Marzo 2, 2024

L’evoluzione spontanea di una specie è argomento tanto accademico quanto di ricerche non convenzionali. Esso viene discusso tanto nelle università quanto nell’ambito parascientifico. In questi ultimi anni questo argomento è divenuto sempre più di massa. Con l’avvento del grande Reset e l’era dei corona-virus esso è passato in sordina in alcuni ambienti, ma è diventato ancora più attivo in altri. Cosa è accaduto? Semplice l’evoluzione è divenuta un Risveglio, mentre la massa, come sua consuetudine si è data alle maree.

L'evoluzione spontanea

All’interno di questo testo è incluso per esteso un articolo del 2012. Un anno in cui dovevano verificarsi una serie di cose che in gran parte non sono poi accadute. L’interpretazione spesso era frutto di propaganda ed errate interpretazioni. Vi riporto a seguire (dall’ormai lontano anno della fine del calendario del Maya), l’articolo che è una consecutio temporum di una serie di miei scritti e convegni sulla famosa data del 21 dicembre 2012. Vi lascio all’articolo.

Leggi anche https://www.statodiemergenza.com/2021/08/12/la-percezione-della-realta-soggettiva/

L’evoluzione spontanea nel 2012 (Articolo originale)

Dopo aver parlato della teoria che vede un progressivo aumento delle eruzioni solari fino al 2012, quando raggiungeranno il proprio apice. Adesso esamineremo una tesi paranormale legata all’evoluzionistica della corrente New Age. Parlerò di alcuni ricercatori in discipline non canoniche e molti ottimisti del miglioramento sociale ed esistenziale dell’uomo, tramite una presunta evoluzione dello stesso.

Da anni ormai si parla del 2012 (ora siamo al 2021), ed a fasi altalenanti di una presunta e spesso fantomatica evoluzione spontanea dell’uomo. Un evoluzione di massa che vedrebbe come alba di una nuova era, un evoluzione spirituale dell’uomo (quindi dell’anima) e del nostro corpo fisico, che dovrebbe vederci divenire quasi entità di energia, attraverso una sorta di trasmutazione.

Premetto di non essere così ottimista e che quindi non credo a tutte le storie che si raccontano su questa presunta evoluzione. La mia tendenza è più catastrofista. Vorrei però precisare, che ho una mia idea riguardo all’evoluzione spontanea di una specie e che non la ritengo impossibile ne improbabile per l’uomo, al contrario ne sono certo, ma in modo diverso dall’immaginario collettivo.

La storia delle specie umane

In primo luogo bisogna dire che la storia della specie umana, è costellata proprio di presunte evoluzioni della specie. E’ arduo, se non impossibile, stabilire se l’evoluzione abbia compreso lo spirito o l’anima in senso stretto, Sicuramente ha però coinvolto in modo massivo il corpo. Tutt’oggi è presente ancora la diatriba che vedrebbe da una parte gli evoluzionisti tradizionali, che non hanno però alcun supporto a proprio vantaggio ad indicare i tasselli mancanti di quest’evoluzione umana, che quindi emerge a scatti ed in modo improvviso. E mancando per altro di quegli anelli di congiunzione, che darebbero una continuità all’evoluzione dell’uomo dalla preistoria ad oggi, dando a pieno titolo la possibilità di creare nuove teorie che giustificherebbero questa evoluzione a scatti.

Sappiamo anche, che lo stesso Darwin autore della tesi evoluzionistica oggi divenuta Sacra, era da egli stesso esposta come una tesi improbabile e piena di falle.

Oggi sappiamo, che non siamo stata l’unica specie umana a camminare su questo pianeta, e non mi riferisco ad extraterrestri, ma semplicemente ad umanizzazioni precedenti alla nostra. Questi, poi estintesi come l’uomo di Neanderthal, il Cro-Magnon ed altri. Questi ceppi differenti da noi in alcune caratteristiche, sono in parte stati assorbiti dall’uomo sapiens. In parte si sono estinti, surclassati proprio da quest’ultimo, evolutosi poi nell’uomo odierno (il sapiens sapiens).

Il delicato equilibrio uomo-pianeta

Oggi guardando ciò che l’uomo combina contro il pianeta madre e contro i propri figli e la propria natura, dirci sapiens sapiens sembra proprio ridicolo; ma in realtà l’umanità si trova ad un bivio e rischia il tracollo totale della civiltà. La storia, come la preistoria, insegnano che l’uomo proprio nei momenti di crisi, si unisce e da il meglio di se. Recentemente il film (remake) di Ultimatum alla Terra, tratta tra l’altro, proprio questo argomento. Le capacità che hanno consentito al sapiens di evolversi sono state: la sua capacità di adattamento e soprattutto la sua capacità di costruire ed usare utensili.

Proprio quest’ultime, hanno fatto sviluppare nel tempo una parte del cervello (questa cosa sta accadendo anche agli orango). Il cervello è una macchina complessa, che conosciamo soltanto in una percentuale di circa il 10%, non sappiamo bene come funziona e quali sono le sue piene potenzialità, visto che ne usiamo una minima parte. Se l’evoluzione umana è stata sempre causata fin ora da fattori fisici; questi hanno influito notevolmente sullo sviluppo culturale, spirituale, ed intellettivo di esso, ed i fattori esterni climatici, hanno anch’essi avuto un ruolo importante. Allora come sarebbe giustificabile un evoluzione spirituale di massa, senza una precedente evoluzione fisiologica? Siamo veramente capaci di evolverci in esseri superiori, così di punto in bianco? Guardandoci intorno ne dubito fortemente.

Bambini prodigio

Spesso sentiamo parlare in certi circoli di bambini prodigiosi, capaci di compiere ragionamenti difficili persino per un adulto istruito. Questi, più diffusi tra di noi di quanto si possa immaginare, sarebbero in alcuni casi capaci di compiere dei veri e propri miracoli di guarigione e mostrerebbero prodigiose capacita tecnico scientifiche e razionali più evolute.

L'evoluzione spontanea

Essi sarebbero distinguibili dallo spettro della propria Aura energetica, questa nei bambini speciali sarebbe fondamentalmente di due tipi, rispettivamente Indaco e color Cristallo (oggi si parla di un terzo gruppo di bambini con un’aura energetica dorata). I bambini sarebbero denominati proprio con questi due nomi, dove i primi sarebbero più tecnologici e precursori di un cambiamento umano, che proietterà l’umanità verso l’evoluzione spaziale e quindi l’esplorazione dello stesso, ed il contatto interspecie. Esso inoltre avrebbe un carattere chiuso e difficoltoso. L’altro sarebbe più spirituale e comunicativo con poteri empatici/telepatici ecc..

L'evoluzione spontanea

Quest’ultimo spesso nasce dopo un Indaco e diviene di fatto, quello che ne guida la vita sociale. Questi bambini potrebbero essere i precursori del futuro umano e di questa evoluzione spontanea, che diverrebbe quindi meno improbabile, facendo strada a quelle tesi spiritualistiche, che vogliono che nel 2012 che l’uomo o parte dell’umanità si evolva spontaneamente in un essere più spirituale o addirittura incorporeo. Su quest’ultima definizione c’è poco da dire, almeno al momento, poiché si tratta di un argomento che merita una discussione più specifica.

Appunto scritto al 2021

Ad oggi sappiamo che nel 2012 non è accaduto nulla, sappiamo anche i motivi, ma oggi molti ricercatori hanno cominciato a dire, che la data era stata interpretata male e che quella vera riguarda il 2021. Sinceramente mi sembra una forzatura di chi deve vendere libri altrimenti senza logica e senso e che debbono quindi pubblicizzare i loro studi e le loro ipotesi altrimenti contestabilissime e non pubblicabili. Per me questa è disonestà intellettuale, ma non sono qui per giudicare l’operato di altri.

Dal 2012 ad oggi sta cambiamento l’intero paradigma sociale, siamo davanti ad un reset che sta modificando le culture, i modi di vedere, le priorità, le esigenze e via così, fino ad arrivare ad enormi spaccature nel modo di pensare, nella religiosità, nella spiritualità, ma anche e persino nella vita quotidiana.

Oggi siamo davanti ad un controllo di massa (anche mentale) che si dirige verso il controllo demografico. Stiamo andando verso una drastica diminuzione del numero degli umani per evitare non solo il collasso sociale, ma soprattutto quello planetario. Non sono però qui a discutere se le scelte siano giuste o sbagliate, se etiche o meno, ma una volta che l’uomo si erge a Dio, non sono sicuro che le sue motivazione e le conseguenze delle decisioni siano migliori o meno catastrofiche di quelle della nostra amata Gaia, che ci ostiniamo a chiamare semplicemente Terra, snaturalizzando la sua unicità e la sua identità.

Sui bambini speciali, infine non è emerso nulla di che, anche se alcuni studi sostengono addirittura che alcuni individui avrebbero sviluppato una terza elica ed in casi più rari addirittura una quarta, ma questi sono argomenti tabù, che vengono discussi da cerchie ristrette di genetisti, biologi, chimici ecc..

La teoria del distacco dell’anima

Alcuni credono che l’anima diverrà visibile e che si staccherà dal corpo, divenendo di fatto un energia vivente. Quindi, essa svincolata da un corpo fisico, perderebbe le limitazioni del corpo stesso. Questo a mio avviso equivarrebbe alla totale perdita di emozioni fisiche, facendo perdere all’uomo la sua stessa umanità e di fatto la sua probabile unicità di essere umano. In pratica l’uomo si trasformerebbe in tutt’altra cosa perdendo se stesso.

Il corpo per quanto sia o sembri un grosso vincolo, è ciò che ci rende quello che siamo. Le funzioni chimiche che gestiscono la biologia e la meccanica del corpo umano, rendono il nostro corpo uno strumento del sapere, uno strumento del piacere, ed altro ancora; grazie alle sensazioni fisiche che i neuro trasmettitori ci permettono di vivere o sentire, possiamo capire e percepire il piacere affettivo, il piacere sessuale e persino spirituale. Poiché sono le sensazioni fisiologiche a dare il benessere, quello spirituale o la cosiddetta beatitudine viene sempre raffigurata come piacere fisico-estatico. L’anima senza corpo non fa esperienza, quindi non prova alcuna emozione.

Un secondo appunto scritto al 2021

Mi interessa fare un appunto attuale, su una cosa, che ho ampliamente discusso già nel 2012-2013 e di cui ho riportato un importante articolo dell’epoca in questo stesso sito. Un articolo che pubblico qui a seguire. Quando parliamo di alieni grigi, almeno di una delle specie di questi macrocefali dagli occhi neri, parliamo di un amplia letteratura esperienziale di esseri non emotivi. Questi sono incapaci cioè di provare sentimenti. Secondo alcuni ricercatori, essi non possiederebbero più un anima. Nell’articolo del 2012, più in specifico nel paragrafo precedente, si parla proprio del fatto che l’anima unità al corpo produce le esperienze, che fanno evolvere entrambi gli aspetti dell’uomo, quello fisico e quello spirituale.

Quando si parla di questo tipo di grigi, spesso si parla proprio di esseri umani venuti dal futuro, avanti di un milione di anni. Questi sarebbero esseri che avrebbero perso l’anima e sarebbero rimasti privi di sentimenti. Essi oggi starebbero proprio studiando nella nostra epoca i motivi che avrebbero portato a questo distacco. Non dimentichiamo nemmeno, che alcune teorie vedono nelle razze aliene il tentativo di rubare l’anima dei corpi umani per impiantarla in corpi extraterrestri o sintetici. Sembra fantascienza ma potrebbe essere qualcosa di non troppo lontano dalla realtà, almeno sotto piccole sfaccettature anche nel mondo delle I.A. coscienti ed auto evolventi.

L’apparente materialismo

Sembra una visione molto materialistica dell’umanità, ma sono fermamente convinto che l’evoluzione umana non sarà semplicemente vincolata ad una data, ma ad una quantità tale di fattori (più casuali che prestabiliti), da poter sostenere con una certa sicurezza, che tranne con interventi esterni all’umanità quali sconvolgimenti interplanetari o addirittura interstellari, o interventi di intelligenze aliene atte a modificare geneticamente parte della specie (come in alcuni ambiti si discuta fosse già successo in passato), la tesi dell’evoluzione spontanea non ha alcun fondamento.

Non voglio però negare, che rappresenta un affascinante tentativo di spingere l’uomo a dare di più per la sua evoluzione reale, che non è quella che i poteri costituiti ci impongono o ci rendono necessaria (oggi al 2021 più che mai). Sarebbe però molto bello, se accadesse veramente che l’uomo prenda coscienza di se e si evolva in tutta la sua nascosta capacità di intelletto superiore, donando di fatto al cosmo la vera natura creatrice dell’essere umano.

La missione evolutiva

Tratto dal “Preambolo” del libro “Spontaneous Evolution” di Bruce H. Lipton, Ph. D. e Steve Bhaerman “La remissione spontanea che stiamo cercando sembra dipendere da una remissione spontanea della civiltà, attraverso cui modifichiamo la nostra missione, passando da una fondata sulla sopravvivenza dell’individuo a una che include la sopravvivenza della specie. Questa è la nostra missione evolutiva fondamentale, il nostro imperativo biologico. Per conseguire questa remissione è necessario che noi, individualmente e collettivamente, riesaminiamo molti degli assunti fondamentali che la nostra civiltà accetta per veri. Quelle convinzioni che troviamo inadeguate o incomplete devono essere riviste, in modo che la nuova consapevolezza venga incorporata nella civiltà e diventi il nostro nuovo stile di vita.

Una volta che capiamo ciò che la scienza ci rivela oggi riguardo a chi siamo veramente, le strutture che ci hanno tenuti lontani da quella verità crolleranno e si mostrerà un nuovo cammino.”

Conclusione al 2021 e riflessioni

L’evoluzione spontanea della civiltà umana, così come dei suoi singoli individui è oggi spinta da un acceleratore voluto, che rischia di fare implodere tutto quanto. La Terra piange continui terremoti e maremoti in aumento, un inquinamento che è diventato una piaga e la cui principale infezione è l’uomo stesso. Inoltre siamo davanti a diversi problemi che rischiano di lasciare solo un futuro colonico spaziale ed incerto ai superstiti dei danni che stiamo causando.

Molti ricercatori e politici hanno abbracciato il modo di pensare del NWO. Questo pensiero vorrebbe che in un pianeta ecologicamente sano, ci devono vivere un massimo di 500 milioni di individui. Pertanto la popolazione va sfoltita e migliorata attraverso l’eugenetica (evoluzione spontanea ma indotta). Inoltre verrebbero usate tecniche di sterilizzazione con un aumento anche delle mortalità fino al raggiungimento dell’obiettivo. Questo verrebbe fatto con molti mezzi, per esempio: pandemie, inoculazioni, cataclismi dettati dalla geoingegneria. Ma anche con modificazioni del DNA attraverso l’RNA e chi più ne ha più ne metta. Per esempio di Alternativa 3, che prevedeva la colonizzazione di Marte di superstiti terrestri evoluti attraverso una evoluzione umana indotta con modificazioni geniche, che lo avrebbero reso adatto a vivere sul Pianeta Rosso.

Infine, direi che non escluderei a priori che dietro a certe scelte, ci siano entità superiori o menti metodiche e senza sentimenti, i cui obiettivi potrebbero non essere del tutto umani o favorevoli al nostro Pianeta ed all’umanità. In ogni caso, primo o poi una evoluzione spontanea dell’uomo avverrà, sempre se non ci estinguiamo prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *