnaki e degli dei ti tutte le culture

  1. Bello il tuo sito web, complimenti. Ti giuro che la tua umiltà e riservatezza sono alla portata di pochi e i tuoi punti di forza. Che i tanti scienziati, astrofisici, ufologi che ripetono sempre le stesse cose da almeno 10 anni, come se oltre il picco della montagna su cui albergano, pensano forse che non ci sia altro da fare o da aggiungere alla ricerca. Complimenti
    Sei davvero un grande professionista.
    Grazie di tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *