Che connessione c’è tra abduction e mutilazioni meteodiche degli animali? Oggi vi ripropongo questo mio vecchio articolo, che riprende il precedente “Extraterrestri: un mondo da scoprire, tra opinioni buoniste e realiste”.

E’ giunto il momento di darvi almeno qualche cosa di tangibile su cui appoggiare alcune teorie e discorsi fatti in quell’articolo.

Dopo  avervi lasciato il tempo di riflettere sulle mie domande ed i miei quesiti, cercherò di chiarire alcune cose e darvi delle basi su cui farvi idee precise e non più concetti astratti, almeno in alcuni punti.

Nel precedente articolo facciamo un elenco di motivi che presumono scopi non proprio pacifici e o di sfruttamento della razza umana e delle risorse ad essa affini da parte di presunte specie aliene.

abduction

Il fenomeno dei rapimenti alieni (abduction)

Cominciamo con l’affrontare il fenomeno delle abduction che oltre ad essere il più diffuso raccoglie anche al suo interno altri fattori dell’elenco a cui faccio riferimento, per es. microimpianti di controllo e monitoraggio sulle persone, shock consecutivi ad i rapimenti, cancellazione della memoria degli addotti, probabile clonazione degli individui o addirittura di sostituzione con cloni di essi, e presunta estrazione o duplicazione della nostra anima (cosa che continuo a ribadire che non mi trova d’accordo).

Facciamo subito delle precisazioni sul fattore duplicazione dell’anima. A questo riguardo nonostante le molte testimonianze di presunti addoti, non esistono prove concrete, poiché non ci sono nemmeno riguardo all’esistenza dell’anima stessa (personalmente ci credo), almeno come la religione ci impone ormai da millenni di vederla; la stessa cosa vale con il discorso della clonazione o sostituzione con cloni delle persone, anche di questo non è possibile avere prove concrete, poiché mancano i riscontri sia sui cloni che sulla eventuale sostituzione; per tanto almeno fino a prova contraria le riterremo soltanto testimonianze non provabili; che però hanno un proprio peso nel contesto generale.

Cosa sono le abduction?

Le Abduction o rapimenti alieni, altro non sono che prelievi di persone, che nella maggior parte dei casi non è consapevole o quanto meno d’accordo ad esse. Il rapito viene portato sull’astronave dove subisce spessissimo interventi di microchirurgia laser, impiantazioni di microchip o altri oggetti atti al controllo o alla localizzazione e monitoraggio della cavia.

Spesso la persona che subisce abduction viene paralizzata da presunti poteri mentali degli extraterrestri e da cinghie di contenimento tipiche da sala operatoria. E comune nei racconti di addotti anche l’asportazione di cilindri di tessuto molto profondi e l’uso di macchinari, che lascerebbero cicatrici da scottatura, aghi introdotti nella pancia e nella testa attraverso gli occhi, le orecchie, l’ombelico ed altre parti del corpo, con lo scopo di introdurre o estrarre oggetti. In alcuni casi gli addotti raccontano di costrizione ad avere rapporti sessuali con specie diverse, avendo un ruolo totalmente passivo, che impedisce il movimento, e l’estrazione di feti umani o ibridi alieni durante la gestazione, precedentemente impiantati.

Analisi delle dinamiche di un abduction

Analizziamo i fatti. Per prima cosa vorrei capire cosa ci può essere di bello o moralmente umano in questo modo di fare, lanciando un’altra provocazione. Prima ti rapiscono contro volontà, poi ti costringono a fare qualcosa che non vuoi oppure a ricevere impianti, che non solo non desideri impiantati ma che possono causare rigetti o controreazioni fisiologiche, ti estraggono tessuti contro voglia, ti operano contro la tua volontà, ti annientano la mente e ti trattano come una comune cavia da laboratorio, ti ingravidano, sperimentano su di te, ti tolgono i figli /embrione e li usano per scopi scientifici. E questi che fanno le abduction sarebbero buoni?

Nello scorso articolo o esposto un discorso preciso sul fatto che il male non esiste;  non almeno quello tangibile ed assoluto, che immaginiamo attraverso miti e religione. E’ la cultura di un popolo nonchè l’individualità dei membri di esso, che stabiliscono l’andamento sociale e il comportamento umanitario/morale della stessa.

Bene, se da una parte potremmo etichettare alcune razze come ostili perché i nostri canoni comportamentali e culturali/morali, ci impongono di pensare in un determinato modo; dal punto di vista sociale ci si impone invece di comprendere le motivazioni che possono spingere una cultura ad avere bisogno di fare cose contro le altre specie come una abduction.

Sopravvivenza ed interessi

Le specie animali hanno tutte quante delle caratteristiche comuni tra loro; tra queste due in particolare, che legano l’uomo alle altre specie terrestri e sicuramente anche a quelle extraplanetarie, esse sono: lo spirito di sopravvivenza e la difesa del territorio; poniamo che la razza umana, sia a rischio di estinzione e che la tecnologia non sia più sufficiente a contrastarla senza l’ausilio della natura; quindi ricorrere alla sperimentazione genetica su altre specie sia l’unica scelta rimasta o la meno dispendiosa, cosa pensate faremmo noi?  Poiché è nella natura della vita sopravvivere, ritengo ovvia la risposta.

Probabilmente gli alieni di alcune specie farebbero queste abduction per la loro sopravvivenza; alcuni addotti ed anche illustri personaggi, che hanno rilasciato informazioni su questo tema, sono concordi nel dichiarare, che almeno una di queste specie che attualmente visitano il nostro mondo, si starebbe estinguendo; e che nel DNA umano, evidentemente compatibile, sono presenti delle caratteristiche comuni che possono permettere loro di creare una razza ibrida; capace di procreare esseri della loro specie. Le radiazioni interstellari avrebbero compromesso la riproduzione irreversibilmente di questi ultimi.

Morale e modo di pensare

Per noi e la nostra morale, non sono e non possono essere pacifici, poiché non chiedono nulla ma fanno o prendono senza consensi, spesso creando problemi seri all’esistenza degli addotti.

Nella storia umana, soprattutto nei testi sacri come la Bibbia, si trovano molte testimonianze di abduction, per es. il rapimento di Ezechiele ed altri racconti, questo ci lascia presupporre, che da tanto tempo avviene questo sopruso.

Esisterebbero altre specie, che sono presenti qui solo per cibarsi. A questa categoria apparterrebbe il Chupacabras ed alcune razze rettiloidi (anche se quest’ultime sono contestate da parecchi ricercatori) che si adopererebbero nel rapire animali e persone per questi scopi.

Tra i fenomeni di rapimento animale si compone un altro sconcertante scenario, quello dei MAM (rapimenti e mutilazioni animali), esiste anche almeno un caso storico comprovato di essere umano che ha subito lo stesso tipo di trattamento. Spieghiamo esattamente di cosa si tratta.

Il fenomeno MAM (Mutilazioni metodiche animali)

Il fenomeno delle mutilazioni animali nasce ufficialmente negli Stati Uniti d’America nel 1967 in Kansas. Il primo animale rapito fu una puledrina, ritrovato qualche giorno dopo con diverse mutilazioni. Da allora anche se non continuamente, avvengono questi ritrovamenti di animali mutilati ovunque.

Le cose più comuni a tutte le vittime animali di abduction sono le asportazioni di tessuti e ossa perfettamente recisi, come da microchirurgia laser; ovviamente non ancora sperimentata negli anni in cui ebbe inizio l’evento. Ma la cosa più sconcertante è il fatto che in nessun animale ritrovato c’erano più tracce di sangue. Questo viene totalmente prosciugato dal corpo senza lasciare alcuna traccia o sporco nei tessuti rimanenti, come normalmente avviene in aggressioni da uno o più predatori.

Il fenomeno

Questo fenomeno, se pure meno frequente è ancora oggi presente. Non di rado infatti, si sente parlare di capi di bestiame, ritrovati soprattutto dissanguati ed in alcuni casi, probabilmente riconducibili al Chupacabras alieno e non al fantomatico canide recentemente mostrato ai media, per screditare il fenomeno, che è più reale di quanto si parli.

Esistono infatti casi comprovati di sterminio di pollai ed altri piccoli animali anche in Italia, documentati dai carabinieri; le cui informazioni non sono più reperibili.

Dalle indagini ricordo era risultato impossibile, che la strage possa essere stata compiuta da animali comuni come faine, volpi ecc. L’unico punto di accesso al pollaio è blindato e si trovava a 2,5 m di altezza, sopra la porta di ingresso, sbarrata e chiusa a chiave, ed aveva una altezza di soli 40 cm. Il resto della struttura completamente in metallo persino sotto terra, per evitare che animali scavando sotto i muri entrassero. Convocato un esperto di predatori animali per capire qualcosa dell’evento, l’indagine prese una strana piega, che però non portò mai almeno ufficialmente alla conclusione dell’indagine.

dichiarazioni ufficiali

La sua dichiarazione ufficiale fu che nessun canide o felino o altro animale predatore esistente, potrebbe mai saltare a 2,5 metri di altezza. Nè tantomeno potrebbe farlo in uno spazio chiuso da pesante battente di acciaio.

L’animale avrebbe dovuto quindi, saltare, spostando questo battente pesante circa 60 kg, riuscire ad aggrapparsi e a sollevarsi tenendo spinto il battente verso dentro per poi entrare sterminare i polli e  riuscire allo stesso modo.

C’è però una piccola difficoltà, il battente si apre solo verso l’interno. Quindi chi è entrato doveva necessariamente avere arti superiori prensili è grande forza, capaci di spostare il battente con un arto ed arrampicarsi con l’altro. Infatti un comune animale non potrebbe mai spostare un battente verso di se. Bisogna anche aggiungere che ne all’esterno ne all’interno, vi erano tracce di alcun tipo e che il rilevamento di impronte non mostrò alcuna traccia, né sul battente né sulla porta né da nessun altra parte.

Ritornando al fenomeno MAM; in alcuni casi avvenne di ritrovare capi di bestiame sopra tralicci dell’alta tensione o altre strutture molto alte, questo per gli ufologi è una prova dell’abduction e poi successivo rilascio da una certa altezza dei capi di bestiame.

Depistaggi e discredito

Ma come noi sappiamo ormai, il debunking, ovvero il depistaggio dell’informazione, usando metodi ufficialmente scientifici per screditare le fonti e o le persone, a dato al solito una blanda e stupida alternativa risposta, ovvero, che questi capi di bestiame sono stati portati in alto da i tifoni; e quindi plausibile che essi poi vengano ritrovati squarciati e sopra strutture molto alte.

A volte mi sembra che ci trattino davvero come dei mentecatti.

Per prima cosa, vorrei dire che un tifone sarebbe sicuramente notato dagli abitanti del luogo; in secondo luogo esso non seleziona un capo di bestiame tra tanti ma li porterebbe via tutti quanti.

Detto questo, non mi risulta, che qualsiasi evento climatico o di altro genere di evento naturale, possa asportare chirurgicamente porzioni del corpo, per poi aspirarne il sangue senza lasciarne alcuna traccia all’interno del corpo.

Sono davvero sconcertato non solo dal fenomeno ma dal continuo insultare la nostra intelligenza su tutta la questione UFO e le abduction.

Conclusioni

Potrei continuare qui a fare elenchi di cose che accadono e vengono tenute più o meno nascoste. Potrei elencare altri motivi per spiegare, che non tutti gli extraterrestri sono pacifici nei nostri confronti, o che quanto meno essi compiano gesti per noi moralmente ed eticamente terribili e sconcertanti.

Ma io non sono qui per giudicare i comportamenti, l’etica, le azioni o le culture stesse. Io voglio soltanto fare capire a chi ha l’incapacità di razionalizzare e vedere i fatti, che ci vengono occultati o negati; per far si che si creda nell’assoluta spiritualità e superiorità di coloro che un giorno forse non troppo lontano potrebbero manifestarsi a tutti noi.

Vi voglio inoltre metterei in guardia, la natura stessa come noi la conosciamo non è cosi dolce e meravigliosa, ma proprio la sua meraviglia e il suo caotico ordine ci debbono dire che essa fa le regole, e che in natura tutto è possibile anche quello che noi chiamiamo male, fa parte di essa, non meravigliamoci perciò della sua presenza, ma al contrario non facciamoci trovare impreparati.

Di Gabriele Lombardo

Gabriele Lombardo è nato il 17 gennaio 1975 a Palermo. Diplomato al Liceo Artistico e grafico per reti internet/intranet, egli ha acquisito nel tempo maggiori e più precise conoscenze artistico/culturali anche nel campo della clipeologia e degli studi associati e paralleli come il simbolismo, l’archeologia misteriosa e la paleoastronautica (teoria degli antichi astronauti). Esperienze E’ stato investigatore privato ed addetto alla sicurezza, cose che gli sono servite per sviluppare attitudini all’investigazione e le tecniche di analisi. Soprattutto ha sviluppato doti idonee ad un approfondito profilo di investigatore ufologico e del paranormale, nonché più generalmente di tipo misterico. E’ stato aspirante pubblicista-giornalista di controinformazione per quasi quattro anni, scrivendo di guerre, crisi internazionali, scienza, ufologia, archeologia del mistero, complotti internazionali, ecc.. a scritto per X-Time, Seven Network, Seven Radio, Il vespro ed altre riviste o network. Attualmente è anche autore. Convegni e conferenze Fin dall’età di tredici anni è stato appassionato di antiche culture, storia, scienza e misteri di tutti i tipi. Negli anni è stato testimone diretto ed indiretto di molti eventi ufologici ed alcuni paranormali. Nel 2006 intraprende il suo interesse verso l’ufologia, dopo circa sei anni dedicati al paranormale più in generale e comincia a scrivere in rete su vari blog e forum a tema misterico-ufologico. Nel 2010 ad Alcamo (Trapani) effettua il suo primo convegno pubblico con i rappresentanti di CUN, CISU ed un astronomo, su invito dell’Associazione Culturale Impronta di Palermo. Dopo aver fatto alcuni importanti convegni sulla controinformazione, il controspionaggio, la propaganda storica, l’ufologia storica, le scie chimiche e tecnologie come HAARP e MUOS, ha elaborato una propria tesi che unisce insieme la sperimentazione delle tecnologie sopracitate, il fenomeno ufo e le armi ad energia solida o ad energia più ingenerale (laser, microonde, ecc.). Ha anche effettuato un reportage fotografico sul MUOS durante la sua costruzione. Ruoli e gruppi fondati Gabriele Lombardo diventa Coordinatore e Responsabile per Il CUS (Centro Ufologico Siciliano) tra il 2011/2012, dove ha svolto indagini ufologiche territoriali, ha formato un gruppo di sostegno e ricerca per la Sicilia Occidentale, ed ha svolto attività convegnistiche organizzando con esso ben 3 convegni a Carini (Palermo); ha inoltre contribuito alla stesura di un Libro dal titolo “Gli Ufo in Sicilia – Parlano i Testimoni” di Salvatore Giusa, con alcuni casi indagati personalmente e documentati fotograficamente. Nel 2014 fonda l’Associazione Culturale “Nuovo Millennio – UFO Hunter Italia” poi chiusa i primi del 2018, di cui è stata Presidente, organizzando e partecipando come relatore o guida a 13 convegni (Trapani, Palermo, Carini, Caccamo), 10 skywatching ufo/astronomici e 3 gite archeologiche organizzate. Con la stessa Associazione e con il supporto di Giornalisti d’inchiesta, un tecnico del CIR di Roma e ricercatori indipendenti, ha condotto e documentato le indagini degli ultimi 5-6 anni presso Canneto di Caronia (Messina), dove autocombustioni, fenomeni magnetici, contatti alieni, fenomeni paranormali, eventi medianici, anomalie di vario genere ed avvistamenti UFO, hanno generato molte ipotesi. Ha anche condotto indagini sulle rotte UFO sopra le città di Palermo, Marausa-Birgi (Trapani) e Carini-Aeroporto Falcone Borsellino. Ha anche condotto indagini sulla casistica delle Province di Palermo, Trapani ed Agrigento per due anni. E’ anche stato autore di molti avvistamenti fotografati e ripresi. Ha organizzatore numerosi convegni e skywatching, spedizioni investigative, archeologiche ed antropologiche. Interviste ed esperienze radiofoniche e TV Gabriele Lombardo è stato in radio diverse volte come ospite per parlare di temi ufologici, di contattismo, scie chimiche, storia, occultismo, esoterismo, ecc.. E’ anche stato più volte ospite di una TV Monte Lepre (Palermo), dove ha coo-condotto come ospite speciale due trasmissioni a tema ufologico-scientifico-misterico affrontando temi come: il Meteorite di Celiabynsk, area 51, Casistica regionale siciliana e Roswell. Egli è stato intervistato dalla trasmissione TV Voyager dove ha potuto esporre una personale tesi che collegherebbe i fenomeni di Canneto di Caronia con le frane del Messinese di qualche anno fa. E’ stato anche intervistato per la galleria di Tremmonzelli in Sicilia (dove avvengono strani fenomeni, avvistamenti UFO e combustioni spontanee correlate ad anomalie magnetiche ed impulsi elettromagnetici o microonde). Gabriele è anche stato ideatore e Conduttore radiofonico della trasmissione “Nuovo Millennio” che andava in onda ogni venerdì dalle 22:00 alle 00:00 su Radio Carini, e condotta insieme ad altre persone. Gabriele Lombardo è anche cittadino di “Asgardia“, la prima Nazione spaziale che attualmente è in trattativa per un seggio all’ONU ed effettua missioni spaziali automatizzate. Egli ha anche un diploma ad Honorem causa “in antichi culti e religioni” Rilasciato dalla chiesa Universale degli USA ed è autorizzato Press presso la stessa istituzione negli Stati Uniti. Ora è ricercatore indipendente e ha dato e continua a dare il suo contributo alla formazione ed il mantenimento delle attività della F.U.I. (Federazione Ufologica italiana), di cui è uno dei promotori e fondatori. Ruoli nella FUI e pubblicazioni Allo stato attuale è a Capo di alcuni dipartimenti ed è vice Capodipartimento di altri. Nel 2019, ha contribuito alla stesura del libro: Il Paradosso di Fermi. “Where is everybody?” Ricerca Aerospaziale Quaderno n. 4 – Anno 2019 insieme a Dario Del Buono, Francesca Maria Manoni, Giuliana Conforto, Giuseppe GM Quartieri, Laura Quartieri, Paolo Saraceno, Piercamillo Quercia. Gabriele Lombardo si occupa anche di analisi foto video, di investigazione dei casi UFO, di fenomeni ad essi connessi e di tutto ciò che è mistero o scienza, scrive articoli e libri. Mail personale: gabrielelomb75@gmail.com

2 pensiero su “Abduction: tra fenomeno MAM ed interazioni aliene”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *