Privacy Policy Il rover Yutu2 individua due misteriose sfere di vetro sul lato più lontano della luna - Stato di Emergenza

Gli scienziati pensano che le sfere avvistate dal rover Yutu2 siano state create da un recente impatto meteorico, ma risultano essere un’anomalia.

Il rover cinese Yutu2 fa discutere, ma da qualche giorno è diventato protagonista di un mistero lunare, ha individuato infatti due strane sfere di vetro sul lato più lontano ed a noi normalmente non visibile.

Queste sono luccicanti come perle traslucide contro il paesaggio secco e polveroso della luna, le “sferule” lunari sono le prime del loro genere ad essere trovate sulla superficie ricoperta da regolite polverosa e basalto. Esse risultano essersi formate abbastanza di recente, almeno questo dicono i ricercatori.

Presenza di vetro sulla luna

Il vetro è stato avvistato sulla luna prima del rover Yutu2, dalla missione Apollo 16 della NASA, almeno così si evence dallo scritto. Probabilmente però, il fenomeno non era stato oggetto di interesse e quindi studiato.

Le sfere sembra che si formino quando i minerali ricchi di silicio, come il pirosseno e il feldspato, quando vengono rapidamente surriscaldati. Tuttavia, questa è la prima volta che il vetro sulla luna viene osservato sottoforma di sfere. Gli scienziati non conoscono le origini esatte di queste sferule, ma pensano che le palline, o globuli, possano essersi create durante un’eruzione esplosiva nella storia vulcanica della luna o dopo un impatto ad alta velocità con un meteorite. I ricercatori pubblicheranno i loro risultati il 26 febbraio sulla rivista Science Bulletin. Sinceramente non comprendo come i due eventi potessero creare delle sfere, ma ascoltiamo la scienza ufficiale.

Il mistero delle due sfere lunari

“I globuli semplicemente ci fanno impazzire, dal momento che sono così unici sulla luna”, ha detto in una dichiarazione l’autore principale del loro studio Zhiyong Xiao, geologo planetario presso la Sun Yat-sen University in Cina.

“È un peccato che quando abbiamo individuato per la prima volta questo silicio, il rover era appena passato da loro e non sono stati ottenuti dati completi sulla composizione, ma tali globuli potrebbero essere abbastanza comuni nella farside lunare”.

Zhiyong Xiao
rover Yutu sferule di silicio
Le due sfere individuate da Yutu-2 (Image credit: Xiao et al., Science Bulletin)

“Sferule di vetro, note anche come microtektiti, sono state trovate sulla Terra intorno ai siti di impatti di meteoriti, secondo quanto riportato in precedenza da Live Science. Dopo essere stati colpiti da un meteorite, pezzi di crosta planetaria vengono gettati in aria e i minerali di silicato fuso in esso contenuti si combinano per formare minuscole perle di vetro che vengono cosparse come briciole sul paesaggio circostante.”

Science Bulletin)

“Le microtektiti scoperte di recente, che misurano da 0,6 a 1 pollice (da 15 a 25 millimetri) di diametro, sono più grandi di quelle che si trovano sulla Terra. Tuttavia, sono più piccoli dei pezzi di vetro che gli astronauti dell’Apollo 16 hanno trovato vicino a un cratere da impatto sul lato vicino della luna, il più grande dei quali misurava 1,57 pollici (40 mm) di diametro.”

Science Bulletin)

Il luogo del ritrovamento

Secondo i ricercatori cinesi, le microtektiti scoperte da Yutu2 sono state trovate anche vicino a crateri da impatto, questo porta i ricercatori a credere che le minuscole sfere si siano formate da una roccia ignea ricca di feldspati, chiamata anortosite, che si è sciolta e riformata subito dopo una collisione di meteoriti.

“La prima scoperta di globuli di vetro traslucido di dimensioni macro sulla luna conferma che le anortositi lunari sono materie prime eccellenti per produrre occhiali con una buona qualità di ammissione della luce”, ha detto Xiao. “La loro esistenza sulla luna indica che gli eventi di impatto sugli altri corpi planetari potrebbero anche formare occhiali da impatto simili a tektite”.

Science Bulletin)

Raccogliere queste sferule e studiarne la composizione e l’età, potrebbe aiutare gli scienziati a comprendere la storia dell’impatto sulla luna del meteorite, oltre a fornire informazioni utili sui potenziali materiali da costruzione riscontrabili sulla superficie lunare inseguito ad una moltitudine di essi. In pratica i cinesi si preparano alla colonizzazione mineraria del nostro satellite.

“All’alba della costruzione di basi umane sulla luna, le anortositi lunari sono una risorsa promettente e diffusa”, ha detto Xiao.

Science Bulletin)

Il rover Yutu-2

“Il rover Yutu-2, il cui nome significa “coniglio di giada” in mandarino, è stato lanciato dal lander lunare cinese Chang’e 4 nel gennaio 2019 dopo aver completato con successo il primo atterraggio morbido sul lato nascosto della luna. Attraversando il cratere Von Kármán largo 115 miglia (186 chilometri) della luna, il breve tempo del rover sul nostro vicino lunare è stato movimentato. Durante quel periodo, il rover ha effettuato una scansione dettagliata sotto la superficie lunare, ha individuato una misteriosa sostanza “gelatinosa” che si ritiene essere più vetro lunare e ha persino intravisto un oggetto che all’inizio sembrava essere una capanna misteriosa, ma in seguito è stato rivelato come una roccia a forma di coniglio.”

Il rover Yutu-2

Chang’e 4 è la quarta missione cinese sulla luna e la seconda a far atterrare un rover sulla superficie di essa. La Cina ha anche fatto atterrare il suo rover Zhurong su Marte l’anno scorso e sta attualmente costruendo la stazione spaziale Tiangong 1 e 2, di cui la prima dovrebbe essere completata entro la fine del 2022. La Cina ha anche dichiarato che stabilirà una stazione di ricerca lunare sul polo sud della luna entro il 2029. Recenti annunci hanno anche fatto pensare che si prera a creare una installazione militare entro il 2050 con o senza collaborazione russa.

Conclusioni

In pratica il mistero dlele sfere marziane rimane aperto e senza conclusioni, su esso solo ipotesi al momento non confermate. In ogni caso questo misterioso ritrovamento ed il conseguente studio, potrebbero concludersi con una spiegazione tecnico-scientifica. Di fatto potrebbe aumentare l’interesse alla colonizzazione lunare per l’estrazione di importanti minerali. Quest’ultimi sono forse più puri che sulla Terra per via delle condizioni atmosferiche e della superficie.

Di Gabriele Lombardo

Gabriele Lombardo è nato il 17 gennaio 1975 a Palermo. Diplomato al Liceo Artistico e grafico per reti internet/intranet, egli ha acquisito nel tempo maggiori e più precise conoscenze artistico/culturali anche nel campo della clipeologia e degli studi associati e paralleli come il simbolismo, l’archeologia misteriosa e la paleoastronautica (teoria degli antichi astronauti). Esperienze E’ stato investigatore privato ed addetto alla sicurezza, cose che gli sono servite per sviluppare attitudini all’investigazione e le tecniche di analisi. Soprattutto ha sviluppato doti idonee ad un approfondito profilo di investigatore ufologico e del paranormale, nonché più generalmente di tipo misterico. E’ stato aspirante pubblicista-giornalista di controinformazione per quasi quattro anni, scrivendo di guerre, crisi internazionali, scienza, ufologia, archeologia del mistero, complotti internazionali, ecc.. a scritto per X-Time, Seven Network, Seven Radio, Il vespro ed altre riviste o network. Attualmente è anche autore. Convegni e conferenze Fin dall’età di tredici anni è stato appassionato di antiche culture, storia, scienza e misteri di tutti i tipi. Negli anni è stato testimone diretto ed indiretto di molti eventi ufologici ed alcuni paranormali. Nel 2006 intraprende il suo interesse verso l’ufologia, dopo circa sei anni dedicati al paranormale più in generale e comincia a scrivere in rete su vari blog e forum a tema misterico-ufologico. Nel 2010 ad Alcamo (Trapani) effettua il suo primo convegno pubblico con i rappresentanti di CUN, CISU ed un astronomo, su invito dell’Associazione Culturale Impronta di Palermo. Dopo aver fatto alcuni importanti convegni sulla controinformazione, il controspionaggio, la propaganda storica, l’ufologia storica, le scie chimiche e tecnologie come HAARP e MUOS, ha elaborato una propria tesi che unisce insieme la sperimentazione delle tecnologie sopracitate, il fenomeno ufo e le armi ad energia solida o ad energia più ingenerale (laser, microonde, ecc.). Ha anche effettuato un reportage fotografico sul MUOS durante la sua costruzione. Ruoli e gruppi fondati Gabriele Lombardo diventa Coordinatore e Responsabile per Il CUS (Centro Ufologico Siciliano) tra il 2011/2012, dove ha svolto indagini ufologiche territoriali, ha formato un gruppo di sostegno e ricerca per la Sicilia Occidentale, ed ha svolto attività convegnistiche organizzando con esso ben 3 convegni a Carini (Palermo); ha inoltre contribuito alla stesura di un Libro dal titolo “Gli Ufo in Sicilia – Parlano i Testimoni” di Salvatore Giusa, con alcuni casi indagati personalmente e documentati fotograficamente. Nel 2014 fonda l’Associazione Culturale “Nuovo Millennio – UFO Hunter Italia” poi chiusa i primi del 2018, di cui è stata Presidente, organizzando e partecipando come relatore o guida a 13 convegni (Trapani, Palermo, Carini, Caccamo), 10 skywatching ufo/astronomici e 3 gite archeologiche organizzate. Con la stessa Associazione e con il supporto di Giornalisti d’inchiesta, un tecnico del CIR di Roma e ricercatori indipendenti, ha condotto e documentato le indagini degli ultimi 5-6 anni presso Canneto di Caronia (Messina), dove autocombustioni, fenomeni magnetici, contatti alieni, fenomeni paranormali, eventi medianici, anomalie di vario genere ed avvistamenti UFO, hanno generato molte ipotesi. Ha anche condotto indagini sulle rotte UFO sopra le città di Palermo, Marausa-Birgi (Trapani) e Carini-Aeroporto Falcone Borsellino. Ha anche condotto indagini sulla casistica delle Province di Palermo, Trapani ed Agrigento per due anni. E’ anche stato autore di molti avvistamenti fotografati e ripresi. Ha organizzatore numerosi convegni e skywatching, spedizioni investigative, archeologiche ed antropologiche. Interviste ed esperienze radiofoniche e TV Gabriele Lombardo è stato in radio diverse volte come ospite per parlare di temi ufologici, di contattismo, scie chimiche, storia, occultismo, esoterismo, ecc.. E’ anche stato più volte ospite di una TV Monte Lepre (Palermo), dove ha coo-condotto come ospite speciale due trasmissioni a tema ufologico-scientifico-misterico affrontando temi come: il Meteorite di Celiabynsk, area 51, Casistica regionale siciliana e Roswell. Egli è stato intervistato dalla trasmissione TV Voyager dove ha potuto esporre una personale tesi che collegherebbe i fenomeni di Canneto di Caronia con le frane del Messinese di qualche anno fa. E’ stato anche intervistato per la galleria di Tremmonzelli in Sicilia (dove avvengono strani fenomeni, avvistamenti UFO e combustioni spontanee correlate ad anomalie magnetiche ed impulsi elettromagnetici o microonde). Gabriele è anche stato ideatore e Conduttore radiofonico della trasmissione “Nuovo Millennio” che andava in onda ogni venerdì dalle 22:00 alle 00:00 su Radio Carini, e condotta insieme ad altre persone. Gabriele Lombardo è anche cittadino di “Asgardia“, la prima Nazione spaziale che attualmente è in trattativa per un seggio all’ONU ed effettua missioni spaziali automatizzate. Egli ha anche un diploma ad Honorem causa “in antichi culti e religioni” Rilasciato dalla chiesa Universale degli USA ed è autorizzato Press presso la stessa istituzione negli Stati Uniti. Ora è ricercatore indipendente e ha dato e continua a dare il suo contributo alla formazione ed il mantenimento delle attività della F.U.I. (Federazione Ufologica italiana), di cui è uno dei promotori e fondatori. Ruoli nella FUI e pubblicazioni Allo stato attuale è a Capo di alcuni dipartimenti ed è vice Capodipartimento di altri. Nel 2019, ha contribuito alla stesura del libro: Il Paradosso di Fermi. “Where is everybody?” Ricerca Aerospaziale Quaderno n. 4 – Anno 2019 insieme a Dario Del Buono, Francesca Maria Manoni, Giuliana Conforto, Giuseppe GM Quartieri, Laura Quartieri, Paolo Saraceno, Piercamillo Quercia. Gabriele Lombardo si occupa anche di analisi foto video, di investigazione dei casi UFO, di fenomeni ad essi connessi e di tutto ciò che è mistero o scienza, scrive articoli e libri. Mail personale: gabrielelomb75@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.