Aprile 16, 2024

Il Generale Douglas MacArthur nel 1958: gli UFO sono reali e bisogna studiarli

0

Un gruppo d’élite di scienziati e ufficiali militari si riunì per un incontro molto privato a New York City nel 1958 a questi presiedette anche il Generale Douglas MacArthur. Il loro scopo era quello di discutere degli UFO e l’oratore principale dell’incontro era nientemeno che MacArthur, forse il più grande leader militare della guerra moderna e di certo della II Guerra Mondiale.

Gen. Douglas MacArthur
Gen. Douglas MacArthur.

I suoi record come comandante supremo nel teatro del Pacifico durante la seconda guerra mondiale e la sua partecipazione nella guerra di Corea, sono stati i soggetti di numerosi libri, fiction televisive e diversi film, di cui uno recente.

Meno noto è il fatto che il Gen. Douglas MacArthur fosse un appassionato studioso del fenomeno UFO. Era persino ossessionato dall’argomento e temeva che gli UFO fossero invasori ostili provenienti da qualche altro pianeta.

La massiccia ondata di avvistamenti

Sulla scia della massiccia ondata di UFO del 1957, ci furono molti incontri tranquilli in tutto il paese. La US Air Force, che aveva cercato di uscire dal business dei dischi volanti nel 1955 con la pubblicazione del Project Blue Book Report Number 14, un tentativo di ridimensionamento, si trovò ancora una volta coinvolta in polemiche.

Il Project Windfall della CIA, un’indagine segreta sui contatti UFO, era invischiato in maldestre burocrazie e confusione. La nuova organizzazione del Magg. Donald Keyhoe, chiamata NICAP, si stava schierando contro i mulini a vento governativi, cercando di forzare la questione e allertare un Congresso apatico. I media e il pubblico in generale consideravano l’intera vicenda degli UFO come un carnevale, una sfilata di carri allegorici.

Ma il Gen. Douglas MacArthur sapeva molto più. Con la sua voce profonda e articolata disse all’incontro del 1958 che credeva, che una forza militare extraterrestre stesse esplorando questo pianeta in preparazione a una massiccia invasione. Sentiva che dovevamo lavorare per sviluppare armi e piani per combattere gli invasori. I dettagli dell’incontro furono tenuti segreti per anni, fino a dopo la morte di MacArthur nel 1964.

L’intervista al Gen. Douglas MacArthur

In un’intervista con l’editorialista Henry Taylor nel 1955, MacArthur aveva già pubblicamente rivelato la sua preoccupazione per gli oggetti volanti non identificati e il loro possibile impatto sulla nostra civiltà. Viveva allora in pensione nelle Waldorf Towers di Manhattan e si sentì libero di esprimere le sue conclusioni sul fatto che gli UFO erano reali e rappresentavano un’orribile minaccia. Uomo arrogante e sicuro di sé, il Gen. Douglas MacArthur non aveva paura di esprimere la sua opinione.

Aveva incrociato le spade con Truman quando aveva palesemente ignorato gli ordini presidenziali durante la guerra di Corea. Si era diplomato tra i migliori della sua classe a West Point e si era fatto strada fino alla carica di capo di stato maggiore dell’esercito nel 1930, all’età di 50 anni.

Non era affatto riluttante ad assumersi la responsabilità e non esitò a calpestare le persone meno competenti che lo circondavano. Durante la seconda guerra mondiale costruì un impero militare nel Pacifico e dopo la guerra diresse la conversione del Giappone alla democrazia.

Un uomo contro corrente

Quindi era infastidito che la posizione ufficiale dell’aeronautica americana fosse che gli UFO fossero palloni meteorologici, bufale e stelle cadenti. Pensava che il pubblico dovesse conoscere la verità… almeno la verità per come la vedeva lui.

Su cosa si basavano le sue conclusioni? I militari, in particolare i generali, sono pragmatici. Agiscono in base ai fatti, non alle teorie. Il Gen. Douglas MacArthur iniziò a raccogliere informazioni sugli UFO durante la seconda guerra mondiale. I misteriosi “foo fighters” apparvero nel teatro europeo nel 1943, ma i rapporti sulle loro apparizioni furono inizialmente soppressi dall’intelligence militare perché si pensava che fossero dispositivi segreti tedeschi.

Anche i piloti tedeschi stavano vedendo gli strani oggetti e pensavano che fossero un’arma segreta alleata. Nel 1944 il fenomeno si era diffuso nel Pacifico. Le navi e gli aerei americani hanno visto gli oggetti, hanno persino sparato loro. Incredibili “sottomarini volanti”, enormi oggetti cilindrici, si alzarono dall’acqua e volarono via in piena vista dell’intero equipaggio delle navi. Come in Europa, i resoconti di questi incidenti sono stati contrassegnati come Top Secret e sono stati trasferiti fino al quartier generale di MacArthur.

L’ossessione del Gen. Douglas MacArthur verso gli UFO

McArthur si interessò personalmente di questi rapporti sconcertanti e, pensando che potessero riguardare alcuni sviluppi giapponesi, creò un piccolo gruppo di agenti dei servizi segreti per raccoglierli e studiarli. Man mano che la pila di segnalazioni cresceva, il team si rese conto di avere a che fare con una tecnologia totalmente sconosciuta.

In alcuni casi, il radar americano aveva rilevato oggetti giganteschi, più grandi di qualsiasi aereo conosciuto, che svolazzavano nel Pacifico. Diversi aerei militari inviati all’inseguimento di queste cose si sono schiantati inspiegabilmente o sono scomparsi del tutto.

Le trasmissioni radio e il radar erano spesso bloccati nelle aree in cui erano attivi gli UFO. Nel 1945, gli uomini dell’intelligence erano convinti – e convinsero MacArthur – che i misteriosi oggetti aerei fossero di origine extraterrestre e fossero ostili.

Pareri contrastanti

Paradossalmente, altre squadre di intelligence indipendenti che operano in Europa sono giunte a una conclusione diversa. L’indagine Foo Fighter della RAF, avviata dal generale Massey nel 1943, decise che gli oggetti erano innocui e probabilmente erano fenomeni naturali di qualche tipo. Il direttore del ramo dell’intelligence della RAF, RV Jones, divenne fermamente anti-UFO. L’intelligence americana in Europa è andata anche peggio.

I rapporti dei piloti americani non sono mai stati centralizzati e studiati, ma sono stati semplicemente sparsi in enormi file. Solo il Gen. Douglas MacArthur ei suoi uomini nel Pacifico avevano intrapreso un’indagine sistematica e le loro scoperte erano gelosamente isolate dalle loro controparti europee e persino dal Pentagono.

Quando la guerra finì nel 1945, i Foo Fighters europei furono quasi dimenticati, ma i volanti fantasma continuarono ad essere visti in tutto il Pacifico, in particolare intorno a Okinawa e alle isole dove gli Stati Uniti stavano installando le loro prime basi aeree dell’era atomica. E quei rapporti Top Secret continuavano ad accumularsi sulla scrivania del generale MacArthur.

Quegli strani fenomeno intorno al Giappone

Un generale a cinque stelle ha un potere considerevole e MacArthur non solo ha governato il suo impero con mano di ferro, ma i tentacoli del suo servizio di intelligence si sono diffusi in tutto il mondo. Ciò è stato dimostrato da un curioso incidente in Gran Bretagna nell’autunno del 1946.

Quell’estate, il nord Europa fu inondato di “razzi fantasma”, oggetti non identificati a forma di sigaro che apparvero su Norvegia, Svezia, Finlandia e persino a sud fino alla Grecia e al Marocco. I paesi scandinavi hanno avviato indagini su vasta scala, temendo che i “razzi” fossero di origine russa. (I russi non avevano razzi in quel momento e la maggior parte dei migliori scienziati missilistici tedeschi sono stati catturati dagli americani.)

Subito dopo che l’ondata del “razzo fantasma” si è placata, la RAF Intelligence ha ricevuto un rapporto secondo cui un razzo si era schiantato fuori Londra. Si è rivelata una bufala completa e non è mai stata rivelata alla stampa .. . o chiunque altro. Gli ufficiali dell’intelligence che avevano indagato erano così imbarazzati che hanno cercato di mantenere l’intera faccenda segreta. Ma nel giro di pochi giorni un telegramma è arrivato al comandante della RAF. Era del gen. Douglas MacArthur in Giappone e ha chiesto dettagli sul razzo non identificato che si era schiantato in Inghilterra!

Intelligence davvero attiva sotto il comando del Gen. Douglas Macarthur

Ovviamente, il Gen. Douglas MacArthur era sintonizzato su tutto ciò che accadeva ovunque ed era particolarmente interessato ai rapporti su oggetti volanti non identificati.

Vent’anni dopo, RV Jones ha rivelato la storia del telegramma di MacArthur in un discorso pubblico. I testimoni di guerra degli UFO nel Pacifico e in Europa alla fine hanno raccontato le loro storie a organizzazioni UFO civili e scrittori professionisti che hanno compilato libri sull’argomento.

La guerra di Corea ha portato una nuova ondata di avvistamenti UFO nel Pacifico e molti di questi rapporti sono stati stampati. Anche la rivista Life ha dedicato loro molto spazio. La grande ondata di UFO americana del giugno-luglio 1947 aveva suscitato l’interesse del pubblico e della stampa per i dischi volanti ed erano diventati un soggetto di interesse umano come i serpenti marini e gli abominevoli uomini delle nevi. Ma per il Gen. Douglas MacArthur, che raccoglieva rapporti dal 1944, non c’era nulla di divertente negli avvistamenti infiniti.

Quando si ritirò a vita civile (in realtà fu licenziato dal presidente Truman), MacArthur mantenne il suo interesse per gli UFO. Ha raccolto libri e riviste su di loro e, secondo una persona che gli è stata vicina negli ultimi anni della sua vita, ha parlato per ore della minaccia dallo spazio a chiunque volesse ascoltarlo.

Forse il maggior conoscitore del fenomeno a livello globale

Nel 1962 il pres. John F. Kennedy invitò l’anziano generale alla Casa Bianca e trascorsero due ore insieme in discussioni private. Non sappiamo se gli UFO siano mai stati menzionati in quel discorso. Kennedy in seguito disse che avevano parlato del Vietnam e MacArthur aveva spiegato perché non dovremmo mai entrare in una guerra di terra in Oriente (che fine ha fatto quell’eccellente consiglio?).

Poco dopo, il presidente Kennedy annunciò che avrebbe versato miliardi di dollari in un programma spaziale progettato per portare un uomo sulla luna entro la fine del decennio.

Una delle ultime apparizioni pubbliche del Gen. Douglas MacArthur è stata un discorso che ha pronunciato a West Point in cui ha detto ai giovani cadetti che “la prossima guerra” sarebbe stata combattuta nello spazio quando un’umanità unita avrebbe combattuto “esseri malvagi” da qualche altro pianeta.

Il discorso è stato ampiamente citato dalla stampa in quel momento, ma non se ne è parlato e non ha avuto alcun impatto. Per alcuni era solo l’innocuo balbettio di un vecchio (aveva 84 anni quando morì). Per altri, era un sobrio avvertimento da parte di un uomo che aveva avuto accesso a informazioni negate ai comuni ufologi, un uomo non portato a pronunciare ammonimenti casuali e infondati. Abbiamo ignorato i suoi consigli sul Vietnam. Possiamo permetterci di ignorarlo ancora una volta?

Articolo parzialmente tratto da uno scritto Di John A. Keel, originariamente pubblicato su UFO Report Magazine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *