I tori sacri e le figure antropomorfe con la testa di toro, sono una infinità nelle mitologie e nella storia. Ho voluto ripescare ed aggiornare questo articolo, che reputo un ottimo lavoro.

Minoici e Greci

Raramente sentiamo parlare della civiltà Minoica, ovvero della più grande civiltà europea contemporanea al periodo egizio. Questa civiltà sviluppatasi nell’isola di Creta nel bacino del Mediterraneo, probabilmente non era originaria del posto. Da essa, almeno in gran parte ha avuto evoluzione la civilizzazione ellenica, se non altro da un punto di vista culturale. Questo cominciò di fatto, dopo che l’isola fu invasa e conquistata dai Dori, che in linea di massima, erano ancora quasi dei barbari.

I tori sacri e le antiche civiltà 1
Giochi con i tori nell’antica Creta. Affresco dei resti del palazzo di Knosso.

Sappiamo dalla storia, e dai ritrovamenti archeologici, che essa era la civiltà (attualmente conosciuta) più avanzata in fatto di navigazione, produzione di vasellame e commercio. Abbiamo saputo anche, che fece costruzioni grandiose come il palazzo ed il labirinto di Cnosso (la sua capitale). Sappiamo anche, che in questa civiltà aveva un ruolo importante il toro sacro, ovvero una razza di tori legati a maglie strette alle divinità. Pertanto, anch’essi, erano ritenuti semi divini. Purtroppo ciò che si sa riguardo a questi tori è veramente poco e le scarse notizie pervenuteci provengono da pitture e sculture.

Le corna tra mito e potenza

Nel mondo animale le grandi corna simboleggiano forza, orgoglio e virilità. Vediamo per esempio: Cervi, Stambecchi, Alci, ecc.. Nell’antichità i regnanti, valorosi, i condottieri e i guerrieri venivano raffigurati spesso con questi ornamenti sul capo, che erano emblema di potere ma anche di discendenza divina. Insieme alle corna un altro elemento interessante sono le ali, ma le vedremo in caso in un altro articolo. Basti pensare ad Alessandro Magno, che quando arrivò in Egitto da vincitore nel 333 a.C., venne incoronato con delle corna d’ariete. Lo stesso accadde a Pirro che portava un elmo con delle corna per dimostrare la sua origine divina. Cosa che indirettamente avalla la mia tesi. Orazio e Tibullo cantavano le «corna d’oro» di Bacco e a Roma vi era la famiglia dei Cornelii.

I tori sacri e le antiche civiltà 2
Europa, figlia del re dei Fenici fu sedotta da un toro bianco che poi si trasformo nel Dio Zeus. Con esso procreo alcuni figli, tra cui Minosse re di Creta, che teneva segregato il Minotauro

Una teoria riporta le origini di tali usanze alla mitologia. Quindi la mia tesi è una rivisitazione in chiave “moderna” di antichi miti e leggende. Si narra che Poseidone mandò a Minosse re di Creta, un toro bianco, affinchè quest’ultimo lo sacrificasse sull’altare del dio. Ma Minosse lo ritenne troppo bello, e sacrificò un altro toro. Poseidone per vendicarsi fece innamorare perdutamente del toro la moglie del re, Pasifae. Quest’ultima colta da ardente passione per l’animale e desiderando ardentemente di unirsi ad esso, chiese aiuto a Dedalo, che viveva in esilio a Cnosso.

I tori sacri e le antiche civiltà 3
Teseo e il minotauro in un opera di terracotta

Dedalo costruì una vacca di legno cava nella quale Pasifae potè alloggiare. Il toro si accoppiò con la finta vacca e da questa unione nacque il Minotauro, creatura mostruosa con la testa di toro ed il corpo umano, che ricorda le divinità antiche di Sumer e personaggi dell’epopea di Gilgamesh. 

Tutti i cretesi a conoscenza del tradimento di Pasifae si dilettavano a mostrare le corna a Minosse.

Popoli e riti della Valle dell’Indo

Perché accentuo proprio il discorso sui tori di questa civiltà e non altre cose importanti, vi domanderete? Semplice, perché leggendo Immanuel Velikovsky nel suo secondo testo “Mondi in Collisione 2” (dove l’autore spiega le prove, che suffragano le tesi del primo volume), ho scoperto che il culto dei tori, era presente anche nei popoli della valle dell’Indo (Moenjo Daro e Harrappa). In particolare, furono ritrovati sigilli raffiguranti i giochi con essi protagonisti insieme ad atleti, molto simili a quelli delle pitture cretesi.

Dopo attente riflessioni che mi hanno fatto pensare al culto dei tori dell’antico Egitto e ai racconti di Platone su Atlantide, che parlano di tori sacri, ho pensato che ovviamente c’è una quasi certa comune origine del culto dei giochi con questi animali e di altre cose legate ad essi.

Fonti mesopotamiche

Da fonti mesopotamiche di epoca sumera, babilonese, ittita, e da fonti (anche se più rare) egizie, caldee della Grecia, romane, attiche (zona dell’Asia Minore), indoeuropee, ecc., sappiamo che gli Dei, spesso (soprattutto i principali), indossavano elmi con le corna o copricapi raffiguranti teste di animali. Sappiamo anche, dalle tesi elaborate da Zecharia Sitchin e da altri studiosi sulle teorie degli Dei alieni, in particolar modo degli Annunaki mesopotamici e dei Nefilim biblici (di cui ci parla ancora meglio Mauro Biglino), che questi erano spesso guerrieri. Inoltre, spesso, essi ricoprivano ruoli di comando in battaglia, facendosi guerra tra loro. Talvolta usavano armi di distruzione di massa, che devastavano città ed eserciti di centinai di migliaia di uomini.

Gilgamesh and Enkidu. Uno dei due ha la coda, gli zoccoli , lunghe orecchie sporgenti e le corna da toro.
Gilgamesh and Enkidu. Uno dei due ha la coda, gli zoccoli , lunghe orecchie sporgenti e le corna da toro.

Sembra che si stia parlando di fantascienza o di romanzi fantastici, ma non è così. In effetti conosciamo le parole “Shem” e “Vimana” che indicano i Carri Volanti degli Dei delle culture israelita e ariana. Parole con lo stesso significato le troviamo nelle culture di Cina, Giappone, Siam, Corea, Russia. Le troviamo anche in antiche civiltà come quelle Maya, Azteca, Inca, Greca, Romana, Egiziana, Celtica, in molte tribù lapponi, nelle popolazioni amerinde ed in tante altre ancora.

Descrizioni di eventi celesti riconducibili a Dei su carri volanti in carne ed ossa, che schierano i propri eserciti e scendono sul campo di battaglia tra gli uomini, sono seconde per quantità soltanto a gli eventi che vedono questi Dei abitare nei templi a loro dedicati. Questi esseri spesso giganti, vivono nelle città ad essi consacrate. Nei miti di mezzo pianeta, ma soprattutto in quelli scritti in sanscrito antico, in sumero e dai racconti di epoca Edo (Giappone) e dell’antica Cina imperiale e pre-imperiale, possiamo evincere che le battaglie (soprattutto in cielo) erano ordinarie e riconosciute da tutti i popoli.

I tori sacri e le antiche civiltà 4
Bue Api di Dinastia Tolemaica 400 a.C.

Gli dei e le lunghe corna

Ritorniamo alle figure degli Dei che al momento sono di nostro interesse, ed approfondiamo il legame con il culto dei tori sacri, e ciò che ovviamente ho concluso.

Qui entriamo nella pura ipotesi, che non può (almeno per il momento) ricevere prove definitive a supporto. Poniamo caso che i famosi Annunaki di Sitchin, siano veramente una razza aliena divinizzata dagli umani (cosa, che io credo fermamente). Ovviamente non conosciamo nulla della cultura originale di questi guerrieri provenienti da un presunto pianeta X. Tutte le grandi civiltà post diluviane però, sarebbero nate dalla divisione in territori distinti e separati della superficie abitabile del pianeta. Per fare qualche esempio le Indie toccarono ad Ishtar-Inanna, l’Egitto a Marduk, la Mesopotamia a Ninurta, ecc..

I tori sacri e le antiche civiltà 5
I tori sacri o Bue Api dentro il Sarepeum a Sakkara. L’animale spesso veniva raffigurato con un disco solare tra le corna. Gli Israeliti ne crearono uno e lo adorarono durante l’assenza di Mose nell’Esodo

Sappiamo anche che per qualche ragione, le divinità principali (che sono sempre le stesse in tutte le culture dei popoli mondiali precedenti al monoteismo), cominciarono una sorta di migrazione in vari posti del pianeta. Potremmo addirittura sostenere, che dove essi si fermarono a vivere (dove quindi furono creati i grandi templi ad essi dedicati), nacquero le altre grandi civiltà. Facciamo qualche esempio di queste civiltà: Minoica, Micenea, Celtica e probabilmente anche quelle da cui ebbero origine le più famose culture mesoamericane (per fare qualche esempio a tal riguardo basta ricordare gli Olmechi ed i Nazca).

Gli Dei del Pantheon mondiale

Tutti gli Dei del Pantheon sono raffigurati nella stessa medesima maniera, con barbe, carnagione bianca, occhi chiari, alti almeno il doppio degli uomini, possenti, e con elmi cornuti. I figli semi umani di queste divinità (per esempio nell’antica Grecia ed in particolar modo nell’isola minoica) venivano raffigurati mentre cavalcavano i tori sacri o ad essi consacrati, ed armeggiavano o facevano esercizi ginnici sopra gli stessi. Adesso, immaginiamo che questi guerrieri divini dovessero andare in battaglia senza le loro tecnologie per ragioni a noi incognite, o forse per semplice passatempo. Ricordiamoci che Marte è il Dio della Guerra, Atena della strategia militare, Zeus, Apollo, Poseidone e Diana erano guerrieri incredibili e tutti avevano partecipato alla sconfitta dei Titani.

Questi ultimi, a sua volta guerrieri, volevano spodestare i legittimi Dei, fatto che in pratica ricorda molto gli eventi dei seguaci ribelli di Enki delle tavolette di argilla in cuneiforme.

Ogni Divinità aveva una potentissima arma personale di distruzione e carri volanti o sottomarini per i loro viaggi, ma li usavano entrambi molto raramente in battaglia.

Quindi gli Dei si affrontavano con i loro eserciti in mezzo agli umani adottando le strategie di battaglia umane. Forse però, sarebbe più opportuno dire che è l’esatto contrario. Gli umani adottarono le strategie di guerra degli Dei. Il cavallo di certo non sarebbe stato un animale adeguato ad essere cavalcato da un Dio, le dimensioni doppie di un Annunaky rispetto ad un uomo lo avrebbero infatti reso inutile. L’unico animale addomesticabile capace (forse) di sopportare il peso di uno di essi, erano proprio i tori sacri.

Il Bue Api come un cavallo

Basandoci sulle tombe dei buoi Api dell’Antico Egitto e sulle pitture dell’isola di Creta; possiamo dedurre che i tori sacri erano più grandi di quelli, che oggi vediamo normalmente negli allevamenti. Essi erano animali di dimensioni veramente incredibili. In alcune leggende omeriche si parla persino di tori robot a vapore (quindi meccanici) alti più del doppio di un uomo. Giusto per fare un esempio, il toro meccanico, fu sconfitto da Giasone (il comandante degli Argonauti), che guarda caso è un semi-Dio perché nipote di Poseidone (Dio di Tiro e dei Mari -praticamente l’Enky sumero-).

I tori sacri e le antiche civiltà 6
Antico bassorilievo mesopotamico in terracotta (circa 2250 – 1900 a.C.) che raffigura Gilgameš mentre uccide il toro celeste.

Se gli Dei usavano i tori sacri come cavalcature da battaglia, è possibile che la sconfitta di uno di essi (visto che tra Dei non si uccidevano), fosse ricordata proprio con l’abbattimento della bestia sacra consacrata alla divinità perdente. Pertanto risulta probabile che si facesse un calco della sua testa, che diveniva a sua volta, copricapo per il Dio vincitore.

I tori sacri e le antiche civiltà 7
Gilgamesh e Enkidu mentre uccido il guardiano cornuto della foresta
dei cedri Humbaba.
I tori sacri e le antiche civiltà 8
Gilgamesh cavalca un toro sacro nell’Epopea omonima. Bassorilievo di un cilindro sumero.

In effetti quest’affermazione che sto facendo, non sarebbe completamente infondata, sappiamo per certo, che in molti culti antichi di civiltà ormai scomparse come gli Egizi, i Celti ed i Macedoni c’era l’usanza di realizzare le maschere d’oro ricavate dai calchi dei volti dei grandi eroi e grandi re defunti. Forse questa usanza potrebbe aver avuto origine da una ancora più antica? Secondo me, sì. In ogni caso, un altro esempio lo troviamo presso i Normanni, che raffiguravano i loro grandi condottieri con elmi cornuti. Questi avevano principalmente scopi mistici e di dimostrazione di rango e potere. In questi casi dunque non venivano usati in battaglia.

Gli elmi cornuti

Lo stesso accadeva per i vichinghi i cui Dei norreni avevano tutti ali e corna nei propri elmi, esattamente come negli Dei greci e romani. Nelle cerimonie di tutti i popoli del mondo con una cultura ancora tribale, i copricapi sono simbolo di potere, divinità, fama e potenza, spesso raffigurano la vittoria sul male, sui demoni, sugli spiriti malvagi, ecc.. Nei grandi imperi americani pre-colombiani per esempio era normale, che gli uomini prendessero le sembianze simboliche di un Dio. Era altrettanto normale, che questo venisse fatto utilizzando pelli di giaguaro, acconciature di piume di uccello ed addirittura creando le sembianze di animali quali il falco, l’aquila, il condor e tanti altri, usando parti dei loro corpi.

I tori sacri e le antiche civiltà 9
L’elmetto celtico di Waterloo.
I tori sacri e le antiche civiltà 10
L’elmo cornuto di Casaselvatica

Le tombe dei buoi Api

Se andiamo nel Serapeum a Saqqara (Egitto), troviamo molte tombe sacre ad i tori sacri o Buoi Api, definiti i tori neri. Come abbiamo detto prima, le dimensioni di tali tombe dimostrerebbero, che si trattava di animali davvero grandi (almeno una volta e mezza le dimensioni di un toro moderno).

Nelle immagini rappresentanti questi tori, li vediamo sempre decorati da un disco solare tra le corna (simbolo per eccellenza degli Annunaki). La stessa decorazione la ritroviamo tra le corna del toro d’oro forgiato dagli esuli ebrei dopo la fuga d’Egitto, almeno secondo i diversi testi sacri che parlano dell’esodo: forse una rimembranza del culto Api o un ricordo degli antichi Dei?

La legenda del minotauro e quella di Marduk a confronto

Un’altra stranezza di epoca minoica e tramandata in molte culture e mitologie, è quella del Minotauro. Ma se non fosse stato un mito? In effetti i resti del presunto labirinto in cui il mezzo umano fu segregato sono stati trovati. Poniamo il caso che in realtà esso fosse un umano gigante, in pratica un Dio o un semi-Dio, e che la caricatura simbolica della testa di toro, che gli si affibbia identificasse semplicemente, che era figlio del Dio (Enki o Enlil), che portava sul suo capo l’elmo cornuto.

Poniamo il caso che questo presunto Dio o semi-Dio dovesse essere segregato in un luogo da cui non si poteva uscire. La faccenda, in qualche modo, ricorderebbe la ribellione di Marduk (figlio maggiore di Enki), che perdendo una battaglia con i figli di Enlil (in particolar modo contro Ninurta il grande condottiero), fu rinchiuso nelle segrete di un tempio usato come punto di riferimento per la navigazione aerea. E se il monumento in questione non fosse stato la grande piramide di Cheope come dice Sitchin, ma il palazzo di Minosse? E se la camera dove Sitchin pensava si trovasse rinchiuso Marduk, non fosse stata la camera dei re della piramide, ma fosse stato il labirinto delle segrete del palazzo cretese crollato su se stesso, forse durante un cataclisma o una battaglia distruttiva?

Ribadisco, che si tratta di mie ipotesi, ma invito tutti a riflettere sui collegamenti che ho tracciato. Questi, sono solo la punta di un iceberg. D’altra parte sempre secondo Sitchin, il bestiame d’allevamento e l’allevamento stesso sono stati introdotti dagli Annunaki. Questo sarebbe avvenuto direttamente dal loro mondo natale “Nibiru”. Pecore, capre e mucche sarebbero quindi state importate dal loro pianeta.

Simbologia

Poniamo caso che ciò possa essere vero, forse i buoi Api ed i tori sacri erano un potente simbolo del loro mondo, e forse gli stessi animali provenivano da esso. Non dimentichiamoci comunque la simbologia, essa ci impone di soffermarci su una costatazione tanto logica quanto fondamentale, tutte le culture, che hanno vissuto almeno parte della loro storia nell’era del toro, raffiguravano in qualche modo i tori o li divinizzavano. Anche se sembra semplicistico, alla fine è una spiegazione plausibile e elementare, che porta ad avere un collegamento con l’allineamento delle costellazioni ed il movimento precessionale. Ma siamo davvero certi che sia il vero motivo o il solo?

Il Dio cornuto Indù Sarasvati.
Il Dio cornuto Indù Sarasvati.

Il Dio Cernunnos dei Celti e della Val Camonica

cernunnos Val Camonica
Sulla Roccia n. 70 della Val Camonica, si trova una probabile raffigurazione del Dio Cernunnos, forse un dio alieno cornuto ed alto come un Annunaki?

Sulla Roccia n. 70, che costituisce una piccola porzione di roccia posta a valle della Roccia n. 71, è incisa una figura di grandi dimensioni, interpretata da alcuni come il dio Cernunnos. Accanto ad esso, forse un personaggio in atteggiamento di preghiera (orante).

Cernunnos dei Celti
Il Dio celtico cornuto Cernunnos.

Il Dio ha corna di cervo sulla testa come in genere è per le sue varie raffigurazioni. Al braccio destro sembra che porti un’armilla (bracciale). Nella mano invece, sembrerebbe che impugna un coltello. Nel mondo celtico transalpino tarde raffigurazioni mostrano il Dio seduto a gambe incrociate, con armille e coltelli e circondato da animali domestici e selvatici. Una celebre immagine del dio Cernunnos è raffigurata sul calderone di Gundestrup (Danimarca), databile alla prima metà del I sec. a.C.

Di Gabriele Lombardo

Gabriele Lombardo è nato il 17 gennaio 1975 a Palermo. Diplomato al Liceo Artistico e grafico per reti internet/intranet, egli ha acquisito nel tempo maggiori e più precise conoscenze artistico/culturali anche nel campo della clipeologia e degli studi associati e paralleli come il simbolismo, l’archeologia misteriosa e la paleoastronautica (teoria degli antichi astronauti). Esperienze E’ stato investigatore privato ed addetto alla sicurezza, cose che gli sono servite per sviluppare attitudini all’investigazione e le tecniche di analisi. Soprattutto ha sviluppato doti idonee ad un approfondito profilo di investigatore ufologico e del paranormale, nonché più generalmente di tipo misterico. E’ stato aspirante pubblicista-giornalista di controinformazione per quasi quattro anni, scrivendo di guerre, crisi internazionali, scienza, ufologia, archeologia del mistero, complotti internazionali, ecc.. a scritto per X-Time, Seven Network, Seven Radio, Il vespro ed altre riviste o network. Attualmente è anche autore. Convegni e conferenze Fin dall’età di tredici anni è stato appassionato di antiche culture, storia, scienza e misteri di tutti i tipi. Negli anni è stato testimone diretto ed indiretto di molti eventi ufologici ed alcuni paranormali. Nel 2006 intraprende il suo interesse verso l’ufologia, dopo circa sei anni dedicati al paranormale più in generale e comincia a scrivere in rete su vari blog e forum a tema misterico-ufologico. Nel 2010 ad Alcamo (Trapani) effettua il suo primo convegno pubblico con i rappresentanti di CUN, CISU ed un astronomo, su invito dell’Associazione Culturale Impronta di Palermo. Dopo aver fatto alcuni importanti convegni sulla controinformazione, il controspionaggio, la propaganda storica, l’ufologia storica, le scie chimiche e tecnologie come HAARP e MUOS, ha elaborato una propria tesi che unisce insieme la sperimentazione delle tecnologie sopracitate, il fenomeno ufo e le armi ad energia solida o ad energia più ingenerale (laser, microonde, ecc.). Ha anche effettuato un reportage fotografico sul MUOS durante la sua costruzione. Ruoli e gruppi fondati Gabriele Lombardo diventa Coordinatore e Responsabile per Il CUS (Centro Ufologico Siciliano) tra il 2011/2012, dove ha svolto indagini ufologiche territoriali, ha formato un gruppo di sostegno e ricerca per la Sicilia Occidentale, ed ha svolto attività convegnistiche organizzando con esso ben 3 convegni a Carini (Palermo); ha inoltre contribuito alla stesura di un Libro dal titolo “Gli Ufo in Sicilia – Parlano i Testimoni” di Salvatore Giusa, con alcuni casi indagati personalmente e documentati fotograficamente. Nel 2014 fonda l’Associazione Culturale “Nuovo Millennio – UFO Hunter Italia” poi chiusa i primi del 2018, di cui è stata Presidente, organizzando e partecipando come relatore o guida a 13 convegni (Trapani, Palermo, Carini, Caccamo), 10 skywatching ufo/astronomici e 3 gite archeologiche organizzate. Con la stessa Associazione e con il supporto di Giornalisti d’inchiesta, un tecnico del CIR di Roma e ricercatori indipendenti, ha condotto e documentato le indagini degli ultimi 5-6 anni presso Canneto di Caronia (Messina), dove autocombustioni, fenomeni magnetici, contatti alieni, fenomeni paranormali, eventi medianici, anomalie di vario genere ed avvistamenti UFO, hanno generato molte ipotesi. Ha anche condotto indagini sulle rotte UFO sopra le città di Palermo, Marausa-Birgi (Trapani) e Carini-Aeroporto Falcone Borsellino. Ha anche condotto indagini sulla casistica delle Province di Palermo, Trapani ed Agrigento per due anni. E’ anche stato autore di molti avvistamenti fotografati e ripresi. Ha organizzatore numerosi convegni e skywatching, spedizioni investigative, archeologiche ed antropologiche. Interviste ed esperienze radiofoniche e TV Gabriele Lombardo è stato in radio diverse volte come ospite per parlare di temi ufologici, di contattismo, scie chimiche, storia, occultismo, esoterismo, ecc.. E’ anche stato più volte ospite di una TV Monte Lepre (Palermo), dove ha coo-condotto come ospite speciale due trasmissioni a tema ufologico-scientifico-misterico affrontando temi come: il Meteorite di Celiabynsk, area 51, Casistica regionale siciliana e Roswell. Egli è stato intervistato dalla trasmissione TV Voyager dove ha potuto esporre una personale tesi che collegherebbe i fenomeni di Canneto di Caronia con le frane del Messinese di qualche anno fa. E’ stato anche intervistato per la galleria di Tremmonzelli in Sicilia (dove avvengono strani fenomeni, avvistamenti UFO e combustioni spontanee correlate ad anomalie magnetiche ed impulsi elettromagnetici o microonde). Gabriele è anche stato ideatore e Conduttore radiofonico della trasmissione “Nuovo Millennio” che andava in onda ogni venerdì dalle 22:00 alle 00:00 su Radio Carini, e condotta insieme ad altre persone. Gabriele Lombardo è anche cittadino di “Asgardia“, la prima Nazione spaziale che attualmente è in trattativa per un seggio all’ONU ed effettua missioni spaziali automatizzate. Egli ha anche un diploma ad Honorem causa “in antichi culti e religioni” Rilasciato dalla chiesa Universale degli USA ed è autorizzato Press presso la stessa istituzione negli Stati Uniti. Ora è ricercatore indipendente e ha dato e continua a dare il suo contributo alla formazione ed il mantenimento delle attività della F.U.I. (Federazione Ufologica italiana), di cui è uno dei promotori e fondatori. Ruoli nella FUI e pubblicazioni Allo stato attuale è a Capo di alcuni dipartimenti ed è vice Capodipartimento di altri. Nel 2019, ha contribuito alla stesura del libro: Il Paradosso di Fermi. “Where is everybody?” Ricerca Aerospaziale Quaderno n. 4 – Anno 2019 insieme a Dario Del Buono, Francesca Maria Manoni, Giuliana Conforto, Giuseppe GM Quartieri, Laura Quartieri, Paolo Saraceno, Piercamillo Quercia. Gabriele Lombardo si occupa anche di analisi foto video, di investigazione dei casi UFO, di fenomeni ad essi connessi e di tutto ciò che è mistero o scienza, scrive articoli e libri. Mail personale: gabrielelomb75@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *