Giugno 14, 2024
Canneto di Caronia

Mentre i fenomeni straordinari di Canneto di Caronia non cessano; emergono i dettagli degli studi dei alcune associazioni ufologiche. Queste hanno presentato elenchi completi dei fenomeni, ufficialmente registrati dalle autorità. Nella maggior parte dei casi questi eventi sono stati analizzati dalla commissione di controllo speciale. A questa commissione hanno partecipato: carabinieri, marina militare, aereonautica militare e scienziati ESA e NASA.

Questi fenomeni, di cui il primo registrato, risalirebbe all’11 gennaio 2004, cominciano ad attirare l’attenzione su Caronia di Sicilia. Da allora ad oggi (2012) i casi in studio analizzati dalla commissione d’inchiesta, sono ben 309. Di quest’ultimi, molti i reperti conservati nelle caserme dei carabinieri di zona (2012) e visibili al pubblico con permessi speciali (oggi non è più così).

Nelle liste in oggetto, risultano varie zone del paese e varie sono le abitazioni o luoghi coinvolti, appartenenti a persone diverse. Bisogna però dire che la zona di Caronia ed i dintorni, a detta dei residenti, coinvolgerebbe addirittura un arco di 80 km intorno al paese.

Fenomeni ufologici di Canneto di Caronia

I fenomeni ufologici si verificano da molti anni (molte le foto ed i video), e continuano ancora oggi. Frequenti sono gli avvistamenti di grandi e piccole sfere di fuoco, che apparirebbero sopra l’acqua del mare (almeno al 2012), o che addirittura uscirebbero da sott’acqua, per poi spostarsi verso la costa.

Quest’ultimi poi, in alcuni casi, a detta dei testimoni, avvengono in contemporanea di fenomeni ormai assodati di combustione spontanea. In un caso specifico addirittura un testimone divenuto famoso per le foto scattate, avrebbe visto una sfera del diametro di un centinaio di metri, alzarsi da una distanza notevole dalla riva in mare aperto. Questa, sarebbe uscita dall’acqua e si sarebbe diretta verso l’osservatore, per poi costeggiare la riva in direzione Palermo fino a sparire alla vista.

Partiamo dal presupposto, che i fenomeni di combustione spontanea, esistono almeno (a livello mondiale), da 150 anni. Si hanno testimonianze di casi che risalirebbero al medioevo. Nella maggior parte dei casi in questione, si parla di combustione spontanea umana, casi mai verificatisi a Caronia, dove sono coinvolti sempre e solamente oggetti (da studi più recenti questa ipotesi è stata messa da me in discussione).

Le teorie più convincenti e di recente anche quelle ufficiali, parlano di tecnologia a microonde, capace appunto di creare questo tipo di combustione. Andiamo adesso all’inchiesta degli Operatori di Stato.

Il manifesto della Protezione Civile affisso a Canneto di Caronia

Questo il testo integrale diramato dalle autorità, ed affisso come manifesti formato A4 dalla protezione civile, in tutto il paese e nei dintorni in seguito alle conclusioni della commissione.

Tecnologie militari evolute anche di origine non terrestre, potrebbero esporre in futuro intere popolazioni a conseguenze indesiderate. Gli incidenti di Canneto di Caronia, potrebbero essere stati tentativi di ingaggio militari tra forze non convenzionali, oppure un test non aggressivo mirato allo studio dei comportamenti e delle azioni, in un indeterminato campione territoriale scarsamente antropizzato”.

La chiarezza del documento (purtroppo scomparso il giorno dopo) e la sua provenienza, credo che di per se, siano una prova eclatante e davvero incontrovertibile.

Canneto di Caronia
Gabriele Lombardo a Caronia nel 2015

A Canneto succede qualcosa di davvero poco convenzionale. Scienziati e militari concordano sul fatto, che si tratti di tecnologie sofisticate ed avanzate, di probabile provenienza extraterrestre; ma la cosa più importante che si legge, è che potrebbe riaccadere, ed anche in modo più evidente o in zone più estese, coinvolgendo più popolazione. Dice anche che potrebbero esserci stati scontri tra forze “aliene” e terrestri in loco.

Una domanda e molte risposte

Cosa sta succedendo nella zona di Caronia di Sicilia (al 2012)? Abbiamo la maggiore concentrazione di avvistamenti Ufo d’Italia, più fenomeni paranormali (palesemente di origine artificiale) di tutto il resto d’Italia messo insieme. Abbiamo anche una commissione d’inchiesta di tutto rispetto, un comunicato della protezione civile ed uno stato di calamità permanente (al 2012). A questo aggiungiamo le voci di corridoio, che voglio una base extraterrestre sottomarina a 100 km nord sotto il fondale (in direzione delle isole Eolie). Qualcuno sostiene persino il coinvolgimento del progetto HAARP americano e l’uso di tecnologie sperimentate all’origine da Nikola Tesla. Queste sarebbero state adoperate e sviluppate dal DARPA L’agenzia per la creazione di nuovi sistemi d’arma americana (oggi conosciuti e di dominio pubblico).

Le strane frane dei Nebrodi vicino Canneto di Caronia

Negli ultimi mesi (al 2012), tutta la zona dei Nebrodi sta praticamente franando, gli smottamenti non hanno origine sismica ne vulcanica. Cosa sta provocando tutte queste frane? Ci potrebbe essere un nesso tra gli smottamenti o frane improvvise, l’aprirsi di crepe o addirittura come in un caso l’implosione della cima di una montagna come un castello di carta, ed i fenomeni di autocombustione di Caronia?

A mio avviso si, le frane coinvolgono anche la zona di Caronia, abbiamo video presenti su youtube che le mostrano (al 2012), che ci fanno vedere cosa realmente succede in loco e dintorni.

Potrebbe trattarsi anche in questo caso di esperimenti? Magari di quegli esperimenti, che avrebbero potuto coinvolgere in futuro intere popolazioni ecc. di cui parla il comunicato diramato a Caronia? Io credo proprio di si.

Quali sono le cause?

Secondo me le cause possibili delle frane di Canneto di Caronia, sono due: onde elettromagnetiche o soprattutto microonde ad alta frequenza; queste potrebbero liquefare le montagne al suo interno facendole praticamente implodere, o arricciarle in superficie causando frane e smottamenti. In oltre è perfettamente concordante con la tesi dell’uso di queste tecnologie, che sullo stesso territorio, hanno provocano le autocombustioni. E’ anche verosimile, che queste armi siano usate o testate in loco, per via di specifiche caratteristiche territoriali, quali non saprei proprio dirlo. La Sicilia è ormai territorio di sperimentazione da molti punti di vista, come anche la Sardegna.

Non è altrimenti possibile spiegare il tutto senza cause sismiche e vulcaniche e sostenendo, che si tratti soltanto di un eccessiva stagione piovosa e di normali fenomeni naturali.

Conclusioni

Per concludere, qualcosa di importante sta succedendo nel Messinese, e coinvolge da anni a fasi alterne e spesso con calamità differenti, la zona di Canneto di Caronia e i dintorni. Il tutto è correlato da elicotteri inseguiti o seguiti da UFO, OVNI di forme varie apparsi ovunque o che emergono dall’acqua, fenomeni di autocombustione, liquefazione dei metalli, crolli improvvisi delle case, aumento della temperatura inspiegabile al suolo, frane e smottamenti senza logica di intere montagne e tanto altro ancora.

Canneto di Caronia
Uno scatto degli oggetti bruciati del 2013.
Le foto sono protette da copyright e proprietà esclusiva di Gabriele Lombardo

Che altro ci serve per trarre le nostre conclusioni sul caso di Canneto di Caronia? Avete davvero bisogno di ulteriori conferme? Aprite gli occhi perché non tutto ciò che vediamo è reale e non tutto ciò che sembra irreale lo è realmente, ricordo a tutti, che la realtà può essere manipolata in molti modi, sta a noi discernere la verità o cercare di comprenderla.

Scritto nel febbraio 2012


Note: Molti sono a conoscenza del risvolto finale dell’inchiesta dei Carabinieri, che ha concluso che quasi sessanta incendi sono stati presumibilmente appiccati da uno dei testimoni, il quale sarebbe stato processato ed arrestato.

Molti però non sanno, che gli incendi avvenuti a Canneto di Caronia e zone limitrofe sono stati in circa 12 anni oltre 1200, suddivisi in almeno tre o forse quattro ondate. Alcuni di queste autocombustioni, sono avvenute davanti ad inquirenti, scienziati ed agenti, è ad oggi non hanno alcuna giustificazione.

Quando la mannaia è caduta sul caso, stavo personalmente indagando in loco da 4 anni, con me decine di collaboratori, fotografi, giornalisti d’inchiesta e tecnici, in alcuni casi muniti di attrezzature. Anche volendo accantonare gli incendi, esistono centinaia di episodi non classificati e conosciuti a livello giornalistico, ma ricchi di testimonianze, che in alcuni casi sfociano in veri e propri X-file di tipo cinematografico.

Inoltre, l’intero finale avvenne proprio mentre una nuova ondata di fenomeno ed avvistamenti UFO, che nulla hanno a che fare con la questione delle auto combustioni, se non in alcuni specifici casi, rimangono un mistero aperto.

Nello stesso periodo in cui stavo indagando su diverse piste, tra cui quella ufologica, quella paranormale, quella settaria e quella demoniaca, anche l’università delle scienze di Palermo veniva incaricata di indagare, pochi giorni prima del teatrino mediatico. Il caso di Canneto di Caronia è ancora aperto e senza spiegazioni definitive, ma alcune cose sono lampanti e chiare, interazioni extraterrestri, sperimentazioni di armamenti, ingaggi tra forze ostili, autocombustioni e fenomeni paranormali, in un’area ristretta dentro quella che si chiama Val Demone e che è stata un’antica città greca misteriosamente finita in fiamme.

La pagina completa ed aggiornata la trovi qui.

2 thoughts on “Canneto di Caronia tra: Mistero, UFO e Scienza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *