In India scoperte pitture rupestri con figure misteriche. Scoperta sensazionale o bufala che sia, è importante parlarne e cercare di approfondire la cosa. Per tanto cito l’articolo in questione e poi faremo comunque un approfondimento.

Ecco l’articolo sulle scoperte nell’india di pitture rupestri:

“Un gruppo di antropologi, che lavorava con le tribù di montagna in una zona remota dell’India, ha fatto una scoperta sconvolgente. Intricate pitture rupestri preistoriche, che raffigurano extraterrestri e velivoli simili agli UFO.

India scoperte pitture rupestri

Le immagini sono state scoperte nel distretto di Hoshangabad (Stato di Madhya Pradesh), a soli 70 chilometri dal centro comunale di Raisen. Le grotte sono nascoste nel profondo di una fitta giungla. La figura più chiara è quella che potrebbe rappresentare un extraterrestre in tuta spaziale, che può essere visto nei dipinti della grotta assieme ad un UFO, dalla forma che ricorda un classico disco volante, che sembra emettere qualcosa di luminoso verso il basso o un raggio di qualche tipo, nel quale si potrebbe identificare un antico scenario di “UFO abduction”.

Un campo di forze o una traccia di qualche tipo è stata identificata dalla parte posteriore dell’UFO. Inoltre è visibile un altro oggetto che potrebbe rappresentare un “wormhole”, che spiegherebbe come gli extraterrestri siano giunti sulla Terra. Queste immagini possono portare gli appassionati UFO a pensare che i graffiti siano stati fatti con l’aiuto degli extraterrestri stessi.

India scoperte pitture rupestri

L’archeologo locale, il signor Wassim Khan, ha personalmente visto le immagini. Sostiene che gli oggetti e le creature viste sono di natura “anomala”, in un contesto generale già scoperto di altre pitture rupestri, che rappresentano la vita preistorica della zona. Quindi ciò può costituire l’ipotesi che si possa trattare di esseri provenienti da altri pianeti, che avrebbero interagito con gli esseri umani fin dalla preistoria. E’ la classica teoria dell’”Antico Astronauta”. Questa afferma, che la civiltà umana è stata istituita con l’aiuto di esseri extraterrestri di natura benevola.”

Approfondimento sui graffiti scoperti in india

Credo che l’analisi della presunta pittura rupestre (mai se verrà confermata la sua autenticità), è corretta anche se incompleta. Questa, quindi raffigurerebbe molte cose legate al fenomeno ufologico odierno. Essa sarebbe quindi una raffigurazione di scene interessanti e dettagliate sulle attività extraterrestri in loco nella preistoria (periodo protostorico).

India scoperte pitture rupestri
L’unica immagine reperibile completa della pittura.

Abbiamo un alieno con tuta spaziale, l’oggetto in cui gli extraterrestri passano dentro per arrivare al nostro sistema solare, quello per spostarsi una volta arrivati a destinazione e quelli che ne fuoriescono per sondare. Io aggiungerei che nell’immagine ci sarebbe anche l’Ufo madre (che sembra sigariforme), quest’ultimo sarebbe usano per passare da un luogo ad un altro e da questo fuoriuscirebbero i veri e propri Ufo discoidali.

In pratica abbiamo un wormhole per i viaggi intergalattici o interstellari, un cilindro per oltrepassarlo ed un disco per i viaggi in loco, il tutto corredato da un’astronauta con una tuta scafandrata.

In questa analisi non concordo del tutto

Nell’analisi della pittura rupestre in questione, vengono menzionati un presunto fascio di luce, ed un campo di forza intorno al disco (vedi le retrostanti onde). Queste farebbero pensare a detta di chi ha scritto l’articolo, ad un abduction.

Con queste ultime affermazioni non concordo affatto; infatti ho notato da subito, che il presunto campo di forza probabilmente, è un rudimentale modo di raffigurare molto semplicemente che l’oggetto si sta muovendo. Esistono testimonianze di glifi o pittogrammi in ogni parte del mondo. In alcuni casi, questi, rappresentano il movimento di un oggetto proprio con delle onde. Inoltre non è presente un raggio tipico del fenomeno delle abduction, ma delle sfere, che palesemente sono fuoriuscite in sequenza dall’oggetto discoidale. La stessa cosa la troviamo da anni in Sud america con dischi volanti ed ebani che rilasciano sfere bianche in cielo, a volte in flottillas.

India scoperte pitture rupestri
Altre pitture rupestri della zona della zona.

Altri dati sui graffiti scoperti nell’India

Recentemente (al 2010) è stato girato un video ufo in sud America, che riprende proprio l’atto in cui delle sfere luminose escono in sequenza da un disco in movimento. Purtroppo non sono riuscito più a trovare il video. La stessa cosa la vediamo in questo graffito. Tra l’altro questo graffito si andrebbe a sommare alle innumerevoli testimonianze di Vimana ed altre tecnologie della protostoria indiana.

Recentemente (sempre al 2010) abbiamo assistito al fenomeno norvegese, che assomiglia proprio al wormhole della pittura rupestre, e vagamente anche a quello apparso in Cina, che sembrerebbe raffigurato proprio come una cosa fissa, in punto preciso del firmamento. Sono anche innumerevoli gli avvistamenti di ufo sigariformi in tutto il mondo, simili a quello che si trova proprio sotto questo stesso wormhole, nell’opera preistorica in questione (questa pittura rupestre non sarebbe l’unica ritrovato).

Dei giganti della stessa regione indiana. Vedi anche articolo a seguire:

Conclusioni

In ogni caso quest’ultimo, vero o falso che sia è interessante. Sappiamo che in tutto il mondo troviamo graffiti e pitture rupestri raffiguranti esseri divini e semi divini provenienti dallo spazio. Questi sono visibili con tanto di tute spaziali o di fattezze aliene. Alcuni esempi li troviamo in: Val Camonica (Italia), Francia, Cina, India e tutto il sud America ed Australia. In oltre sarebbero presenti in tutto il mondo figure antropomorfe. Alcune di queste sono anche di immani grandezze e visibili solo dall’alto. Alcuni di questi, per esempio, li abbiamo in Inghilterra, Cina ed a Nazca. Qualora ci fossero novità sulle pitture rupestri scoperte in india, riporterò la notizia il prima possibile. Vedi anche articolo e video a seguire:

Articolo di Gabriele Lombardo del 2010

Di Gabriele Lombardo

Gabriele Lombardo è nato il 17 gennaio 1975 a Palermo. Diplomato al Liceo Artistico e grafico per reti internet/intranet, egli ha acquisito nel tempo maggiori e più precise conoscenze artistico/culturali anche nel campo della clipeologia e degli studi associati e paralleli come il simbolismo, l’archeologia misteriosa e la paleoastronautica (teoria degli antichi astronauti). Esperienze E’ stato investigatore privato ed addetto alla sicurezza, cose che gli sono servite per sviluppare attitudini all’investigazione e le tecniche di analisi. Soprattutto ha sviluppato doti idonee ad un approfondito profilo di investigatore ufologico e del paranormale, nonché più generalmente di tipo misterico. E’ stato aspirante pubblicista-giornalista di controinformazione per quasi quattro anni, scrivendo di guerre, crisi internazionali, scienza, ufologia, archeologia del mistero, complotti internazionali, ecc.. a scritto per X-Time, Seven Network, Seven Radio, Il vespro ed altre riviste o network. Attualmente è anche autore. Convegni e conferenze Fin dall’età di tredici anni è stato appassionato di antiche culture, storia, scienza e misteri di tutti i tipi. Negli anni è stato testimone diretto ed indiretto di molti eventi ufologici ed alcuni paranormali. Nel 2006 intraprende il suo interesse verso l’ufologia, dopo circa sei anni dedicati al paranormale più in generale e comincia a scrivere in rete su vari blog e forum a tema misterico-ufologico. Nel 2010 ad Alcamo (Trapani) effettua il suo primo convegno pubblico con i rappresentanti di CUN, CISU ed un astronomo, su invito dell’Associazione Culturale Impronta di Palermo. Dopo aver fatto alcuni importanti convegni sulla controinformazione, il controspionaggio, la propaganda storica, l’ufologia storica, le scie chimiche e tecnologie come HAARP e MUOS, ha elaborato una propria tesi che unisce insieme la sperimentazione delle tecnologie sopracitate, il fenomeno ufo e le armi ad energia solida o ad energia più ingenerale (laser, microonde, ecc.). Ha anche effettuato un reportage fotografico sul MUOS durante la sua costruzione. Ruoli e gruppi fondati Gabriele Lombardo diventa Coordinatore e Responsabile per Il CUS (Centro Ufologico Siciliano) tra il 2011/2012, dove ha svolto indagini ufologiche territoriali, ha formato un gruppo di sostegno e ricerca per la Sicilia Occidentale, ed ha svolto attività convegnistiche organizzando con esso ben 3 convegni a Carini (Palermo); ha inoltre contribuito alla stesura di un Libro dal titolo “Gli Ufo in Sicilia – Parlano i Testimoni” di Salvatore Giusa, con alcuni casi indagati personalmente e documentati fotograficamente. Nel 2014 fonda l’Associazione Culturale “Nuovo Millennio – UFO Hunter Italia” poi chiusa i primi del 2018, di cui è stata Presidente, organizzando e partecipando come relatore o guida a 13 convegni (Trapani, Palermo, Carini, Caccamo), 10 skywatching ufo/astronomici e 3 gite archeologiche organizzate. Con la stessa Associazione e con il supporto di Giornalisti d’inchiesta, un tecnico del CIR di Roma e ricercatori indipendenti, ha condotto e documentato le indagini degli ultimi 5-6 anni presso Canneto di Caronia (Messina), dove autocombustioni, fenomeni magnetici, contatti alieni, fenomeni paranormali, eventi medianici, anomalie di vario genere ed avvistamenti UFO, hanno generato molte ipotesi. Ha anche condotto indagini sulle rotte UFO sopra le città di Palermo, Marausa-Birgi (Trapani) e Carini-Aeroporto Falcone Borsellino. Ha anche condotto indagini sulla casistica delle Province di Palermo, Trapani ed Agrigento per due anni. E’ anche stato autore di molti avvistamenti fotografati e ripresi. Ha organizzatore numerosi convegni e skywatching, spedizioni investigative, archeologiche ed antropologiche. Interviste ed esperienze radiofoniche e TV Gabriele Lombardo è stato in radio diverse volte come ospite per parlare di temi ufologici, di contattismo, scie chimiche, storia, occultismo, esoterismo, ecc.. E’ anche stato più volte ospite di una TV Monte Lepre (Palermo), dove ha coo-condotto come ospite speciale due trasmissioni a tema ufologico-scientifico-misterico affrontando temi come: il Meteorite di Celiabynsk, area 51, Casistica regionale siciliana e Roswell. Egli è stato intervistato dalla trasmissione TV Voyager dove ha potuto esporre una personale tesi che collegherebbe i fenomeni di Canneto di Caronia con le frane del Messinese di qualche anno fa. E’ stato anche intervistato per la galleria di Tremmonzelli in Sicilia (dove avvengono strani fenomeni, avvistamenti UFO e combustioni spontanee correlate ad anomalie magnetiche ed impulsi elettromagnetici o microonde). Gabriele è anche stato ideatore e Conduttore radiofonico della trasmissione “Nuovo Millennio” che andava in onda ogni venerdì dalle 22:00 alle 00:00 su Radio Carini, e condotta insieme ad altre persone. Gabriele Lombardo è anche cittadino di “Asgardia“, la prima Nazione spaziale che attualmente è in trattativa per un seggio all’ONU ed effettua missioni spaziali automatizzate. Egli ha anche un diploma ad Honorem causa “in antichi culti e religioni” Rilasciato dalla chiesa Universale degli USA ed è autorizzato Press presso la stessa istituzione negli Stati Uniti. Ora è ricercatore indipendente e ha dato e continua a dare il suo contributo alla formazione ed il mantenimento delle attività della F.U.I. (Federazione Ufologica italiana), di cui è uno dei promotori e fondatori. Ruoli nella FUI e pubblicazioni Allo stato attuale è a Capo di alcuni dipartimenti ed è vice Capodipartimento di altri. Nel 2019, ha contribuito alla stesura del libro: Il Paradosso di Fermi. “Where is everybody?” Ricerca Aerospaziale Quaderno n. 4 – Anno 2019 insieme a Dario Del Buono, Francesca Maria Manoni, Giuliana Conforto, Giuseppe GM Quartieri, Laura Quartieri, Paolo Saraceno, Piercamillo Quercia. Gabriele Lombardo si occupa anche di analisi foto video, di investigazione dei casi UFO, di fenomeni ad essi connessi e di tutto ciò che è mistero o scienza, scrive articoli e libri. Mail personale: gabrielelomb75@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.