In quest’articolo del 30 settembre 2013 presento e parlo del misterioso Monte Petroso di san Martino delle scale, Valle Paradiso a Palermo. L’articolo venne pubblicato da “Seven Network” e poi ripreso da altri.

Arriviamo a monte Petroso

Nella zona di San Martino delle Scale – frazione di Monreale, provincia di Palermo – si trova una località chiamata Valle Paradiso. Questa è la vallata più grande dell’area, ed al suo interno contiene una zona boscosa che si inerpica per quasi metà della sua altezza sul Monte Petroso, una montagna quasi conica e piramidale. Mentre si dirada il bosco delle conifere, salendo su per la montagna, si infittisce invece la sughereta con il suo sottobosco di felci e rovi. Infine quando mancano solo alcune decine di metri dalla sua cima si interrompe bruscamente la vegetazione per lasciare il posto ad una gigantesca frana da implosione.

Il misterioso Monte Petroso
Monte Pertroso o Pietroso

Persino molti palermitani non conoscono questo bellissimo monte che si trova a pochissimi chilometri fuori dal territorio della Provincia e della città. Il nome della montagna probabilmente è dovuto alla sua composizione pietrosa. Ma anche alla particolare peculiarità della sua cima che appare come una grande roccia sgretolatasi e crollata su se stessa. In effetti Monte Petroso appare come i resti conici o cilindrici che si formano dentro i vulcani e costituiti da rocce più dure e meno corrodibili di quelle esterne, che invece tendono a sparire più rapidamente nel tempo; ovviamente non si tratta di un vulcano, così come non lo è mai stato il vicino e più alto Monte Cuccio. Ma tali forme e caratteristiche hanno contribuito sicuramente a creare la leggenda palermitana secondo cui il Monte Petroso e la cima principale di Monte Cuccio siano stati un tempo dei vulcani attivi.

Tradizione popolare

La tradizione popolare, è in parte dovuta anche alla presenza di laghi carsici esplorabili all’interno della montagna principale che sovrasta la città di Palermo. Per l’esattezza questi si trovano nella zona della cima inferiore dell’altro versante di Monte Cuccio chiamata Falconara. Si tratta della vicina zona abitata di Baida dove è possibile accedere ad alcune grotte con pozzi verticali (dove tra l’altro in passato sono morte diverse persone per negligenza). Sono anche famose le gradi doline che si trovano alle spalle della cima principale.

Il misterioso Monte Petroso
Il misterioso Monte Petroso visto da sopra l’Abbazia dei Benedettini di San Martino delle Scale.

Un’altra leggenda circolante intorno al Monte Petroso. E’ quella che alla fine del suo sentiero principale a metà della sua altezza, dove finisce il bosco di pini marittimi e comincia la sughereta, si trovino i resti di un piccolo tempietto greco (simile a quello di Diana che possiamo osservare salendo su un’altra splendida montagna palermitana: Monte Pellegrino). Oppure si sarebbe trattato di una struttura appartenuta ed utilizzata dalle fattucchiere in epoca medioevale (non dimentichiamo che Palermo è stata una delle città dove la Santa Inquisizione ha commesso più stragi in Italia). In realtà questo rudere che ormai è ridotto al solo basamento, è probabilmente una tipica torre di osservazione del periodo normanno. D’altra parte in zona c’è l’importante “Castello (fortificato) dei Normanni”.

La vallata e le montagne che la circondano sono ricche di falchi pellegrini, gheppi, falchetti di vario tipo, barbagianni, civette, e persino aquile reali che nidificano sulle rocce a picco dei monti di San Martino delle Scale. Io stesso ho potuto osservare un falco di grandi dimensioni a pochi metri di distanza proprio in cima a Monte Petroso, da dove è possibile vedere parte di Palermo e l’intera vallata circostante.

Esplorando il misterioso Monte Petroso

Ma torniamo alla montagna in oggetto. I reali motivi geologici della composizione anomala della cima del monte sono ignoti e rimangono un mistero. D’altronde questa montagna presenta molte altre cose interessanti ed enigmatiche. Per esempio alla sua base si trova un vallone dove scorre un torrente stagionale che si chiama proprio “Il Vallone”. Nei bordi di esso è presente una vegetazione che sembra essere tipica delle giungle, per passarci in mezzo infatti è necessario l’uso di machete o di una roncola e altri attrezzi per aprirsi un varco. Lì in mezzo, in un luogo poco conosciuto e coperto deliberatamente da qualcuno (forse dalla Forestale), si trova una vecchia cisterna dell’acqua probabilmente risalente al periodo della II Guerra Mondiale.

Per chi come me ha uno spirito da esploratore, è stata una grande meraviglia scoprire un passaggio segreto dentro questa struttura, che passando sotto la cisterna si allunga in direzione dell’Abbazia dei Benedettini di San Martino delle Scale; purtroppo qualcuno ne ha sbarrato il tunnel dopo alcune decine di metri e quindi non è stato possibile andare oltre; in effetti il passaggio appena discusso potrebbe essere un tunnel di fuga dei monaci usato nel periodo della guerra.

Insediamenti di guerra

La zona era stata adibita dai soldati tedeschi e americani ad accampamento per diversi mesi. Ovviamente questo avvenne prima per gli uni e poi per gli altri. E’ quindi plausibile, che questo cunicolo, possa essere stato usato durante la guerra. Ma c’è anche un’altra probabilità, il tunnel potrebbe essere più antico e risalire al medioevo. E’ risaputo che tutti i monasteri avevano vie di fuga segrete che portavano lontano dalle strutture principali. Il monastero in questione è il secondo per grandezza ed importanza d’Italia dopo quello di Montecassino.

Scoprire che alcuni decenni fa furono fatti degli scavi paleontologici significativi. La zona era abitata da uomini preistorici; purtroppo la documentazione non indica un luogo preciso dei ritrovamenti raggiungibile dai non addetti al lavoro, quindi non è stato possibile localizzare il punto preciso degli scavi. In loco comunque furono rinvenute ossa umane e di animali. Inoltre anche utensili costruiti con selci affilate. Vediamo in dettaglio i dati del documento reperibile in rete. Il documento in questione è composto da 10 pagine e si intitola “Dati preliminari sui reperti umani di Monte Petroso, Palermo (collezione Correnti)”. Lo studio in questione amplia quello precedente del cattedratico Prof. Corretti di Palermo ed è stato effettuato dai ricercatori Andrea Messina, Rosalia Moreci e Luca Sineo.

Consulta il documento sui reperti Neolitici

I reperti di epoca neolitica ritrovati hanno consentito di individuare almeno 5 persone differenti. queste erano di entrambi i sessi. Le ossa di almeno 3 animali sepolte a corredo funerario di una di esse. Valle Paradiso viene considerata una zona di quelle di maggiore espansione della popolazione neolitica. In particolar modo degli uomini sapiens della zona del palermitano. La collezione di reperti di Monte Petroso è attualmente custodita (notizia aggiornata al 2010) al Dipartimento di Biologia cellulare di Palermo. Purtroppo anche questi secondi studi non hanno permesso di concretizzare delle conclusioni sugli abitanti del luogo e i loro usi e costumi, pertanto anche questo mistero di Monte Petroso rimane ancora irrisolto. Resteremo in attesa di ulteriori indagini e scoperte di questa interessante montagna di Palermo.

Di Gabriele Lombardo

Gabriele Lombardo è nato il 17 gennaio 1975 a Palermo. Diplomato al Liceo Artistico e grafico per reti internet/intranet, egli ha acquisito nel tempo maggiori e più precise conoscenze artistico/culturali anche nel campo della clipeologia e degli studi associati e paralleli come il simbolismo, l’archeologia misteriosa e la paleoastronautica (teoria degli antichi astronauti). Esperienze E’ stato investigatore privato ed addetto alla sicurezza, cose che gli sono servite per sviluppare attitudini all’investigazione e le tecniche di analisi. Soprattutto ha sviluppato doti idonee ad un approfondito profilo di investigatore ufologico e del paranormale, nonché più generalmente di tipo misterico. E’ stato aspirante pubblicista-giornalista di controinformazione per quasi quattro anni, scrivendo di guerre, crisi internazionali, scienza, ufologia, archeologia del mistero, complotti internazionali, ecc.. a scritto per X-Time, Seven Network, Seven Radio, Il vespro ed altre riviste o network. Attualmente è anche autore. Convegni e conferenze Fin dall’età di tredici anni è stato appassionato di antiche culture, storia, scienza e misteri di tutti i tipi. Negli anni è stato testimone diretto ed indiretto di molti eventi ufologici ed alcuni paranormali. Nel 2006 intraprende il suo interesse verso l’ufologia, dopo circa sei anni dedicati al paranormale più in generale e comincia a scrivere in rete su vari blog e forum a tema misterico-ufologico. Nel 2010 ad Alcamo (Trapani) effettua il suo primo convegno pubblico con i rappresentanti di CUN, CISU ed un astronomo, su invito dell’Associazione Culturale Impronta di Palermo. Dopo aver fatto alcuni importanti convegni sulla controinformazione, il controspionaggio, la propaganda storica, l’ufologia storica, le scie chimiche e tecnologie come HAARP e MUOS, ha elaborato una propria tesi che unisce insieme la sperimentazione delle tecnologie sopracitate, il fenomeno ufo e le armi ad energia solida o ad energia più ingenerale (laser, microonde, ecc.). Ha anche effettuato un reportage fotografico sul MUOS durante la sua costruzione. Ruoli e gruppi fondati Gabriele Lombardo diventa Coordinatore e Responsabile per Il CUS (Centro Ufologico Siciliano) tra il 2011/2012, dove ha svolto indagini ufologiche territoriali, ha formato un gruppo di sostegno e ricerca per la Sicilia Occidentale, ed ha svolto attività convegnistiche organizzando con esso ben 3 convegni a Carini (Palermo); ha inoltre contribuito alla stesura di un Libro dal titolo “Gli Ufo in Sicilia – Parlano i Testimoni” di Salvatore Giusa, con alcuni casi indagati personalmente e documentati fotograficamente. Nel 2014 fonda l’Associazione Culturale “Nuovo Millennio – UFO Hunter Italia” poi chiusa i primi del 2018, di cui è stata Presidente, organizzando e partecipando come relatore o guida a 13 convegni (Trapani, Palermo, Carini, Caccamo), 10 skywatching ufo/astronomici e 3 gite archeologiche organizzate. Con la stessa Associazione e con il supporto di Giornalisti d’inchiesta, un tecnico del CIR di Roma e ricercatori indipendenti, ha condotto e documentato le indagini degli ultimi 5-6 anni presso Canneto di Caronia (Messina), dove autocombustioni, fenomeni magnetici, contatti alieni, fenomeni paranormali, eventi medianici, anomalie di vario genere ed avvistamenti UFO, hanno generato molte ipotesi. Ha anche condotto indagini sulle rotte UFO sopra le città di Palermo, Marausa-Birgi (Trapani) e Carini-Aeroporto Falcone Borsellino. Ha anche condotto indagini sulla casistica delle Province di Palermo, Trapani ed Agrigento per due anni. E’ anche stato autore di molti avvistamenti fotografati e ripresi. Ha organizzatore numerosi convegni e skywatching, spedizioni investigative, archeologiche ed antropologiche. Interviste ed esperienze radiofoniche e TV Gabriele Lombardo è stato in radio diverse volte come ospite per parlare di temi ufologici, di contattismo, scie chimiche, storia, occultismo, esoterismo, ecc.. E’ anche stato più volte ospite di una TV Monte Lepre (Palermo), dove ha coo-condotto come ospite speciale due trasmissioni a tema ufologico-scientifico-misterico affrontando temi come: il Meteorite di Celiabynsk, area 51, Casistica regionale siciliana e Roswell. Egli è stato intervistato dalla trasmissione TV Voyager dove ha potuto esporre una personale tesi che collegherebbe i fenomeni di Canneto di Caronia con le frane del Messinese di qualche anno fa. E’ stato anche intervistato per la galleria di Tremmonzelli in Sicilia (dove avvengono strani fenomeni, avvistamenti UFO e combustioni spontanee correlate ad anomalie magnetiche ed impulsi elettromagnetici o microonde). Gabriele è anche stato ideatore e Conduttore radiofonico della trasmissione “Nuovo Millennio” che andava in onda ogni venerdì dalle 22:00 alle 00:00 su Radio Carini, e condotta insieme ad altre persone. Gabriele Lombardo è anche cittadino di “Asgardia“, la prima Nazione spaziale che attualmente è in trattativa per un seggio all’ONU ed effettua missioni spaziali automatizzate. Egli ha anche un diploma ad Honorem causa “in antichi culti e religioni” Rilasciato dalla chiesa Universale degli USA ed è autorizzato Press presso la stessa istituzione negli Stati Uniti. Ora è ricercatore indipendente e ha dato e continua a dare il suo contributo alla formazione ed il mantenimento delle attività della F.U.I. (Federazione Ufologica italiana), di cui è uno dei promotori e fondatori. Ruoli nella FUI e pubblicazioni Allo stato attuale è a Capo di alcuni dipartimenti ed è vice Capodipartimento di altri. Nel 2019, ha contribuito alla stesura del libro: Il Paradosso di Fermi. “Where is everybody?” Ricerca Aerospaziale Quaderno n. 4 – Anno 2019 insieme a Dario Del Buono, Francesca Maria Manoni, Giuliana Conforto, Giuseppe GM Quartieri, Laura Quartieri, Paolo Saraceno, Piercamillo Quercia. Gabriele Lombardo si occupa anche di analisi foto video, di investigazione dei casi UFO, di fenomeni ad essi connessi e di tutto ciò che è mistero o scienza, scrive articoli e libri. Mail personale: gabrielelomb75@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *