Dopo avervi parlato dell’Yb-35, l’ala volante americana del dopoguerra ispirata all’Horten tedesco della II Guerra Mondiale, è giusto che io vi parli anche del successivo prototipo l’Yb-49. L’aereo mantiene quasi totalmente forma e dimensioni invariate rispetto a quello ad elica, diventando però un velivolo ad otto motori a reazione. Esso perde quindi nel corso dello sviluppo le meno efficienti e veloci eliche controrotanti.

Come il suo predecessore, subisce la modifica del nome divenendo Xb-49. Anch’esso come il primo, rimarrà un velivolo sperimentale senza un futuro (effettuando pochi voli di prova e collaudo (anche se più del suo precedente modello e con risultati migliori).

Graphic transition of YB-49 to B-2. Original image used: 090706-F-1234K-051.

Come l’Xb-35, ha contribuito all’evoluzione necessaria per arrivare a velivoli stealth ad ala volante o a delta come il famoso bombardiere USA B-2b. Lo stesso vale per il drone X-47b di nuovissima generazione o il vecchi cacciabombardiere F117 stealth fighter. questi furono sperimentati nell’Area 51 ed usati per la prima volta nel 1990 contro Saddam Hussein in Iraq.

Vedi anche:

La vita del velivolo

Il primo volo dell’Yb-49 velivolo fu effettuato il primo ottobre 1947. Oltre a superare nei test il precedente modello a elica, mise alcuni record di autonomia e volo in altitudine. Esso poteva portare un carico di 14500 kg di bombe ed aveva circa 2500 km di autonomia in missione, quasi 7000 senza carico. Dopo enormi successi ottenuti, uno dei prototipi si schiantò dopo essere entrato in stallo, perdendo di integrità strutturale. Il velivolo volava a quota troppo bassa. Nell’incidente persero la vita i 5 membri dell’equipaggio.

Se mai avesse avuto un futuro nell’USAF, quest’ala volante avrebbe invece necessitato un equipaggio di 7 uomini. Nel tempo avrebbe probabilmente subito molte modifiche strutturali ed una diminuzione del peso. La velocità massima del velivolo era di oltre 750 km orari, una cosa incredibile per gli aerei dell’epoca.

Ne fu ordinato un modello per lo spionaggio d’alta quota denominato RB-49, ma venne subito bocciato. Subito dopo l’ultimo volo nel 1948 di uno di questi aerei, fu ordinato il totale smantellamento.

I sovietici posero molte attenzioni e risorse per scoprire e studiare questi velivoli dopo la II Guerra Mondiale.

Descrizione e dati dell’Yb-49

Descrizione
Tipobombardiere strategico
Equipaggio7
ProgettistaJack Northrop
Costruttore Northrop Corporation
Data primo volo1º ottobre 1947
Utilizzatore principale USAF
Esemplari3 conversioni dal YB-35
Sviluppato dalNorthrop YB-35
Dimensioni e pesi
Lunghezza16,18 m (53 ft 1 in)
Apertura alare52,43 m (172 ft 0 in)
Altezza6,17 m (20 ft 3 in)
Superficie alare371,6  (4 000 ft²)
Carico alare163 kg/m² (33 lb/ft²)
Peso a vuoto40 116 kg (88 442 lb)
Peso carico60 581 kg (133 559 lb)
Peso max al decollo87 969 kg (193 938 lb)
Propulsione
Motoreturbogetto Allison/General Electric J35-A-5
Spinta17 kN (4000 lbf) ciascuno
Prestazioni
Velocità max793 km/h (495 mph)
Velocità di salita19,1 m/s (3,758 ft/min)
Autonomia2 599 km (1 615 mi, 1 403 nmi) (combattimento)
5 758 km (trasferimento)[senza fonte]
16 057 km (9 978 mi, 8 671 nmi) (max)[1]
Raggio di azione 600 km[senza fonte]
Tangenza13 900 m (45 700 ft)
Armamento
Mitragliatricicalibro .50 in (12,7 mm)
Bombe14 500 kg (32 000 lb)

Conclusioni

Nessuno di questi velivoli Yb-49 sperimentali è quindi sopravvissuto o rimase custodito nei musei. Le ragioni di tale azione rimangono a tutt’oggi ignote, ma possiamo presupporre che in questo progetto, c’era qualcosa, che poteva essere importante e doveva essere trasferito altrove per lo sviluppo in segreto, il resto è stato violentemente distrutto e fatto sparire. Esistono molte foto che riguardano questo aereo ed il suo predecessore, posso solo immaginare che alcuni particolari servirono allo sviluppo delle moderne ali volanti o di altri progetti segreti e non ancora declassificati. Ovvio, anche se necessario sottolinearlo, che questo aereo si prestava ad essere scambiato per un UFO. E che ancora oggi subirebbe la stessa etichettatura se visto da occhi inesperti.

Vedi anche video del nuovo drone USA:

Di Gabriele Lombardo

Gabriele Lombardo è nato il 17 gennaio 1975 a Palermo. Diplomato al Liceo Artistico e grafico per reti internet/intranet, egli ha acquisito nel tempo maggiori e più precise conoscenze artistico/culturali anche nel campo della clipeologia e degli studi associati e paralleli come il simbolismo, l’archeologia misteriosa e la paleoastronautica (teoria degli antichi astronauti). Esperienze E’ stato investigatore privato ed addetto alla sicurezza, cose che gli sono servite per sviluppare attitudini all’investigazione e le tecniche di analisi. Soprattutto ha sviluppato doti idonee ad un approfondito profilo di investigatore ufologico e del paranormale, nonché più generalmente di tipo misterico. E’ stato aspirante pubblicista-giornalista di controinformazione per quasi quattro anni, scrivendo di guerre, crisi internazionali, scienza, ufologia, archeologia del mistero, complotti internazionali, ecc.. a scritto per X-Time, Seven Network, Seven Radio, Il vespro ed altre riviste o network. Attualmente è anche autore. Convegni e conferenze Fin dall’età di tredici anni è stato appassionato di antiche culture, storia, scienza e misteri di tutti i tipi. Negli anni è stato testimone diretto ed indiretto di molti eventi ufologici ed alcuni paranormali. Nel 2006 intraprende il suo interesse verso l’ufologia, dopo circa sei anni dedicati al paranormale più in generale e comincia a scrivere in rete su vari blog e forum a tema misterico-ufologico. Nel 2010 ad Alcamo (Trapani) effettua il suo primo convegno pubblico con i rappresentanti di CUN, CISU ed un astronomo, su invito dell’Associazione Culturale Impronta di Palermo. Dopo aver fatto alcuni importanti convegni sulla controinformazione, il controspionaggio, la propaganda storica, l’ufologia storica, le scie chimiche e tecnologie come HAARP e MUOS, ha elaborato una propria tesi che unisce insieme la sperimentazione delle tecnologie sopracitate, il fenomeno ufo e le armi ad energia solida o ad energia più ingenerale (laser, microonde, ecc.). Ha anche effettuato un reportage fotografico sul MUOS durante la sua costruzione. Ruoli e gruppi fondati Gabriele Lombardo diventa Coordinatore e Responsabile per Il CUS (Centro Ufologico Siciliano) tra il 2011/2012, dove ha svolto indagini ufologiche territoriali, ha formato un gruppo di sostegno e ricerca per la Sicilia Occidentale, ed ha svolto attività convegnistiche organizzando con esso ben 3 convegni a Carini (Palermo); ha inoltre contribuito alla stesura di un Libro dal titolo “Gli Ufo in Sicilia – Parlano i Testimoni” di Salvatore Giusa, con alcuni casi indagati personalmente e documentati fotograficamente. Nel 2014 fonda l’Associazione Culturale “Nuovo Millennio – UFO Hunter Italia” poi chiusa i primi del 2018, di cui è stata Presidente, organizzando e partecipando come relatore o guida a 13 convegni (Trapani, Palermo, Carini, Caccamo), 10 skywatching ufo/astronomici e 3 gite archeologiche organizzate. Con la stessa Associazione e con il supporto di Giornalisti d’inchiesta, un tecnico del CIR di Roma e ricercatori indipendenti, ha condotto e documentato le indagini degli ultimi 5-6 anni presso Canneto di Caronia (Messina), dove autocombustioni, fenomeni magnetici, contatti alieni, fenomeni paranormali, eventi medianici, anomalie di vario genere ed avvistamenti UFO, hanno generato molte ipotesi. Ha anche condotto indagini sulle rotte UFO sopra le città di Palermo, Marausa-Birgi (Trapani) e Carini-Aeroporto Falcone Borsellino. Ha anche condotto indagini sulla casistica delle Province di Palermo, Trapani ed Agrigento per due anni. E’ anche stato autore di molti avvistamenti fotografati e ripresi. Ha organizzatore numerosi convegni e skywatching, spedizioni investigative, archeologiche ed antropologiche. Interviste ed esperienze radiofoniche e TV Gabriele Lombardo è stato in radio diverse volte come ospite per parlare di temi ufologici, di contattismo, scie chimiche, storia, occultismo, esoterismo, ecc.. E’ anche stato più volte ospite di una TV Monte Lepre (Palermo), dove ha coo-condotto come ospite speciale due trasmissioni a tema ufologico-scientifico-misterico affrontando temi come: il Meteorite di Celiabynsk, area 51, Casistica regionale siciliana e Roswell. Egli è stato intervistato dalla trasmissione TV Voyager dove ha potuto esporre una personale tesi che collegherebbe i fenomeni di Canneto di Caronia con le frane del Messinese di qualche anno fa. E’ stato anche intervistato per la galleria di Tremmonzelli in Sicilia (dove avvengono strani fenomeni, avvistamenti UFO e combustioni spontanee correlate ad anomalie magnetiche ed impulsi elettromagnetici o microonde). Gabriele è anche stato ideatore e Conduttore radiofonico della trasmissione “Nuovo Millennio” che andava in onda ogni venerdì dalle 22:00 alle 00:00 su Radio Carini, e condotta insieme ad altre persone. Gabriele Lombardo è anche cittadino di “Asgardia“, la prima Nazione spaziale che attualmente è in trattativa per un seggio all’ONU ed effettua missioni spaziali automatizzate. Egli ha anche un diploma ad Honorem causa “in antichi culti e religioni” Rilasciato dalla chiesa Universale degli USA ed è autorizzato Press presso la stessa istituzione negli Stati Uniti. Ora è ricercatore indipendente e ha dato e continua a dare il suo contributo alla formazione ed il mantenimento delle attività della F.U.I. (Federazione Ufologica italiana), di cui è uno dei promotori e fondatori. Ruoli nella FUI e pubblicazioni Allo stato attuale è a Capo di alcuni dipartimenti ed è vice Capodipartimento di altri. Nel 2019, ha contribuito alla stesura del libro: Il Paradosso di Fermi. “Where is everybody?” Ricerca Aerospaziale Quaderno n. 4 – Anno 2019 insieme a Dario Del Buono, Francesca Maria Manoni, Giuliana Conforto, Giuseppe GM Quartieri, Laura Quartieri, Paolo Saraceno, Piercamillo Quercia. Gabriele Lombardo si occupa anche di analisi foto video, di investigazione dei casi UFO, di fenomeni ad essi connessi e di tutto ciò che è mistero o scienza, scrive articoli e libri. Mail personale: gabrielelomb75@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *